Le mille vite di “Nessun dorma”

La romanza di Turandot, tra le più celebri del repertorio operistico, è diventata anche icona musicale pop, inselvatichita da numerosi arrangiamenti

Blog
Palco all’opera
di Giovanni Mazzara

Giovanni Mazzara
Giovanni Mazzara

“Nessun dorma”, romanza di Turandot tra le più celebri del repertorio operistico, è diventata anche icona musicale pop, inselvatichita da numerosi arrangiamenti e colonna sonora di eventi sportivi e politici di ogni tipo. Non volendo scomodare i grandi interpreti che l’hanno eseguita nel tempo: da Jussi Bjorling a Miguel Fleta, da Franco Corelli a Luciano Pavarotti, mi piace proporvi le interpretazioni di due donne grandi interpreti della musica pop.

La prima è Aretha Franklin accompagnata da grande orchestra e coro. L’arrangiamento è al limite del buon gusto, le lingue cantate sono tre: italiano, inglese e quella inventata dalla stessa Franklin. La presenza del bambino alla fine del brano è molto kitsch. Ma la voce e la presenza scenica della Franklin meritano l’ascolto (qui il brano).

Un’altra interprete femminile ci presenta la sua versione di “Nessun dorma”: Mina. Qui l’arrangiamento è decisamente pop (ascolta) e la differenza la fa l’interpretazione della grande cantante che in questo brano inciso nel 2009, alla soglia dei 70 anni, ci incanta con la sua voce ancora fresca porgendo le parole con una intensità pari alla struggente dolcezza del suo canto.

Condividi
Tags

In evidenza

La Palermo degli anni Trenta rivive in una mostra

All’Albergo delle Povere un allestimento racconta la città di un secolo fa attraverso oggetti originali, filmati storici, pannelli esplicativi e ricostruzioni tridimensionali

Nascerà un itinerario geologico lungo la scogliera di Cefalù

Un percorso tematico per la valorizzazione dei fossili sarà realizzato grazie alla collaborazione tra il Comune e il Parco delle Madonie, con la partecipazione dell'Università di Palermo. Saranno installate targhe e codici Qr per informazioni sul sito in tempo reale

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Ultimi articoli

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Articoli correlati