I Borbone e l’archeologia, incontri al Museo Salinas

Con le conferenze dei due storici, Pasquale Hamel e Daniele Palermo, hanno preso il via gli appuntamenti che accompagneranno la mostra. Presente anche la principessa Beatrice

di Ruggero Altavilla

Storia e vita quotidiana a Palermo al tempo dei Borbone. Si è aperto, lunedì scorso, il ciclo di incontri che accompagnerà, in questi primi mesi dell’anno, la mostra “Palermo Capitale del Regno. I Borbone e l’archeologia a Palermo, Napoli e Pompei”, organizzata dal museo Salinas – che la ospita fino al 31 marzo – in collaborazione con il Museo archeologico nazionale di Napoli, il Parco Archeologico di Pompei e CoopCulture (ve ne abbiamo parlato qui).

Francesca Spatafora e Beatrice di Borbone

La conferenza, organizzata dalla delegazione di Sicilia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio in collaborazione col Museo Salinas, ha avuto come madrina la principessa Beatrice di Borbone, che ha visitato la mostra dedicata al ruolo del regno borbonico nel campo dell’archeologia. Nel corso dell’incontro, aperto dal direttore del Salinas, Francesca Spatafora, si sono svolte le conferenze dei due storici, Pasquale Hamel e Daniele Palermo, che hanno tracciato la storia della politica archeologica della Real Casa di Borbone e quella di Palermo come capitale del Regno.Tra gli ospiti presenti anche fra Luigi Naselli, gran priore del Sovrano militare Ordine di Malta per Napoli e Sicilia, il barone Vincenzo Calefati di Canalotti, delegato melitense per la Sicilia Occidentale e il delegato vicario Antonio Di Janni. Nel corso della serata sono stati consegnati alcuni riconoscimenti per l’impegno della principessa di Borbone nella realizzazione e mantenimento del progetto “Briciole di salute”, che da oltre cinque anni assiste i bambini fino a tre anni.

Pasquale Hamel, Francesca Spatafora e Daniele Palermo

L’obiettivo degli incontri è quello di raccontare e analizzare alcuni aspetti legati alla storia, alla vita quotidiana, alla gestione del patrimonio culturale al tempo dei Borbone, così da avere un quadro quanto più completo possibile di un periodo che segnò profondamente, pur tra tante ombre, la storia dell’Isola fin dal 1734, quando Carlo di Borbone mosse alla conquista delle Due Sicilie, e che si concluse solo nel 1860 con la spedizione dei Mille e la successiva annessione al Regno d’Italia.

Con le conferenze dei due storici, Pasquale Hamel e Daniele Palermo, hanno preso il via gli appuntamenti che accompagneranno la mostra. Presente anche la principessa Beatrice

di Ruggero Altavilla

Storia e vita quotidiana a Palermo al tempo dei Borbone. Si è aperto, lunedì scorso, il ciclo di incontri che accompagnerà, in questi primi mesi dell’anno, la mostra “Palermo Capitale del Regno. I Borbone e l’archeologia a Palermo, Napoli e Pompei”, organizzata dal museo Salinas – che la ospita fino al 31 marzo – in collaborazione con il Museo archeologico nazionale di Napoli, il Parco Archeologico di Pompei e CoopCulture (ve ne abbiamo parlato qui).

Francesca Spatafora e Beatrice di Borbone

La conferenza, organizzata dalla delegazione di Sicilia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio in collaborazione col Museo Salinas, ha avuto come madrina la principessa Beatrice di Borbone, che ha visitato la mostra dedicata al ruolo del regno borbonico nel campo dell’archeologia. Nel corso dell’incontro, aperto dal direttore del Salinas, Francesca Spatafora, si sono svolte le conferenze dei due storici, Pasquale Hamel e Daniele Palermo, che hanno tracciato la storia della politica archeologica della Real Casa di Borbone e quella di Palermo come capitale del Regno.Tra gli ospiti presenti anche fra Luigi Naselli, gran priore del Sovrano militare Ordine di Malta per Napoli e Sicilia, il barone Vincenzo Calefati di Canalotti, delegato melitense per la Sicilia Occidentale e il delegato vicario Antonio Di Janni. Nel corso della serata sono stati consegnati alcuni riconoscimenti per l’impegno della principessa di Borbone nella realizzazione e mantenimento del progetto “Briciole di salute”, che da oltre cinque anni assiste i bambini fino a tre anni.

Francesca Spatafora e Beatrice di Borbone

L’obiettivo degli incontri è quello di raccontare e analizzare alcuni aspetti legati alla storia, alla vita quotidiana, alla gestione del patrimonio culturale al tempo dei Borbone, così da avere un quadro quanto più completo possibile di un periodo che segnò profondamente, pur tra tante ombre, la storia dell’Isola fin dal 1734, quando Carlo di Borbone mosse alla conquista delle Due Sicilie, e che si concluse solo nel 1860 con la spedizione dei Mille e la successiva annessione al Regno d’Italia.

Hai letto questi articoli?
Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le vie dei Tesori News

Send this to a friend