Il linguaggio mafioso dai pizzini ai social network

Ultimo appuntamento con il Festival della Parola, a Palazzo d’Aumale, a Terrasini. Interverranno cronisti, magistrati e studiosi per raccontare i codici di comunicazione di Cosa nostra

di Marco Russo

Si conclude il Festival della Parola, iniziato lo scorso 14 novembre, con l’obiettivo d’indagare sull’evoluzione del linguaggio dalle origini ai giorni nostri. L’ultimo appuntamento previsto domani alle 10,30, a Palazzo d’Aumale, a Terrasini, sarà dedicato ai codici di comunicazione mafiosa. “Le parole della mafia”, sarà questo il titolo dell’incontro a cui parteciperanno cronisti, magistrati e studiosi che avranno il compito di raccontare il linguaggio di Cosa nostra.

Si farà un excursus da Luciano Liggio a Michele Greco, dai pizzini alle intercettazioni che hanno determinato i processi anche più recenti. Alla tavola rotonda, interverranno i giornalisti Riccardo Arena e Riccardo Lo Verso, il direttore della sede Rai Sicilia, Salvatore Cusimano, il professore Giuseppe Paternostro, autore del libro “Linguaggio mafioso – scritto, parlato, non detto” e il giudice del Tribunale di Palermo Nicola Aiello.

Introdurranno i lavori la direttrice del Polo Museale Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo, Valeria Patrizia Li Vigni, il direttore di Palazzo d’Aumale, Ferdinando Maurici e il sindaco di Terrasini, Giosuè Maniaci.

L’incontro chiude, dunque, la manifestazione promossa dall’assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, che ha raccontato l’evoluzione del linguaggio, a partire dalle epigrafi greche, arrivando fino al linguaggio contratto dei social network e alle emoticon, passando dalla lingua che rimanda all’immenso patrimonio del dialetto siciliano inventata da Andrea Camilleri.

Ultimo appuntamento con il Festival della Parola, a Palazzo d’Aumale, a Terrasini. Interverranno cronisti, magistrati e studiosi per raccontare i codici di comunicazione di Cosa nostra

di Marco Russo

Si conclude il Festival della Parola, iniziato lo scorso 14 novembre, con l’obiettivo d’indagare sull’evoluzione del linguaggio dalle origini ai giorni nostri. L’ultimo appuntamento previsto domani alle 10,30, a Palazzo d’Aumale, a Terrasini, sarà dedicato ai codici di comunicazione mafiosa. “Le parole della mafia”, sarà questo il titolo dell’incontro a cui parteciperanno cronisti, magistrati e studiosi che avranno il compito di raccontare il linguaggio di Cosa nostra.

Si farà un excursus da Luciano Liggio a Michele Greco, dai pizzini alle intercettazioni che hanno determinato i processi anche più recenti. Alla tavola rotonda, interverranno i giornalisti Riccardo Arena e Riccardo Lo Verso, il direttore della sede Rai Sicilia, Salvatore Cusimano, il professore Giuseppe Paternostro, autore del libro “Linguaggio mafioso – scritto, parlato, non detto” e il giudice del Tribunale di Palermo Nicola Aiello.

Introdurranno i lavori la direttrice del Polo Museale Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo, Valeria Patrizia Li Vigni, il direttore di Palazzo d’Aumale, Ferdinando Maurici e il sindaco di Terrasini, Giosuè Maniaci.

L’incontro chiude, dunque, la manifestazione promossa dall’assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, che ha raccontato l’evoluzione del linguaggio, a partire dalle epigrafi greche, arrivando fino al linguaggio contratto dei social network e alle emoticon, passando dalla lingua che rimanda all’immenso patrimonio del dialetto siciliano inventata da Andrea Camilleri.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Cefalù fa il bis con Le Vie dei Tesori tra chiese inedite e studi d’artista

Il festival torna per il secondo anno consecutivo nella cittadina normanna. Aprono le porte sei luoghi, si aggiungono quattro esperienze e una passeggiata. Percorsi tra arte e natura, antiche vestigia e sentieri verdi che si arrampicano fin sulla Rocca

Da Porta Nuova all’aula bunker, Le Vie dei Tesori torna a Palermo con tante novità

Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Dal 30 settembre al 30 ottobre, si potrà entrare nel carcere Ucciardone e si scoprirà il gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini.  E ancora teatralizzazioni, mostre negli antichi palazzi e passeggiate

Ultimi articoli

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Articoli correlati