Il festival Genio di Palermo si presenta a Palazzo Isnello

Visita speciale in anteprima per la stampa della dimora nobiliare che custodisce il prezioso affresco di Vito D’Anna. Si presenta l’edizione primaverile delle Vie dei Tesori, organizzata congiuntamente con l’Università

di Redazione

Il Genio, il nume tutelare laico di Palermo, simbolo di forza, ingegno e creatività. Disperso nella città, come frantumato tra affreschi, statue, angoli e icone: ritrovarlo e riscoprirlo è quasi un dovere. E a lui è dedicata l’edizione primaverile del Festival Le Vie dei Tesori, organizzata congiuntamente dalla Fondazione Le Vie dei Tesori e dall’Università di Palermo. Accanto alle visite, alle passeggiate, alle esperienze, una mostra all’Orto Botanico che racconterà il “Genio di Palermo”, un incontro tra “geni di Palermo”, in gran parte ex studenti dell’Ateneo; le passeggiate guidate da professori universitari ed esperti. Un progetto che rientra nel solco della Terza Missione dell’Ateneo, con l’obiettivo di favorire il trasferimento di conoscenza sul territorio, coinvolgere la comunità, essere bacino di network innovativi.

Tra i Geni sicuramente sconosciuti, c’è quello di Palazzo Isnello (via Isnello 10, traversa di corso Vittorio Emanuele): un affresco, bellissimo e perfettamente conservato, firmato che il pittore Vito D’Anna realizzò su incarico di don Vincenzo Termine di Isnello, a metà ‘700.  Il palazzo privato aprirà le porte per la prima volta in assoluto proprio per il festival. Venerdì 20 maggio alle 15, visita in anteprima per la stampa con il sindaco Leoluca Orlando, l’assessore comunale alle Culture Mario Zito, il rettore dell’Ateneo Massimo Midiri, il prorettore alla Terza Missione Maurizio Carta, il presidente della Fondazione Le Vie dei Tesori Laura Anello. Condurrà la visita l’artista Fabrice De Nola, la cui famiglia è proprietaria del palazzo.

Sempre venerdì, ma alle 17,30 all’Orto Botanico apertura del festival con un talk e una mostra fotografica (scatti di Sandro Scalia e Ezio Ferreri) che racconteranno il “Genio di Palermo”, la rassegna curata dal 1998 al 2005 dalla storica dell’arte Eva Di Stefano coinvolgendo gli artisti che ne furono protagonisti. Al talk partecipano la stessa Eva di Stefano, Andrea Cusumano, Anne-Clémence De Grolée, Alessandro Di Giugno, Domenico Pellegrino, Manuela Plaja, Enrico Stassi e Emilia Valenza. A seguire, l’inaugurazione della mostra fotografica che racconterà alcuni momenti, performance, workshop della manifestazione, con focus sugli anni 2000 e 2005. La mostra durerà fino al 5 giugno, sabato e domenica dalle 10 alle 19.

Presto disponibile il programma completo del Festival su www.leviedeitesori.com.

Condividi
Tags

In evidenza

SPAZIO AZIENDE | Un’Alleanza per i tesori

di Redazione Alleanza Assicurazioni ha stretto una partnership con Le Vie dei Tesori e ha aperto uno sportello di accoglienza nell’hub del festival di piazza...

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Porta Nuova presa d’assalto dal popolo delle Vie dei Tesori

Porta Nuova apre per la prima volta in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Già nel primo weekend tanti visitatori hanno salito gli ottanta alti gradini che dal piano di Palazzo Reale conducono fino al corridoio scoperto di collegamento tra la residenza normanna e la Porta costruita nel 1460, riedificata un secolo dopo dal viceré di Sicilia Marcantonio Colonna per celebrare l’arrivo di Carlo V

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Articoli correlati