Il sito Unesco del Val di Noto punta a includere nuovi Comuni

Si lavora a uno studio di fattibilità per allargare la rete delle città barocche, comprendendo Acireale, Grammichele, Ispica, Mazzarino e Vizzini

di Redazione

Il sito Unesco Le città tardo barocche del Val di Noto, che oggi comprende otto centri della Sicilia orientale, punta a includere cinque nuovi Comuni che presentano le stesse qualità: Acireale, Grammichele, Ispica, Mazzarino e Vizzini. Con questo obiettivo il Comune di Noto, come ente appaltante del Progetto finanziato dal MIbact a valere sulla Legge 77 del 2006 e co-finanziato dalle Regione Siciliana sui siti Unesco del Sud Est, ha affidato a Civita Sicilia l’incarico di realizzare uno studio di fattibilità sui requisiti storici, culturali e monumentali per la presentazione all’Unesco di un nuovo dossier di candidatura.

Palazzo Ducezio a Noto

L’iniziativa è stata presentata nel Palazzo comunale di Noto alla presenza dei sindaci dei Comuni candidati, del sindaco di Noto, Corrado Bonfanti, dei deputati regionali Nello Di Pasquale e Angela Foti, dell’amministratore delegato di Civita Sicilia, Renata Sansone. Tutti hanno prima partecipato a un tavolo tecnico con Paolo Cipollini, responsabile del settore promozione e innovazione del territorio di Civita che ha illustrato gli aspetti operativi dello studio. “Oggi avviamo un percorso complesso e affascinante – ha affermato Cipollini – avremo una prima fase per identificare i beni che per ciascuno dei nuovi Comuni possono contribuire alla richiesta dell’allargamento del sito Unesco e una seconda per avviare il percorso di preparazione del dossier di candidatura vero e proprio”.

Uno scorcio di Ragusa Ibla

Il sindaco di Noto già da tempo pensa al Val di Noto come territorio unico, protagonista di un percorso inclusivo: “Dopo un lungo periodo di preparazione – ha commentato – abbiamo raggiunto un primo importante passo che resterà nella storia moderna del Val di Noto. Collaborazione, condivisione, visione. Sono tutti ingredienti che faranno ancora più grande questa comunità di persone, arte, cultura e natura. Non certo un punto di arrivo, sicuramente una tappa intermedia di un percorso ancora tutto da scrivere e non privo di difficoltà”.

Loggiato del Sinagra a Ispica

Per Civita Sicilia un impegno che prosegue dopo l’incarico, appena concluso, dell’aggiornamento in contemporanea dei piani di gestione dei siti Unesco Le città tardo barocche del Val di Noto, Siracusa e le necropoli rupestri di Pantalica e Villa Romana del Casale, un’esperienza realizzata per la prima volta nel panorama internazionale dell’Unesco.

La Cattedrale di Acireale

“Il nostro recente intervento nell’aggiornamento del Piano di gestione del sito Unesco Le città tardo barocche del Val di Noto – ha affermato Renata Sansone – ha reso ancora più evidente che, quella che una volta era stata considerata un’opportunità, oggi è diventata una necessità. Una completa riuscita della crescita culturale, sociale ed economica del Val di Noto non può avvenire a scapito di porzioni di territorio che sono espressione di quella identità storica, culturale e umana che si arricchisce nella varietà delle forme, dei colori, delle architetture e dei contesti naturali che caratterizzano questa porzione di Sicilia. L’allargamento diventa quindi inclusione e co-partecipazione ai processi di sviluppo territoriale del Val di Noto”.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend