Incisioni da tutto il mondo per celebrare la donna

Fa tappa a Palermo la mostra itinerante che sta girando l’Europa, con la storica collezione dell’Associazione italiana Ex Libris

di Redazione

Un omaggio alla figura femminile nell’arte. Questo il messaggio della mostra dal titolo “Eva. La donna Eterna”, promossa dall’Associazione italiana Ex Libris (Aie). Tra le duecento opere in esposizione di 150 artisti e incisori di tutto il mondo, dall’inizio del Novecento ai giorni nostri, saranno presenti anche le incisioni di 33 studenti del corso di grafica d’arte del dipartimento Arti Visive, a cura dei professori Riccardo Mazzarino e Giovanni D’Alessandro con la partecipazione professoressa Loredana Dioguardi della Scuola di Grafica d’Arte e tecniche dell’incisione.

La mostra si inaugura a Palermo giovedì 7 febbraio, alle 17, nella Galleria “L’Altro” in via Torremuzza e sarà aperta al pubblico sino al 24 febbraio. La rassegna di incisioni è itinerante ed ha già toccato le città di Atene, Praga, Veliko Tarnovo e Varna in Bulgaria, Creta e a metà marzo sarà a Sint Niklaas, in Belgio. Le opere in esposizione appartengono alla ricca collezione dell’Associazione italiana Ex Libris, con 30 anni di attività, e che ha raccolto il patrimonio dell’Associazione Bnel di Milano.

La mostra è articolata in due sezioni: nella prima sono raccolte le incisioni della collezione storica dell’Associazione, con anche alcune xilografie di inizio ‘900, mentre nella seconda si possono ammirare i lavori realizzati dai più importanti artisti contemporanei. Accanto alle grafiche di Luigi Bompard, Celeste Guidi ed Ernesto Guffanti, sono esposte le calcografie dei grandi incisori di oggi, Jurij Jakovenko, Edward Penkov, Peter Velikov, Hristo Kerin, solo per citarne alcuni.

All’inaugurazione saranno presenti, tra gli altri, il direttore dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, Mario Zito, e Angelo Sampietro, presidente Aie. L’ingresso è gratuito da lunedì a sabato, dalle 17 alle 20. Al mattino su appuntamento chiamando il 3473012222.

Fa tappa a Palermo la mostra itinerante che sta girando l’Europa, con la storica collezione dell’Associazione italiana Ex Libris

di Redazione

Un omaggio alla figura femminile nell’arte. Questo il messaggio della mostra dal titolo “Eva. La donna Eterna”, promossa dall’Associazione italiana Ex Libris (Aie). Tra le duecento opere in esposizione di 150 artisti e incisori di tutto il mondo, dall’inizio del Novecento ai giorni nostri, saranno presenti anche le incisioni di 33 studenti del corso di grafica d’arte del dipartimento Arti Visive, a cura dei professori Riccardo Mazzarino e Giovanni D’Alessandro con la partecipazione professoressa Loredana Dioguardi della Scuola di Grafica d’Arte e tecniche dell’incisione.

La mostra si inaugura a Palermo giovedì 7 febbraio, alle 17, nella Galleria “L’Altro” in via Torremuzza e sarà aperta al pubblico sino al 24 febbraio. La rassegna di incisioni è itinerante ed ha già toccato le città di Atene, Praga, Veliko Tarnovo e Varna in Bulgaria, Creta e a metà marzo sarà a Sint Niklaas, in Belgio. Le opere in esposizione appartengono alla ricca collezione dell’Associazione italiana Ex Libris, con 30 anni di attività, e che ha raccolto il patrimonio dell’Associazione Bnel di Milano.

La mostra è articolata in due sezioni: nella prima sono raccolte le incisioni della collezione storica dell’Associazione, con anche alcune xilografie di inizio ‘900, mentre nella seconda si possono ammirare i lavori realizzati dai più importanti artisti contemporanei. Accanto alle grafiche di Luigi Bompard, Celeste Guidi ed Ernesto Guffanti, sono esposte le calcografie dei grandi incisori di oggi, Jurij Jakovenko, Edward Penkov, Peter Velikov, Hristo Kerin, solo per citarne alcuni.

All’inaugurazione saranno presenti, tra gli altri, il direttore dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, Mario Zito, e Angelo Sampietro, presidente Aie. L’ingresso è gratuito da lunedì a sabato, dalle 17 alle 20. Al mattino su appuntamento chiamando il 3473012222.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori supera le 40mila visite nelle prime otto città

Trapani la più visitata, seguita a breve distanza da Messina. Grande exploit di Termini Imerese, tanto interesse per Enna e Bagheria. Caltanissetta supera Mazara e Marsala dove si è andati per cantine

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati