La Cava di Sabucina diventa teatro all’aperto

Il sito dove viene estratta ancora la pietra tipica di Caltanissetta, apre per la prima volta al pubblico con lo spettacolo “Al passo coi templi” di Marco Savatteri

di Marco Russo

Un luogo magico avvolto da leggende di tesori e storie di misteriosi mercati dove i frutti sono fatti d’oro. Un sito storico di Caltanissetta, sconosciuto ai cittadini, che adesso, per la prima volta, viene aperto al pubblico, trasformandosi per l’occasione in teatro all’aperto. La cava di Sabucina, dove ancora si estrae la preziosa pietra storicamente utilizzata per ville e palazzi della città, è un luogo tutto da scoprire, appena fuori dal centro abitato. In posizione strategica tra la riserva naturale di Capodarso, con le sue gole e le sue grotte, e l’area archeologica di Sabucina, dove sorgeva un villaggio costruito dai sicani e poi ampliato dai greci, la cava si prepara a una nuova vita.

Sopralluogo alla Cava di Sabucina

“Puntiamo molto su questo sito – spiega il vicesindaco e assessore alla Turismo di Caltanissetta, Grazia Giammusso – e il nostro obiettivo è di valorizzare un luogo che non è mai stato vissuto dai cittadini, pur essendo vicino a un’area archeologica e alla riserva naturale. È un sito di grande suggestione, inserito in un contesto paesaggistico unico, dove viene estratta una pietra caratteristica del nostro territorio che continua a vivere anche grazie alla lungimiranza di un imprenditore che sta tenendo viva la cava. Quello che ci auguriamo è che in questa zona possano nascere percorsi naturalistici, anche di cicloturismo, ad esempio, per valorizzare al meglio una zona periferica della città che molti nisseni non conoscono”.

Primo tassello della valorizzazione è lo spettacolo “Al passo coi templi – Il risveglio degli dei” di Marco Savatteri, andato in scena in anteprima assoluta all’alba, lo scorso 19 agosto, al Teatro Antico di Taormina, e adesso in programma alla Cava di Sabucina, domenica 20 settembre alle 18, promosso dal Comune e dal Consorzio Universitario e sostenuto dalla Regione Siciliana. Per raggiungere la Cava sarà messo a disposizione un bus-navetta con partenze a rotazione di 10 minuti fin dalle 16, nello spiazzo vicino alla chiesa della Madonna del Santo Rosario di Sabucina.

La locandina dello spettacolo

La performance, che intreccia insieme le diverse arti dello spettacolo con momenti di danza rituale e divinatoria, vede in scena cinquanta interpreti, tra cui le cantanti applauditissime a Taormina: il soprano lirico internazionale Rossana Potenza e Antonella Anastasi, nota al grande pubblico per la partecipazione a The Voice. In scena anche l’attore catanese Silvio Laviano nei panni di Ulisse e Zeus, Gianleo Licata in quelli di Fauno, gli artisti della Casa del Musical e ad alcuni studenti del progetto Arché, il corso di formazione artistica promosso dal Consorzio Universitario di Agrigento.

La cava di Sabucina

Un spettacolo al tramonto, tra le gesta di eroi e dei della mitologia, in un luogo carico di leggende. Come quella del pastorello che, cercando la sua pecora tutto il giorno, si addormentò in una caverna a Sabucina. Svegliato a mezzanotte da un vociare di gente, si ritrovò nel bel mezzo di una fiera dove acquistò delle arance che sotto la buccia erano fatte d’oro. Oppure l’altra storia di uno sfortunato barone che cercando il tesoro nascosto dentro a una grotta, rimase intrappolato nell’oscurità, lasciando fuori i suoi muli carichi d’oro. Leggende che hanno attraversato i secoli, creando un’aura di mistero intorno alla cava, che adesso si prepara a una nuova vita.

L’ingresso è gratuito con posti limitati. Per prenotazioni www.comune.caltanissetta.it.

Condividi
Tags

In evidenza

SPAZIO AZIENDE | Un’Alleanza per i tesori

di Redazione Alleanza Assicurazioni ha stretto una partnership con Le Vie dei Tesori e ha aperto uno sportello di accoglienza nell’hub del festival di piazza...

Mazara del Vallo raccontata in un libro tra immagini e parole

Scorci, riti e tradizioni della città trapanese in un volume di Giovanni Franco e Nicola Cristaldi. Dai vicoli della Casbah al mercato del pesce, dalle spiagge ritrovate alle chiese

Dulciora, Agata e le altre: in scena nobildonne e cortigiane con Le Vie dei Tesori

A Palermo tornano le visite teatralizzate del festival. L’attrice Stefania Blandeburgo protagonista nella cripta delle Repentite, nelle carceri dell’Inquisizione dello Steri e a Villa Pottino. Francesca Picciurro tra i saloni di Palazzo Alliata di Villafranca

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Articoli correlati