La Testa di Ade arriva a Palermo: Barbablù al Salinas per tre giorni

Il reperto proveniente dal museo di Aidone è arrivato nel capoluogo in occasione della presentazione del festival che si svolgerà nell’area archeologica di Morgantina

di Redazione

Un ponte da Morgantina a Palermo attraversato da uno dei reperti più importanti riconsegnati alla Sicilia. Per tre giorni – da oggi a domenica 8 agosto – la Testa di Ade, il reperto trafugato da Morgantina, ritrovata al Getty Museum di Malibu e custodita al museo di Aidone, è esposta al Salinas di Palermo. Conosciuta con il nome di Barbablù, per il colore dei riccioli della barba, l’opera è stata scelta come immagine del BarbablùFest che si aprirà il 19 agosto nell’area archeologica di Morgantina ed è stato presentato oggi al museo archeologico Salinas (ve ne abbiamo parlato qui).

La Testa di Ade

La trasferta di Barbablù a Palermo, nato dalla collaborazione tra il museo di Aidone e il Salinas, è un’occasione imperdibile per palermitani e turisti. L’esposizione rimanda all’incredibile collezione del sito ennese – l’imponente Dea, gli Acroliti di Demetra e Kore e gli argenti, tutti tesori trafugati da scavi clandestini e restituiti all’Italia, una “collezione magnifica che pochi conoscono, ma che abbiamo il dovere di riportare all’attenzione di tutti” dice il direttore del sit ennese Liborio Calascibetta – e nello stesso tempo, fa conoscere la prima edizione della rassegna di teatro e musica che si inaugurerà tra poche settimane.

Il Tesoro di Morgantina

La Testa di Ade per tre giorni (che sono anche i primi in cui è previsto il green pass per l’accesso ai musei in tutta Italia) farà parte del percorso abituale di visita del museo archeologico palermitano. Stasera e domani il Salinas sarà aperto fino a mezzanotte, domenica fino alle 19 e sono previste visite guidate a cura di CoopCulture. Già stamattina moltissimi visitatori curiosi si sono riversati al Museo, che in questi giorni viaggia sui 250 biglietti al giorno. “La Testa di Ade sarà un regalo per chi visita il Salinas in questi giorni – dice la direttrice Caterina Greco – ma come numero di ingressi siamo pari al 2018 che è stato un anno fantastico per la cultura. Insomma, una ripresa bellissima, speriamo che da Palermo questo successo si riversi su Morgantina”.

Il museo Salinas di Palermo

“Un progetto che abbiamo voluto con forza per valorizzare questi luoghi unici della Sicilia centrale – dice riferendosi al festival, l’assessore regionale ai Beni culturali, Alberto Samonà – : guardiamo alla ripresa accogliendo migliaia di visitatori ai quali offrire più di un’occasione per scoprire non solo le mete più conosciute, ma anche siti lontani dai tradizionali circuiti turistici. E questo attraverso i molteplici linguaggi dell’arte, tra narrazioni, teatro e musica, nel nome dell’identità e della bellezza”.

Condividi
Tags

In evidenza

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Porta Nuova presa d’assalto dal popolo delle Vie dei Tesori

Porta Nuova apre per la prima volta in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Già nel primo weekend tanti visitatori hanno salito gli ottanta alti gradini che dal piano di Palazzo Reale conducono fino al corridoio scoperto di collegamento tra la residenza normanna e la Porta costruita nel 1460, riedificata un secolo dopo dal viceré di Sicilia Marcantonio Colonna per celebrare l’arrivo di Carlo V

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Articoli correlati