La Regione vuole comprare l’Albergo delle Povere

Il governo è disponibile ad acquistare la parte dell’edificio di proprietà dell’Ipab che aveva già manifestato l’intenzione di vendere i propri spazi

di Redazione

Un’occasione di rilancio per l’Albergo delle Povere di Palermo. La Regione Siciliana, già proprietaria di una parte del bene, intende acquistare anche la restante porzione dell’edificio che oggi è di proprietà dell’Ipab “Principe di Palagonia e Conte di Ventimiglia”. Lo ha deciso il governo regionale dopo che lo scorso cinque novembre l’Istituto, in precarie condizioni economiche, aveva pubblicato un avviso per dichiarare la propria disponibilità all’affitto, anche frazionato, della porzione dell’immobile che le appartiene, circa 9.500 metri quadrati.

Il prospetto dell’Albergo delle Povere

Sono stati avviati, a livello informale – fanno sapere dalla Regione – contatti con il Consiglio di amministrazione dell’Ipab che ha già manifestato disponibilità a vendere i propri spazi all’assessorato dei Beni culturali. L’importo dovrà essere determinato dal dipartimento regionale tecnico. In ogni caso, qualora non dovesse essere raggiunto un accordo, la Regione disporrà comunque l’acquisizione dell’immobile mediante espropriazione per pubblica utilità. Un’azione che, oltre a rispondere a evidenti interessi di tutela e di conservazione del complesso edilizio, risulta quantomai stringente proprio per la volontà manifestata dall’Ipab di affittare i propri locali anche in modo frazionato.

Chiesa di Santa Maria della Purificazione, all’interno dell’Albergo delle Povere

L’ipotesi di affitto dell’edificio paventata dall’Ipab – ha affermato il governatore Nello Musumeci – “potrebbe avere nefande conseguenze per il prestigioso edificio già ridotto, in quella porzione, in uno stato di completo abbandono. L’acquisizione dell’intero complesso, invece, oltre a valorizzare la parte già di proprietà della Regione Siciliana, consentirebbe, con i suoi saloni di rappresentanza e i suoi ampi spazi interni, di realizzare un ampio spazio culturale ed espositivo di cui Palermo ha bisogno”.

L’Albergo delle Povere, che fino ai primi anni dell’800 si chiamava “Real albergo dei poveri”, fu progettato dall’architetto Orazio Furetto nel 1746 e venne inaugurato nel 1772 con lo scopo di accogliere i disabili meno abbienti, giovani vagabondi e orfani. Nel gennaio del 2004 è stato dichiarato dalla Regione di interesse culturale.

Condividi
Tags

In evidenza

Cefalù fa il bis con Le Vie dei Tesori tra chiese inedite e studi d’artista

Il festival torna per il secondo anno consecutivo nella cittadina normanna. Aprono le porte sei luoghi, si aggiungono quattro esperienze e una passeggiata. Percorsi tra arte e natura, antiche vestigia e sentieri verdi che si arrampicano fin sulla Rocca

Le Vie dei Tesori all’ultimo weekend nelle otto città di settembre

A Enna apre le porte il giardino segreto della ex Banca d’Italia, a Caltanissetta la casa museo voluta dai residenti e una nuova opera al Museo Diocesano. Messina sale a Forza d’Agrò, Termini Imerese si muove tra teatro e musica, Bagheria ascolta una voce lirica in una dimora irriverente. A Trapani si mostrano le “ciaccole” dei Misteri; Marsala parte per Mozia e Mazara si muove tra laboratori e visite teatralizzate

Le Vie dei Tesori 2022, presentato il festival a Palermo

Presentata la sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Si potrà salire su Porta Nuova, si entrerà nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker che ospitò il maxiprocesso, si scoprirà il Gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini. Teatralizzazioni e mostre negli antichi palazzi, sassofoni tra i reperti archeologici, teatro al Castello a mare e un forum internazionale con l’Università.

Ultimi articoli

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Articoli correlati