Il sacro secondo Fielitz in mostra a Palermo

All’Oratorio di san Mercurio fino al 20 dicembre una mostra che esplora i tormenti dell’artista di fronte alla visione dell’immagine. Un’iniziativa sostenuta dall’associazione Amici dei Musei Siciliani

di Marco Russo

Attinge a Dada e al Bauhaus l’artista Juan Fielitz per descrivere i sentimenti ambigui che emergono di fronte alla visione di un’immagine. Ora la sua opera “Sacrosanctum.13” sarà in mostra fino al 20 dicembre, all’oratorio di San mercurio a Palermo. Domani l’inaugurazione alle 19 con un’interpretazione della visione di Dio, ancorato in terra ma al contempo connesso ad un sacro Empireo. Un dito alzato in cielo, di leonardesca memoria, sembra indicarci una via. È un gesto che condensa in sé una spiritualità pura ed energica, il cui perfetto contrappunto sta in una singola gamba, in equilibrio sulla cima di un piccolo promontorio.

“Nell’ignoto è la risposta e nel silenzio le verità assolute”, sostiene l’artista che si concentra sulla raccolta e l’archiviazione di immagini, assemblate e rielaborate attraverso la tecnica del collage. Il nascondere, l’evidenziare, il generare e delimitare spazi vuoti, il giocare con le scale di grandezza e l’uso preponderante del colore nero sono solo alcuni degli espedienti che Fielitz usa per evidenziare l’insieme di dubbi e tormenti di fronte all’immagine.

A cura di Adalberto Abbate e Maria Luisa Montaperto, Sacrosanctum è una rassegna organizzata e sostenuta dall’associazione Amici dei Musei Siciliani, no profit da anni attiva nel territorio in supporto a realtà museali e monumentali. Grazie ad un impegno costante si sono potuti mettere in atto interventi di manutenzione e restauro, dando nuova linfa a siti di importante valore culturale. Fondamentale è stato l’apporto degli artisti, che hanno valorizzato con estrema sensibilità questo esclusivo patrimonio.

Fielitz ha esposto dal 2015 in collettive e personali in Uruguay e Cile e lavorato in pubblicazioni e progetti editoriali in Uruguay, Germania, Belgio ed Olanda. Nel 2014 è stato vincitore del premio “Diseñadores Emergentes” promosso dal Centro Cultural de España di Montevideo.

La mostra al Largo di san Giovanni degli Eremiti è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18.

All’Oratorio di san Mercurio fino al 20 dicembre una mostra che esplora i tormenti dell’artista di fronte alla visione dell’immagine. Un’iniziativa sostenuta dall’associazione Amici dei Musei Siciliani

di Marco Russo

Attinge a Dada e al Bauhaus l’artista Juan Fielitz per descrivere i sentimenti ambigui che emergono di fronte alla visione di un’immagine. Ora la sua opera “Sacrosanctum.13” sarà in mostra fino al 20 dicembre, all’oratorio di San mercurio a Palermo. Domani l’inaugurazione alle 19 con un’interpretazione della visione di Dio, ancorato in terra ma al contempo connesso ad un sacro Empireo. Un dito alzato in cielo, di leonardesca memoria, sembra indicarci una via. È un gesto che condensa in sé una spiritualità pura ed energica, il cui perfetto contrappunto sta in una singola gamba, in equilibrio sulla cima di un piccolo promontorio.

“Nell’ignoto è la risposta e nel silenzio le verità assolute”, sostiene l’artista che si concentra sulla raccolta e l’archiviazione di immagini, assemblate e rielaborate attraverso la tecnica del collage. Il nascondere, l’evidenziare, il generare e delimitare spazi vuoti, il giocare con le scale di grandezza e l’uso preponderante del colore nero sono solo alcuni degli espedienti che Fielitz usa per evidenziare l’insieme di dubbi e tormenti di fronte all’immagine.

A cura di Adalberto Abbate e Maria Luisa Montaperto, Sacrosanctum è una rassegna organizzata e sostenuta dall’associazione Amici dei Musei Siciliani, no profit da anni attiva nel territorio in supporto a realtà museali e monumentali. Grazie ad un impegno costante si sono potuti mettere in atto interventi di manutenzione e restauro, dando nuova linfa a siti di importante valore culturale. Fondamentale è stato l’apporto degli artisti, che hanno valorizzato con estrema sensibilità questo esclusivo patrimonio.

Fielitz ha esposto dal 2015 in collettive e personali in Uruguay e Cile e lavorato in pubblicazioni e progetti editoriali in Uruguay, Germania, Belgio ed Olanda. Nel 2014 è stato vincitore del premio “Diseñadores Emergentes” promosso dal Centro Cultural de España di Montevideo.

La mostra al Largo di san Giovanni degli Eremiti è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Condividi
Tags

In evidenza

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Articoli correlati