La Nasa sceglie Punta Secca: una foto per il solstizio

L’astrofila ragusana Marcella Giulia Pace ha realizzato lo scatto selezionato dall’agenzia spaziale. Ritrae il tramonto sulla spiaggia del commissario Montalbano

di Ruggero Altavilla

Il solstizio d’estate porta un regalo alla Sicilia del commissario Montalbano. Uno foto della costa ragusana, che comprende anche Punta Secca, dove si trova la casa del celebre personaggio creato da Andrea Camilleri, è stata scelta dalla Nasa come scatto astronomico del giorno (Astronomy picture of the day). A realizzarlo è la ragusana Marcella Giulia Pace, dell’Unione astrofili italiani, che ha lavorato a lungo, dal solstizio d’inverno a quello d’estate, tra il 2018 e il 2019. “L’ho realizzata fotografando il Sole ogni 10 giorni dalla stessa postazione di Gatto Corvino, a Marina di Ragusa, e allo stesso orario per un anno”, ha spiegato l’appassionata di astrofotografia all’Ansa.

Il tramonto immortalato alla stessa ora per sei mesi

L’orologio è stato sempre puntato alle 16,45 perché – aggiunge ancora Pace – “corrisponde all’ora del tramonto più anticipato dell’anno, che dalla postazione di scatto cade il 5 dicembre e non nel solstizio d’inverno. Questo perché la Terra descrive un’orbita ellittica attorno al Sole e, in base alla distanza dalla nostra stella, si muove più o meno velocemente. Nella foto – conclude l’astrofila – si vede bene come, passando dal Solstizio d’inverno a quello d’estate, il tramonto si sposti via via verso destra sulla linea dell’orizzonte, da Sud-Ovest verso Nord-Ovest”.

Marcella Giulia Pace (foto Facebook)

Ma non è la prima volta che la Nasa sceglie uno scorcio della Sicilia come foto astronomica del giorno. Lo scorso marzo è stata segnalata un’aurora scattata ad Asparano, località di mare a due passi da Siracusa. La foto, realizzata dall’ingegnere chimico Dario Giannobile, è stata definita da un esperto della Nasa “un’aurora da ricordare”. Nell’immagine si nota la luna avvolta da un bagliore arancione, Venere che sembra quasi blu, Giove e poi la stella Antares. “Sebbene questo fosse visibile da quasi ovunque sul pianeta Terra – aggiungono dalla Nasa – , l’immagine in primo piano è stata scattata lungo un pittoresco litorale vicino alla città di Siracusa, in Sicilia”.

Il riconoscimento della foto astronomica del giorno, noto con la sigla Apod, offerto dalla Nasa e dall’Università tecnologica del Michigan, rappresenta secondo Paolo Volpini dell’Unione astrofili italiani “una vetrina importante”, poiché “le immagini sono viste da milioni di persone in tutto il mondo”. L’Apod è infatti aperto a tutti coloro che amano la fotografia astronomica, accettando sia scatti che comprendono paesaggi che quelli dedicati esclusivamente al cielo profondo.

Condividi
Tags

In evidenza

Da Porta Nuova all’aula bunker, Le Vie dei Tesori torna a Palermo con tante novità

Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Dal 30 settembre al 30 ottobre, si potrà entrare nel carcere Ucciardone e si scoprirà il gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini.  E ancora teatralizzazioni, mostre negli antichi palazzi e passeggiate

Cefalù fa il bis con Le Vie dei Tesori tra chiese inedite e studi d’artista

Il festival torna per il secondo anno consecutivo nella cittadina normanna. Aprono le porte sei luoghi, si aggiungono quattro esperienze e una passeggiata. Percorsi tra arte e natura, antiche vestigia e sentieri verdi che si arrampicano fin sulla Rocca

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Ultimi articoli

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Articoli correlati