Il centro di Palermo è sempre più pedonale

Disposta la chiusura al traffico per l’intero tratto delle vie Amari e Ruggero Settimo. Si va verso una grande area senz’auto dal porto alla Cattedrale

di Marco Russo

Una grande isola pedonale che dal porto arriva fino alla Cattedrale e alla stazione centrale. Il centro di Palermo è sempre più “rambla” con le nuove pedonalizzazioni a cui ha dato il via libera la giunta comunale. È stata, infatti, approvata una delibera che delimita le aree pedonali di via Emerico Amari, da via Crispi al Politeama e per l’intero tratto di via Ruggero Settimo, dal Politeama in via Cavour. Appena entreranno in vigore le ordinanze, il provvedimento sarà permanente per via Amari, mentre in via Ruggero Settimo è in forma sperimentale per 12 mesi. Le nuove isole pedonali si aggiungeranno a quelle già presenti nel centro storico, in via Maqueda e via Vittorio Emanuele.

Via Ruggero Settimo

“Il provvedimento – sottolineano dall’amministrazione comunale in una nota – è stato preceduto e sarà seguito, anche in vista delle specifiche ordinanze attuative, da una serie di incontri con le categorie produttive e i rappresentanti dei commercianti e dei cittadini che operano e vivono nelle aree interessate”. Prosegue, così, la pedonalizzazione del centro del capoluogo, già avviata negli anni precedenti, che punta a creare una accesso turistico per i crocieristi in arrivo al porto. Area pedonale, di fatto, a cui i palermitani sono già abituati, dopo le chiusure per il cantiere dell’anello ferroviario e che sarà completata con arredi, fioriere e panchine.

Via Amari

“Si tratta di un’area strategica per lo sviluppo e l’attrattività di una parte della città – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – nel triangolo ‘ingresso Porto-Politeama-piazza Verdi’. La pedonalizzazione costituisce un’azione programmatoria cui dovranno seguire specifiche ordinanze che daranno conto di esigenze e proposte all’interno di una scelta fondamentale che connota la visione complessiva di governo di Palermo”.

Dissuasori in via Ruggero Settimo

“Si tratta di un progetto che unisce gli aspetti di decoro, vivibilità e attenzione all’impresa che ogni pedonalizzazione deve esprimere – affermano il vicesindaco Fabio Giambrone, l’assessore alla Mobilità, Giusto Catania e alle Attività produttive Leopoldo Piampiano -. La decisione presa oggi è frutto di un lungo percorso di dialogo e condivisione, che si esprime e prosegue anche con gli interventi in corso o già programmati anche nelle aree limitrofe, tutti destinati a rendere più vivibile e fruibile l’intera zona. Questa pedonalizzazione assume una valenza particolare perché, una volta realizzati gli interventi previsti, quest’area rappresenterà la ‘porta di ingresso’ in città per le migliaia di turisti e crocieristi che, speriamo presto, torneranno a visitare Palermo”.

Condividi
Tags

In evidenza

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Ho scelto il Sud, comprano un mulino a pietra e tornano alla terra: la scommessa di due giovani agricoltori

Mauro Calvagna e Rosario Claudio La Placa sono due quarantenni di Belpasso che hanno fondato una società agricola, puntando sugli insegnamenti e l’esperienza delle rispettive famiglie

Tutto pronto a Taormina per il restauro della tomba romana La Guardiola

Consegnati i lavori per gli interventi di recupero del monumento sepolcrale all’interno del giardino dell’hotel Villa Fiorita. La sepoltura fa parte di un vasto complesso che risale al Primo secolo dopo Cristo 

Ultimi articoli

Arriva Carnevale: la Sicilia in festa tra carri, musica e maschere

Da Termini Imerese ad Acireale e Sciacca, passando per Avola e Melilli, sono tantissime le città dell’Isola che portano avanti antiche tradizioni, animando piccole e grandi comunità

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Articoli correlati