Il vento di Trapani soffia da Palermo: ecco chi sono i creativi del video

Parlano Carlo Loforti e Alessandro Albanese, fondatori di “Just Maria”, casa di produzione che ha realizzato lo spot per la candidatura a Capitale della Cultura 2022

di Maria Laura Crescimanno

A chi dei due videomaker palermitani sia venuto in mente il brand della “zia Maria”, la “auntie” d’oltreoceano, lo spirito latino per eccellenza, accogliente e comunicativa, una voce che parla una lingua che tutti possono comprendere, non è chiaro. Ma è evidente che c’è una profonda vena creativa in Carlo Loforti e Alessandro Albanese, palermitani, trentenni, figli dell’esperienza di Mosaicoon, oggi produttori indipendenti e, come si legge sul loro sito, “video obsessed”. I due hanno fondato tre anni fa la casa di produzione “Just Maria”, e da allora non si fermano un momento, anche in tempi di pandemia.

Backstage dei “Just Maria”

È loro la regia del video spot “Noi siamo il vento”, creato per supportare la candidatura di Trapani a Capitale della Cultura 2022. Un lavoro pervaso da innegabile originalità e assenza di soliti stereotipi, affidato alla poesia di testo e immagini. “Non ho voce ma grido, non ho denti ma mordo, ho sparso mistero, suonato boschi e scompigliato capelli… sono il mondo che avanza…”. Non era facile non cadere nel didascalico per raccontare un territorio già visto milioni di volte, la città tra mare e monte, saline, isole, spiagge, sale e corallo.

Nel video spot – spiega Carlo Loforti cofounder e direttore creativo di Just Maria insieme ad Alessandro Albanese – non parlano i trapanesi, né la città, ma l’energia invisibile del vento che si fa voce narrante, incalzante, in un crescendo di lirica ed emozione. “Il vento, elemento che fortemente caratterizza il territorio trapanese, era una metafora perfetta per raccontare il progetto di Trapani Capitale, – sottolinea Loforti – tutto basato sulla vocazione all’accoglienza di una zona della Sicilia molto esposta geograficamente agli arrivi dal mare. E allora ci siamo detti: quale miglior testimonial di questo agente atmosferico che, per sua natura, è un inarrestabile motore della mescolanza? Quale delle altre dieci città finaliste potrebbe affidare il proprio racconto a una voce simile?”.

Un frame del video

Dalla nascita – ottobre 2017 – a oggi, Just Maria ha coinvolto centinaia di professionisti in tutto il mondo. “Siamo un piccolo team – aggiunge Loforti – che si occupa di strategia e creatività, produzione e post-produzione, ma che si avvale anche di molti collaboratori esterni: da fonici a sound designer, da scenografi a direttori della fotografia

“Qualche anno di esperienza in Mosaicoon ci ha insegnato moltissimo, – aggiunge il direttore creativo – ci ha trasmesso fiducia sulla possibilità che dalla Sicilia si potesse riuscire a lavorare con brand internazionali e ci ha dato il coraggio di buttarci e fare esperienza spesso su progetti molto impegnativi che ci hanno permesso di crescere. Web, tv, cinema o una parete bianca su cui proiettare immagini in movimento, per noi non fa differenza: ci interessa raccontare storie con tutti i linguaggi a disposizione”.

Condividi
Tags

In evidenza

Capolavori dell’arte rivivono in digitale a Palazzo Reale

Al via Meta Experience con due esempi di cloni: un Satiro danzante d’argento scintillante e un Giovinetto di Mozia in rosso di sapore pop. Poi c’è un opera autentica, il busto di Ottaviano Augusto che si confronta con il suo doppio tecnologico

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Le Vie dei Tesori 2022, presentato il festival a Palermo

Presentata la sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Si potrà salire su Porta Nuova, si entrerà nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker che ospitò il maxiprocesso, si scoprirà il Gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini. Teatralizzazioni e mostre negli antichi palazzi, sassofoni tra i reperti archeologici, teatro al Castello a mare e un forum internazionale con l’Università.

Ultimi articoli

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Articoli correlati