L’altare barocco nel santuario di Gibilmanna