Giuseppe Tornatore inaugura la rassegna “CineDarch”

Il regista dialoga con Franco Lo Piparo dopo la proiezione del film “Una pura formalità”, la manifestazione è organizzata dal Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Palermo

di Redazione

Sarà Giuseppe Tornatore ad inaugurare oggi la rassegna cinematografica “CineDarch”, organizzata dal Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Palermo. L’incontro inizierà alle 14 nell’aula magna Margherita De Simone dell’edificio 14 in viale delle Scienze, con la proiezione del film del regista bagherese “Una pura formalità” e proseguirà, dalle 16.30, con un dialogo sul tema del rapporto tra cinema e tempo a cui parteciperà lo stesso Tornatore, con Franco Lo Piparo, docente di Filosofia del linguaggio.

Il dibattito sarà preceduto dai saluti istituzionali del rettore, Fabrizio Micari, dal presidente della Scuola Politecnica, Maurizio Carta e dall’introduzione del direttore del Dipartimento di Architettura e coordinatore dell’iniziativa, Andrea Sciascia.

“Una pura formalità”, pellicola del 1994 presentata in concorso al 47esimo Festival di Cannes, con Gérard Depardieu e Roman Polanski, è un film dalla forte tensione drammaturgica, abilmente sospeso tra realtà e visione onirica, una riflessione sulla vita, la morte e la memoria.

Il regista dialoga con Franco Lo Piparo dopo la proiezione del film “Una pura formalità”, la manifestazione è organizzata dal Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Palermo

di Redazione

Sarà Giuseppe Tornatore ad inaugurare oggi la rassegna cinematografica “CineDarch”, organizzata dal Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Palermo. L’incontro inizierà alle 14 nell’aula magna Margherita De Simone dell’edificio 14 in viale delle Scienze, con la proiezione del film del regista bagherese “Una pura formalità” e proseguirà, dalle 16.30, con un dialogo sul tema del rapporto tra cinema e tempo a cui parteciperà lo stesso Tornatore, con Franco Lo Piparo, docente di Filosofia del linguaggio.

Il dibattito sarà preceduto dai saluti istituzionali del rettore, Fabrizio Micari, dal presidente della Scuola Politecnica, Maurizio Carta e dall’introduzione del direttore del Dipartimento di Architettura e coordinatore dell’iniziativa, Andrea Sciascia.

“Una pura formalità”, pellicola del 1994 presentata in concorso al 47esimo Festival di Cannes, con Gérard Depardieu e Roman Polanski, è un film dalla forte tensione drammaturgica, abilmente sospeso tra realtà e visione onirica, una riflessione sulla vita, la morte e la memoria.

Condividi
Tags

In evidenza

Nascerà un itinerario geologico lungo la scogliera di Cefalù

Un percorso tematico per la valorizzazione dei fossili sarà realizzato grazie alla collaborazione tra il Comune e il Parco delle Madonie, con la partecipazione dell'Università di Palermo. Saranno installate targhe e codici Qr per informazioni sul sito in tempo reale

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Ultimi articoli

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Articoli correlati