Infiltrazioni nella Cattedrale di Catania, al via lavori sul tetto

Autorizzati dall’assessorato regionale dei Beni culturali interventi da 90mila euro per il ripristino del transetto sinistro e del manto di copertura

di Redazione

Si corre ai ripari per proteggere la Cattedrale di Catania dalle infiltrazioni di pioggia e umidità. Autorizzati i lavori dal parte dell’assessorato regionale dei Beni culturali per il ripristino del transetto sinistro e del manto di copertura della basilica dedicata a Sant’Agata. Gli interventi, per un importo complessivo di 90mila euro, – fanno sapere dalla Regione – serviranno a proteggere la parte centrale della Cattedrale dalle infiltrazioni dovute alle acque piovane. I lavori, in corso di realizzazione, sono affidati alla ditta Cavarra Vincenzo Srl di Noto e saranno completati entro la fine del prossimo mese di febbraio.

Lavori per proteggere dalle infiltrazioni

Un ultimo sopralluogo per verificare le condizioni di rischio in cui versava la Cattedrale catanese è stato condotto lo scorso ottobre dall’assessore regionale ai Beni culturali, Alberto Samonà, insieme all’allora soprintendente di Catania, Rosalba Panvini, alla presenza del vescovo, monsignor Salvatore Gristina e del parroco della Cattedrale, don Barbaro Scionti. “L’intervento nella Cattedrale di Catania, – ha commentato l’assessore Samonà – necessario a proteggere un importante bene monumentale dalle conseguenze dannose dovute alle infiltrazioni, è un segnale di attenzione che il governo regionale sta prestando al patrimonio attraverso cui si esprime la storia e il senso stesso di appartenenza di una comunità”.

Gli interventi in corso

La Cattedrale di Sant’Agata, principale luogo di culto cattolico di Catania rappresenta la chiesa madre dell’arcidiocesi metropolitana ed è sede dell’omonima parrocchia. Sorge sulle terme Achilliane romane dove, dopo diverse distruzioni, è stata più volte ricostruita. Nello stato attuale, su progetto di Girolamo Palazzotto, fu edificata nel 1711, mentre la facciata in tre ordini è stata realizzata su progetto di Giovan Battista Vaccarini. Le tre absidi in pietra lavica sono della precedente cattedrale di epoca normanna.

La Cattedrale di Catania

L’interno, a croce latina, è diviso in tre navate. Nell’abside centrale spiccano gli affreschi del romano Giovan Battista Corradini, mentre le due colonne della base dell’arco e la monofora sono di origine medievale. La navata destra accoglie il monumento funebre del musicista Vincenzo Bellini, mentre nell’abside destra si trova la bellissima cappella di Sant’Agata dov’è custodito il sacello con le preziose reliquie.

Condividi
Tags

In evidenza

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

Palermo, Sorgenti del Gabriele

Un piacevole senso di frescura e il gorgoglio dell’acqua accolgono il visitatore che, a Palermo,  raggiunge le sorgenti naturali ai piedi della “conigliera”, oggi...

Tra moda e devozione, l’omaggio a Sant’Agata degli allievi dell’Accademia di Belle Arti

Un concorso di moda, una sfilata e una mostra di abiti e costumi progettati e realizzati dagli studenti in occasione delle celebrazioni per la Patrona di Catania. Sfilano 180 modelle reclutate in tutti i quartieri della città

Ultimi articoli

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Ho scelto il Sud, comprano un mulino a pietra e tornano alla terra: la scommessa di due giovani agricoltori

Mauro Calvagna e Rosario Claudio La Placa sono due quarantenni di Belpasso che hanno fondato una società agricola, puntando sugli insegnamenti e l’esperienza delle rispettive famiglie

Tutto pronto a Taormina per il restauro della tomba romana La Guardiola

Consegnati i lavori per gli interventi di recupero del monumento sepolcrale all’interno del giardino dell’hotel Villa Fiorita. La sepoltura fa parte di un vasto complesso che risale al Primo secolo dopo Cristo 

Articoli correlati