Il Politeama di Palermo riapre alle visite tutti i giorni con Le Vie dei Tesori

Dopo tre anni di interruzione, ogni giorno tranne il lunedì un percorso guidato all’interno del teatro neoclassico progettato da Giuseppe Damiani Almeyda. Un monumento che potrà essere fruito non solo dagli spettatori dei concerti, ma anche da turisti e cittadini

di Redazione

Visite al Politeama Garibaldi

Neanche il tempo di aprire il pesante cancello in ferro del Politeama Garibaldi e subito si presenta il primo turista per la visita guidata al monumento che riapre dopo tre anni. È Pablo, un quarantenne proveniente dalla Galizia che ha avuto modo di apprezzare le bellezze del teatro, progettato dall’architetto Giuseppe Damiani Almeyda e realizzato in stile neoclassico pompeiano nel 1875.

L’inaugurazione delle visite al Politeama

Dopo tre anni di interruzione, sono riprese oggi pomeriggio le visite guidate al Politeama Garibaldi grazie a un accordo con la Fondazione Le Vie dei Tesori. All’inaugurazione delle visite sono intervenuti il commissario straordinario della Foss, Nicola Tarantino, il sovrintendente Francesco Di Mauro e gli assessori comunali al Centro storico Maurizio Carta e alla Cultura Giampiero Cannella.

“L’iniziativa – ha detto l’assessore alla cultura Giampiero Cannella – consente non solo ai turisti ma anche ai palermitani che lo conoscono di sfuggita di assaporare e vedere questa struttura, un elemento iconico e reputazionale che rende riconoscibile Palermo in campo internazionale”.

Uno dei lampadari del teatro

“Questa è un’iniziativa che non solo apre il teatro alla città rivelando questo straordinario patrimonio artistico e musicale  –  ha detto l’assessore Maurizio Carta – ma è anche l’occasione per sperimentare un’apertura del teatro al contesto urbanistico in cui agisce. Secondo me è il primo prototipo dell’apertura possibile del teatro, dei giardini, che possa relazionarsi con il resto, con via Amari, è il prototipo di una rigenerazione urbana”.

Il commissario straordinario della Foss, Nicola Tarantino, ha sottolineato il canale di collaborazione aperto con il Comune per la gestione del teatro, di proprietà comunale: “Siamo particolarmente orgogliosi di aprire il teatro ai turisti e alla città che ancor più di ogni altro monumento si può individuare come il monumento iconico della città, al crocevia delle più importanti arterie del centro, grazie alla fondazione Le vie dei Tesori. La presenza dei due assessori comunali è un segnale di apertura e speranza perché con loro stiamo parlando di interventi di messa in sicurezza e di ristrutturazione del teatro”.

Il colonnato neoclassico

Anche il sovrintendente della Foss, Francesco Di Mauro, ha sottolineato l’importanza dell’evento: “Palermo si riappropria di un monumento simbolo, posto al centro della città. Un monumento che potrà essere fruito finalmente non solo dagli spettatori dei concerti ma anche dai turisti che sempre più numerosi giungono in città”.

La volta del foyer

“Con gioia abbracciamo la sfida di proseguire un percorso di valorizzazione avviato durante il festival in corso – ha detto Laura Anello, presidente della Fondazione Le vie dei Tesori – un percorso che ha visto il Teatro Politeama tra i luoghi più visitati sia per l’interesse monumentale, storico, artistico, culturale di questo luogo straordinario, sia per la qualità dell’accoglienza e della narrazione dei nostri giovani. Siamo convinti che anche il luogo più importante e affascinante, se non raccontato, sia un luogo muto, e speriamo di contribuire sempre di più alla narrazione dei tesori di una cittá straordinaria come Palermo”.

Durante i weekend delle Vie dei Tesori, fino a domenica 30 ottobre, il Politeama Garibaldi si potrà visitare con i coupon del festival, sabato 29 ottobre e tutte le domeniche dalle 9.30 alle 17.30 (qui per prenotare).

Nel resto della settimana e nei weekend dopo il festival, le visite si effettueranno dal martedì al venerdì alle 14 ed alle 15 ed il sabato, la domenica ed i giorni festivi alle 9, 10, 11 e 12. Il biglietto di ingresso è acquistabile al botteghino del teatro. Gruppi e scolaresche potranno effettuare la prenotazione delle visite chiamando il numero 0916072532.

Condividi
Tags

In evidenza

Acireale, una mostra racchiude le opere dei Gagini nel territorio etneo

Nel Palazzo Comunale un percorso espositivo che unisce Sicilia, Calabria e Bissone, terra di origine di Domenico Gagini, capostipite della famiglia di artisti e protagonista di un “approdo” che favorì l'interscambio tra sperimentazioni d'arte nel Rinascimento

Tra moda e devozione, l’omaggio a Sant’Agata degli allievi dell’Accademia di Belle Arti

Un concorso di moda, una sfilata e una mostra di abiti e costumi progettati e realizzati dagli studenti in occasione delle celebrazioni per la Patrona di Catania. Sfilano 180 modelle reclutate in tutti i quartieri della città

Palermo, Sorgenti del Gabriele

Un piacevole senso di frescura e il gorgoglio dell’acqua accolgono il visitatore che, a Palermo,  raggiunge le sorgenti naturali ai piedi della “conigliera”, oggi...

Ultimi articoli

Ho scelto il Sud, comprano un mulino a pietra e tornano alla terra: la scommessa di due giovani agricoltori

Mauro Calvagna e Rosario Claudio La Placa sono due quarantenni di Belpasso che hanno fondato una società agricola, puntando sugli insegnamenti e l’esperienza delle rispettive famiglie

Tutto pronto a Taormina per il restauro della tomba romana La Guardiola

Consegnati i lavori per gli interventi di recupero del monumento sepolcrale all’interno del giardino dell’hotel Villa Fiorita. La sepoltura fa parte di un vasto complesso che risale al Primo secolo dopo Cristo 

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

Articoli correlati