Giù le maschere con Luca Vullo e Lello Analfino

I due artisti portano in scena uno spettacolo con cui si mettono simbolicamente a nudo davanti al pubblico, appuntamento venerdì 28 settembre, in corso Umberto I a Caltanissetta

di Ruggero Altavilla

Uno spettacolo che è anche un esperimento psicologico e sociale, per togliere tutte le “maschere” che si usano abitualmente. Questo è “Senza maschera”, scritto e diretto da Luca Vullo, che è anche interprete insieme a Lello Analfino. Presentato in anteprima nazionale all’interno del settembre nisseno, debutterà venerdì 28 settembre, alle 21.15, in corso Umberto I a Caltanissetta. Si tratta della prima esperienza teatrale del cantante e frontman del gruppo Tinturia, che dopo aver conosciuto Vullo tramite il tour europeo del suo progetto “Sicilian Mood” ha deciso di mettersi in gioco insieme a lui.

Comincia tutto da una domanda: “Chi c’è dietro la maschera che indossiamo ogni giorno per essere accettati dalla società?”. Con autoironia i due artisti hanno accettato di mettersi completamente a nudo davanti al pubblico, parlando dei propri difetti fisici, caratteriali ed esprimendo liberamente tutti i propri pensieri sulla società. Gli artisti ofriranno al pubblico la possibilità di vivere l’esperienza diretta dell’esperimento e di farne attivamente parte.

Lo svelamento delle maschere e il linguaggio universale della musica saranno la chiave giusta per un onesto incontro con l’altro? I due artisti, infatti, saranno protagonisti sul palco insieme ai musicisti Gianpiero Risico (percussioni e fiati) e Lino Costa (chitarra), che eseguiranno dal vivo le musiche originali, con le grafiche e animazioni di Roberto Gallà. Lo spettacolo è prodotto da Ondemotive Productions Ltd e Mcn, organizzato dal Comune di Caltanissetta e Puntoeacapo. L’ingresso è libero.

I due artisti portano in scena uno spettacolo con cui si mettono simbolicamente a nudo davanti al pubblico, appuntamento venerdì 28 settembre, in corso Umberto I a Caltanissetta

di Ruggero Altavilla

Uno spettacolo che è anche un esperimento psicologico e sociale, per togliere tutte le “maschere” che si usano abitualmente. Questo è “Senza maschera”, scritto e diretto da Luca Vullo, che è anche interprete insieme a Lello Analfino. Presentato in anteprima nazionale all’interno del settembre nisseno, debutterà venerdì 28 settembre, alle 21.15, in corso Umberto I a Caltanissetta. Si tratta della prima esperienza teatrale del cantante e frontman del gruppo Tinturia, che dopo aver conosciuto Vullo tramite il tour europeo del suo progetto “Sicilian Mood” ha deciso di mettersi in gioco insieme a lui.

Comincia tutto da una domanda: “Chi c’è dietro la maschera che indossiamo ogni giorno per essere accettati dalla società?”. Con autoironia i due artisti hanno accettato di mettersi completamente a nudo davanti al pubblico, parlando dei propri difetti fisici, caratteriali ed esprimendo liberamente tutti i propri pensieri sulla società. Gli artisti ofriranno al pubblico la possibilità di vivere l’esperienza diretta dell’esperimento e di farne attivamente parte.

Lo svelamento delle maschere e il linguaggio universale della musica saranno la chiave giusta per un onesto incontro con l’altro? I due artisti, infatti, saranno protagonisti sul palco insieme ai musicisti Gianpiero Risico (percussioni e fiati) e Lino Costa (chitarra), che eseguiranno dal vivo le musiche originali, con le grafiche e animazioni di Roberto Gallà. Lo spettacolo è prodotto da Ondemotive Productions Ltd e Mcn, organizzato dal Comune di Caltanissetta e Puntoeacapo. L’ingresso è libero.

Condividi
Tags

In evidenza

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori 2022, presentato il festival a Palermo

Presentata la sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Si potrà salire su Porta Nuova, si entrerà nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker che ospitò il maxiprocesso, si scoprirà il Gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini. Teatralizzazioni e mostre negli antichi palazzi, sassofoni tra i reperti archeologici, teatro al Castello a mare e un forum internazionale con l’Università.

Ultimi articoli

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Articoli correlati