Il pastore aedo che ha scelto la vita tra i pascoli

A Sant’Angelo Muxaro un giovane porta avanti il mestiere di famiglia da sei generazioni ed è l’unico custode di un canto liturgico che si tramanda di padre in figlio

di Giulio Giallombardo

Una vita a dorso di mulo, scandita da albe e tramonti, seguendo a passo lento il trascorrere delle stagioni. Sotto il sole accecante dell’estate o tra gelate invernali, nelle campagne di Sant’Angelo Muxaro c’è chi ha scelto di proseguire un mestiere antico. È Angelo Greco, 28 anni, di professione pastore. Per spostarsi tra la casa in paese e la sua stalla ha preferito al volante di un’auto, le briglie di un mulo, “tanto – confessa – se serve un passaggio, qualcuno si trova sempre”. A Sant’Angelo, borgo di mille abitanti disteso su una collina affacciata sulla valle del Platani, tutti conoscono Angelo: occhi azzurrissimi che risaltano nel viso già abbronzato dal sole di primavera.

Angelo Greco

Lo incontriamo in occasione della tappa a Sant’Angelo di Borghi dei Tesori On Air, il nuovo format delle Vie dei Tesori alla scoperta della Sicilia autentica, un’invasione digitale tra monumenti, artigiani, cibo e tradizioni dei piccoli centri lontani dai grandi riflettori del turismo (ve ne abbiamo parlato qui). Angelo si presenta in sella alla sua mula appena acquistata e a tratti indomita: coppola in testa e sguardo solare, sembra sbucare da un’altra epoca. Ma siamo nel 2021, in un angolo remoto della Sicilia, dove ancora si dilata il tempo come in una bolla e il futuro può attendere.

Il pastore Angelo con i suoi cani

Mentre le nuove generazioni, marchiate da uno stigma sempre più “liquido”, inseguono spesso chimere, c’è chi ancora è capace di fare scelte inattuali e in controtendenza. Così, Angelo, sposato e con quattro figli, ha deciso di fare il pastore come il padre e prima ancora il nonno, seguendo una tradizione di famiglia lunga sei generazioni. È la disciplina della terra che lo fa alzare ogni mattina alle 5, salire in groppa alla sua mula e scendere dalla sua casa nel centro del paese, fino alla stalla alle pendici del vecchio castello di Sant’Angelo. Ad attenderlo ci sono le sue 200 pecore che ogni giorno porta al pascolo, per poi rientrare intorno alle 5 del pomeriggio.

 

Grazie al suo gregge, Angelo produce circa 200 litri di latte al giorno. Prima era lui a fare il formaggio, ma poi è arrivata la crisi e adesso vende direttamente il latte a un caseificio calabrese. Ha costruito da solo un pagliaio con una mangiatoia e si è attrezzato con due celle refrigeranti che “gli hanno cambiato la vita”, mantenendo il latte alle giuste temperature. Poco distante dalla sua stalla, dove alleva anche agnelli che vende ai macellai della zona, ha costruito anche un’altra casa dove trascorrere l’estate con la sua famiglia.

Angelo con le sue pecore

Ma il giovane pastore di Sant’Angelo – che conosciamo grazie a Pierfilippo Spoto, operatore turistico esperienziale e grande esperto del territorio – è custode di un’altra tradizione che la sua famiglia porta avanti da generazioni. È l’unico, insieme a un altro santangelese, a conoscere un canto liturgico che si declama tra i vicoli del borgo durante la processione del Venerdì Santo. Una lamentazione ipnotica e vibrante, che il pastore improvvisa per noi, accanto alla sua mula, tra le campagne di Sant’Angelo. Il suo canto salmodiante risuona come un monito, a ricordarci che qualche volta è meglio rallentare e fermare il tempo.

 

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori a Scicli tra palazzi, chiese e il set del Commissario Montalbano

Tredici sono i luoghi nella cittadina ragusana, dove si è girata la famosa fiction. Aprono tre dimore nobiliari, si visita la collezione del Gruppo di Scicli e si scende nella Grotta delle Cento scale. Coinvolti 40 studenti e le guide in Lingua dei segni

Dulciora, Agata e le altre: in scena nobildonne e cortigiane con Le Vie dei Tesori

A Palermo tornano le visite teatralizzate del festival. L’attrice Stefania Blandeburgo protagonista nella cripta delle Repentite, nelle carceri dell’Inquisizione dello Steri e a Villa Pottino. Francesca Picciurro tra i saloni di Palazzo Alliata di Villafranca

Il Duomo di notte, antiche cave e botteghe storiche: Le Vie dei Tesori torna a Ragusa

Quinta edizione del festival nella città barocca. Aprono undici luoghi straordinari, chiese e la cava dei “pirriaturi”, poi due passeggiate e sei esperienze. Si parteciperà ad un viaggio nella musica corale nei secoli e si seguirà il lavoro di ceramisti e pittori di carretti

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati