Il Mago di Oz “incanta” il Teatro Massimo

Lo spettacolo del duo comico musicale Dosto & Yevski, ispirato al classico romanzo per ragazzi di Frank Baum, andrà in scena per quattro giorni a partire dal 17 ottobre

di Marco Russo

Una bizzarra fiaba musicale per bambini e ragazzi, strizzando l’occhio anche ai più grandi. Uno dei classici della letteratura per l’infanzia, “Il Mago di Oz”, arriva sul palco del Teatro Massimo di Palermo, nella rilettura del duo comico Dosto & Yevski.

Ispirato al classico romanzo per ragazzi di Frank Baum e al film con Judy Garland, lo spettacolo andrà in scena mercoledì 17, giovedì 18, venerdì 19 e martedì 23 ottobre, in doppia replica alle 10 e alle 11,45. I testi e le musiche sono del duo comico, che firma anche la regia, con i disegni scenografici di Lina Zargani.

Dosto & Yevski trasportano gli spettatori piccoli e grandi nello strampalato mondo di Oz, insieme a Dorothy e ai suoi bizzarri compagni di viaggio: l’uomo di paglia che vorrebbe un cervello ed è sempre quello che ha le idee migliori, l’uomo di latta che vorrebbe un cuore ed è già un sentimentalone, il leone Fifone che in realtà spaventa tutti col suo ruggito. I protagonisti incontreranno streghe buone e maghi senza alcun potere, dovranno affrontare avventure e difficoltà ma il divertimento e la musica saranno le migliori armi a loro disposizione. In un mondo pieno di cose che esistono ma non si vedono e ciò che si vede è soltanto fantasia, faranno capire che i desideri sono a portata di mano.

Dosto & Yevski, nei loro spettacoli ricchi di virtuosismi sceno-musicali propongono temi famosi della musica di tutto il mondo e di tutti i tempi, rivisitati musicalmente, in un crescendo di comicità e humour che non permette agli spettatori di restare seri e indifferenti. È una musica che sorride e irride, che si diverte e fa divertire, capace di incanalarsi nei binari del comico e della parodia.

L’orchestra e il coro del Teatro Massimo, saranno diretti da Michele De Luca, maestro del coro Piero Monti. In scena Annalisa Amodio (Dorothy), Alida Mancini (Strega Agàta e Strega Perfidia), Fabio La Mattina (Scatoletta), Massimo Sigillò Massara (Leone), Michelangelo Nari (Spaventapasseri Pagliuzza).

Lo spettacolo del duo comico musicale Dosto & Yevski, ispirato al classico romanzo per ragazzi di Frank Baum, andrà in scena per quattro giorni a partire dal 17 ottobre

di Marco Russo

Una bizzarra fiaba musicale per bambini e ragazzi, strizzando l’occhio anche ai più grandi. Uno dei classici della letteratura per l’infanzia, “Il Mago di Oz”, arriva sul palco del Teatro Massimo di Palermo, nella rilettura del duo comico Dosto & Yevski.

Ispirato al classico romanzo per ragazzi di Frank Baum e al film con Judy Garland, lo spettacolo andrà in scena mercoledì 17, giovedì 18, venerdì 19 e martedì 23 ottobre, in doppia replica alle 10 e alle 11,45. I testi e le musiche sono del duo comico, che firma anche la regia, con i disegni scenografici di Lina Zargani.

Dosto & Yevski trasportano gli spettatori piccoli e grandi nello strampalato mondo di Oz, insieme a Dorothy e ai suoi bizzarri compagni di viaggio: l’uomo di paglia che vorrebbe un cervello ed è sempre quello che ha le idee migliori, l’uomo di latta che vorrebbe un cuore ed è già un sentimentalone, il leone Fifone che in realtà spaventa tutti col suo ruggito. I protagonisti incontreranno streghe buone e maghi senza alcun potere, dovranno affrontare avventure e difficoltà ma il divertimento e la musica saranno le migliori armi a loro disposizione. In un mondo pieno di cose che esistono ma non si vedono e ciò che si vede è soltanto fantasia, faranno capire che i desideri sono a portata di mano.

Dosto & Yevski, nei loro spettacoli ricchi di virtuosismi sceno-musicali propongono temi famosi della musica di tutto il mondo e di tutti i tempi, rivisitati musicalmente, in un crescendo di comicità e humour che non permette agli spettatori di restare seri e indifferenti. È una musica che sorride e irride, che si diverte e fa divertire, capace di incanalarsi nei binari del comico e della parodia.

L’orchestra e il coro del Teatro Massimo, saranno diretti da Michele De Luca, maestro del coro Piero Monti. In scena Annalisa Amodio (Dorothy), Alida Mancini (Strega Agàta e Strega Perfidia), Fabio La Mattina (Scatoletta), Massimo Sigillò Massara (Leone), Michelangelo Nari (Spaventapasseri Pagliuzza).

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori 2022, presentato il festival a Palermo

Presentata la sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Si potrà salire su Porta Nuova, si entrerà nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker che ospitò il maxiprocesso, si scoprirà il Gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini. Teatralizzazioni e mostre negli antichi palazzi, sassofoni tra i reperti archeologici, teatro al Castello a mare e un forum internazionale con l’Università.

Capolavori dell’arte rivivono in digitale a Palazzo Reale

Al via Meta Experience con due esempi di cloni: un Satiro danzante d’argento scintillante e un Giovinetto di Mozia in rosso di sapore pop. Poi c’è un opera autentica, il busto di Ottaviano Augusto che si confronta con il suo doppio tecnologico

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Ultimi articoli

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Articoli correlati