La Galleria delle Vittorie punta all’artigianato

Un progetto per trasformare lo spazio nel centro storico di Palermo in luogo di esposizione permanente, con la collaborazione dei maestri d’arte della città

di Marco Russo

È stato per lungo tempo uno degli spazi negati del centro storico di Palermo. Da qualche anno, però, la Galleria delle Vittorie, in via Maqueda, ha riaperto i cancelli e adesso si punta a recuperare la memoria perduta attraverso un nuovo percorso di valorizzazione. È il progetto che vuole mettere in rete le eccellenze artigiane siciliane, scelte tra le migliori maestranze, per proseguire nel percorso di riqualificazione del centro storico iniziato negli ultimi anni. L’idea è di Filippo Genovese, imprenditore palermitano, che vorrebbe creare all’interno della storica galleria un’esposizione permanente di artigianato, in collaborazione con maestri d’arte che potrebbero esporre le loro creazioni.

L’ingresso della Galleria delle Vittorie (foto PacoSoares, Wikipedia)

“Penso a questo progetto da tempo – racconta Filippo Genovese -, praticamente sin da quando ho messo piede nella Galleria delle Vittorie e ho cominciato a respirare la sua storia. Chi ha qualche anno in più la ricorda, ma le nuove generazioni la conoscono solo perché luogo di movida. Un sogno che si realizza, invece, poterla fare diventare occasione di rilancio dell’artigianato attraverso un percorso che prevede anche mostre, incontri, dibattiti e quant’altro possa diventare punto di riferimento per gli artisti e non solo”.

La Galleria delle Vittorie

“Sarà un luogo in cui fare brillare l’eccellenza – conclude Genovese – attraendo, perché no, anche mercati fuori dalla Sicilia e dall’Italia stessa. Così come accade in altre città del mondo dove gallerie come questa sono visitate e frequentate perché propongono solo qualità. La nostra terra non ha da insegnare niente a nessuno dal punto di vista della qualità, quindi esserci in questo progetto non può che far crescere da ogni punto di vista”.

Pavimento della Galleria delle Vittorie (foto Stendhal55, Wikipedia)

La Galleria delle Vittorie è uno dei pochi esempi di galleria commerciale in Sicilia insieme alla Galleria Vittorio Emanuele III e alla Galleria dell’Inps entrambe a Messina. Venne inaugurata il 2 ottobre del 1935, in piena epoca fascista tentando di imitare le gallerie presenti in altre città italiane. È formata da un edificio a cinque elevazioni a base quadrangolare, al centro di ogni faccia dell’edificio è presente un ingresso alla galleria sormontato dal nome stesso, l’accesso agli appartamenti dei piani superiori avviene attraverso la galleria centrale. Sulle facce dei quattro ingressi sono presenti affreschi, di chiara ispirazione fascista e stile futurista, disegnati dal pittore Alfonso Amorelli.

Condividi
Tags

In evidenza

L’assessorato al Centro storico si apre ai palermitani

In tanti hanno partecipato all’esperienza del festival Le Vie dei Tesori al Noviziato dei Crociferi, guidata dall’assessore Maurizio Carta. Un’occasione per capire come funziona la macchina comunale con visite agli uffici, al cortile e alla terrazza affacciata sul mare

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Articoli correlati