Serata speciale alle catacombe dei Cappuccini

Video di Giulio Giallombardo

“Per la prima volta mi trovo qui nel giorno in cui si celebrano i defunti e per me è un’emozione unica”. Circondato dalle mummie tra le più famose al mondo, l’antropologo Dario Piombino-Mascali lo ha confessato ieri sera, 2 novembre, al termine dell’affollata visita speciale delle Vie dei Tesori alle catacombe dei Cappuccini di Palermo. Ispettore onorario della Regione Siciliana per il patrimonio mummificato, direttore del Progetto mummie siciliane, ma anche conservatore delle catacombe dei Cappuccini e docente in Lituania, Piombino-Mascali conosce quelle mummie una per una.

Piombino-Mascali durante la visita

“Incontri come questo riguardano l’antropologia pubblica di Palermo – sottolinea il paleopatologo messinese – un’occasione per condividere le scoperte dell’ultimo decennio relative a questo sito così importante. Parliamo delle pratiche di sepoltura, dei risultati delle indagini scientifiche ma anche dei personaggi sepolti alle catacombe che sono tanti e anche interessanti, come pittori, eroi risorgimentali, cantanti lirici, pianisti, librai. Vogliamo dare nuova luce a questa ‘Spoon river’ siciliana, di cui si conoscono solo alcuni aspetti”.

Durante la visita, l’antropologo si è soffermato sulla mummia della piccola Rosalia Lombardo, morta a 2 anni il 6 dicembre 1920, considerata tra le meglio conservate al mondo, adesso custodita in una teca speciale per preservarla. In tanti tra i lunghi corridoi del grande cimitero sotterraneo dei Cappuccini hanno osservato i corpi mummificati di persone di diversa età e estrazione sociale, con abiti perfettamente conservati.

Visitatori all’ingresso delle catacombe

Protagonista dei racconti della serata anche Alfredo Salafia, imbalsamatore celebre nato a metà Ottocento che si occupò della salma di Rosalia, ma anche di quelle di Francesco Crispi (che lui “restaurò” dopo una prima imbalsamazione precaria a Napoli) e di Giuseppe Pitrè. Salafia aveva messo a punto una particolare formula chimica segreta per la conservazione dei corpi; formula che Piombino-Mascali ha scoperto e studiato.

Condividi
Tags

In evidenza

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

A lezione di felicità col maestro buddista Tsenshab Serkong Rinpoce

Il giovane lama sarà a Palermo per una tre giorni organizzata dal Centro Muni Gyana, preceduta da una conferenza aperta che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Ultimi articoli

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Articoli correlati