Crediti formativi universitari con Le Vie dei Tesori

Il Festival apre le porte agli studenti che vogliono collaborare alla prossima edizione, in veste di mediatori, supervisori o addetti all’accoglienza

di Redazione

Mediatori, supervisori, addetti all’accoglienza. Collaborando ad un grande festival che negli ultimi anni ha raccolto attorno a sé le città, non solo in Sicilia, ed è stato riconosciuto tra le iniziative di massimo richiamo turistico dell’Isola. Le Vie dei Tesori apre le porte agli universitari e offre la possibilità di un’esperienza formativa – di alto profilo e sul campo – nell’ambito dell’accoglienza, della promozione turistica e della valorizzazione del patrimonio artistico, culturale, storico e naturalistico.

Tutto nasce dalla stretta collaborazione tra l’Università degli Studi di Palermo – in seno alla quale il festival ha mosso i primi passi, dodici anni fa – e l’associazione Le Vie dei Tesori Onlus. Agli studenti è offerta la possibilità di svolgere attività formative durante il Festival Le Vie dei Tesori, che si svolgerà a Palermo dal 4 ottobre al 3 novembre. Gli studenti potranno prendere parte attivamente alla manifestazione inviando la propria candidatura come mediatori nei luoghi del Festival, supervisori durante gli eventi e gli itinerari urbani o addetti all’accoglienza e agli info point.

D’intesa con i rispettivi coordinatori, l’attività durante il Festival prevede il riconoscimento di tre crediti formativi universitari per attività formative (tipologia F – 25 ore) per gli studenti dei corsi di laurea, afferenti alla Scuola delle Scienze umane e del Patrimonio culturale: corso L – 3 – Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo; corso L – 5 – Studi Filosofici e Storici; corso L M-14 – Filologia Moderna – Italianistica; corso L M-38 – Lingue Moderne e Traduzione per le Relazioni Internazionali e, infine, corso L M-78 – Scienze Filosofiche e Storiche. Previsto, inoltre, il riconoscimento di due crediti per attività formative (tipologia F – 50 ore) per gli studenti del Corso di laurea LM-4, Architettura, afferente alla Scuola Politecnica.

Gli studenti interessati possono rivolgersi ai docenti referenti per i singoli corsi di Laurea e all’indirizzo dell’associazione Le Vie dei Tesori Onlus didattica@leviedeitesori.it entro il prossimo 30 aprile.

Il Festival apre le porte agli studenti che vogliono collaborare alla prossima edizione, in veste di mediatori, supervisori o addetti all’accoglienza

di Redazione

Mediatori, supervisori, addetti all’accoglienza. Collaborando ad un grande festival che negli ultimi anni ha raccolto attorno a sé le città, non solo in Sicilia, ed è stato riconosciuto tra le iniziative di massimo richiamo turistico dell’Isola. Le Vie dei Tesori apre le porte agli universitari e offre la possibilità di un’esperienza formativa – di alto profilo e sul campo – nell’ambito dell’accoglienza, della promozione turistica e della valorizzazione del patrimonio artistico, culturale, storico e naturalistico.

Tutto nasce dalla stretta collaborazione tra l’Università degli Studi di Palermo – in seno alla quale il festival ha mosso i primi passi, dodici anni fa – e l’associazione Le Vie dei Tesori Onlus. Agli studenti è offerta la possibilità di svolgere attività formative durante il Festival Le Vie dei Tesori, che si svolgerà a Palermo dal 4 ottobre al 3 novembre. Gli studenti potranno prendere parte attivamente alla manifestazione inviando la propria candidatura come mediatori nei luoghi del Festival, supervisori durante gli eventi e gli itinerari urbani o addetti all’accoglienza e agli info point.

D’intesa con i rispettivi coordinatori, l’attività durante il Festival prevede il riconoscimento di tre crediti formativi universitari per attività formative (tipologia F – 25 ore) per gli studenti dei corsi di laurea, afferenti alla Scuola delle Scienze umane e del Patrimonio culturale: corso L – 3 – Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo; corso L – 5 – Studi Filosofici e Storici; corso L M-14 – Filologia Moderna – Italianistica; corso L M-38 – Lingue Moderne e Traduzione per le Relazioni Internazionali e, infine, corso L M-78 – Scienze Filosofiche e Storiche. Previsto, inoltre, il riconoscimento di due crediti per attività formative (tipologia F – 50 ore) per gli studenti del Corso di laurea LM-4, Architettura, afferente alla Scuola Politecnica.

Gli studenti interessati possono rivolgersi ai docenti referenti per i singoli corsi di Laurea e all’indirizzo dell’associazione Le Vie dei Tesori Onlus didattica@leviedeitesori.it entro il prossimo 30 aprile.

Condividi
Tags

In evidenza

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

L’assessorato al Centro storico si apre ai palermitani

In tanti hanno partecipato all’esperienza del festival Le Vie dei Tesori al Noviziato dei Crociferi, guidata dall’assessore Maurizio Carta. Un’occasione per capire come funziona la macchina comunale con visite agli uffici, al cortile e alla terrazza affacciata sul mare

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Articoli correlati