Le ‘5 vele’ navigano in Sicilia: Pantelleria regina del mare

La perla nera del Mediterraneo è l’unica località dell’Isola premiata col massimo riconoscimento della Guida Blu 2020 di Legambiente e Touring Club Italiano

di Marco Russo

Uno spicchio di Sicilia tra i mari più belli e puliti d’Italia. L’Isola torna quest’anno tra le regioni italiane a meritarsi le Cinque vele, il punteggio massimo del riconoscimento con cui da vent’anni Legambiente e Touring Club Italiano danno un giudizio sullo stato di salute dei mari italiani. La “regina” dei mari siciliani è Pantelleria, tra le quindici località italiane premiate con le Cinque vele della Guida Blu 2020, dove – secondo Legambiente e Touring Club – trascorrere una vacanza attenta all’ambiente, all’insegna di natura e acqua pulita, ma anche di eccellenze enogastronomiche e luoghi d’arte.

La costa di Pantelleria (foto Luca Volpi, Wikipedia)

L’isola – fanno sapere dal Parco nazionale di Pantelleria – è stata scelta per la sua ricchezza in termini di biodiversità ed esperienze da vivere. Non solo mare, quindi, ma anche trekking, bike e wellness naturalistico. Il consiglio di “Vacanze Italiane”, nuova guida online di Legambiente e Touring Club Italiano con oltre 200 proposte di itinerari in tutta Italia, è quello di percorrere a piedi i sentieri della Montagna Grande, di Monte Gibele, fino al lago di Venere e poi giù verso la costa, alla scoperta delle calette più nascoste mai troppo affollate, dove predominano i contrasti della pietra lavica e del mare.

Il Laghetto delle Ondine

“Un trekking che porta alla scoperta dei piccoli borghi, come Bugeber, e segue il profilo del paesaggio quasi completamente votato all’agricoltura e alla coltivazione della vite ad alberello, patrimonio Unesco dell’isola – aggiungono dal Parco – . Elementi integranti di quel turismo esperienziale che l’Ente Parco ha già reso possibile attraverso i virtual tour dell’isola che, arricchiti di contenuti suggestivi e realistici come la voce dei protagonisti dell’isola e foto in dettaglio, sono capaci di anticipare l’esperienza di viaggio”.

Uno scorcio di Salina

Ma Pantelleria, se è l’unica località siciliana a aver ottenuto le Cinque vele nel 2020, non è la sola a occupare le zone alte della classifica. Sono dieci, infatti, i luoghi che si piazzano subito dopo con Quattro vele. A partire dal Salina, che da sola comprende tre localita: Leni, Malfa e Santa Marina di Salina. Poi ci sono Noto, il litorale trapanese nord con Erice, Custonaci e San Vito Lo Capo; Favignana, Lampedusa e Linosa, e infine Porto Palo di Capo Passero. Tutte hanno ottenuto ottimi punteggi per qualità dell’accoglienza e la sostenibilità turistica, lo stato di conservazione del territorio e la sostenibilità, la pulizia del mare e delle spiagge, la presenza di luoghi d’interesse culturale e la ricchezza dei fondali.

Condividi
Tags

In evidenza

Porta Nuova presa d’assalto dal popolo delle Vie dei Tesori

Porta Nuova apre per la prima volta in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Già nel primo weekend tanti visitatori hanno salito gli ottanta alti gradini che dal piano di Palazzo Reale conducono fino al corridoio scoperto di collegamento tra la residenza normanna e la Porta costruita nel 1460, riedificata un secolo dopo dal viceré di Sicilia Marcantonio Colonna per celebrare l’arrivo di Carlo V

L’assessorato al Centro storico si apre ai palermitani

In tanti hanno partecipato all’esperienza del festival Le Vie dei Tesori al Noviziato dei Crociferi, guidata dall’assessore Maurizio Carta. Un’occasione per capire come funziona la macchina comunale con visite agli uffici, al cortile e alla terrazza affacciata sul mare

Le Vie dei Tesori svela Catania e Acireale per cinque weekend

Diciannove luoghi nel capoluogo più altri sette nella vicina città alle pendici dell'Etna. Tantissime esperienze fuoriporta, quattro imperdibili passeggiate. Dalle chiese alla luce delle candele alle tombe romane, dai mastri d’ascia alle artiste della cartapesta, dai tour rurali ai giardini tropicali

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Articoli correlati