Giornata delle guide turistiche: le visite in Sicilia

Chiese, musei e palazzi aperti in occasione della manifestazione dedicata ai temi della tutela del patrimonio e del turismo sostenibile

di Marco Russo

Scoprire luoghi preziosi ma meno conosciuti, contribuire concretamente alla tutela del patrimonio e far conoscere una figura professionale nel suo ruolo di “ambasciatore” del territorio. Sono questi gli obiettivi della Giornata internazionale della guida turistica, che torna anche quest’anno con visite guidate in tutta Italia. La Giornata si celebra il 21 febbraio, ma dal 2013 le guide italiane scelgono anche un weekend in cui proporre ulteriori visite guidate gratuite a cittadini e turisti, con ottimi risultati di pubblico (mediamente 20mila visitatori).

L’acropoli di Selinunte

Quest’anno la manifestazione – istituita nel 1990 dalla World federation tourist guide Associations, è promossa Italia dall’Associazione nazionale guide turistiche (Angt) – sarà dedicata a Marcella Bagnasco, scomparsa nel 2019: donna colta e appassionata, socia fondatrice e per molti anni presidente di Angt, è sempre stata fiera sostenitrice di tutte le manifestazioni che danno risalto alla figura professionale della guida turistica abilitata. L’edizione 2020, anche a seguito dei danni provocati nello scorso autunno dall’acqua alta a Venezia e dal maltempo in molte regioni, è dedicata ai temi della tutela del patrimonio e del turismo sostenibile.

Il Duomo e il Municipio di Termini Imerese

Anche in Sicilia, come nel resto d’Italia, sono previsti diversi appuntamenti. Tra quelli in programma, in occasione della Giornata, l’associazione Gta – Guide turistiche abilitate, propone con una visita guidata tra le bellezze di Termini Imerese, nel Palermitano. Sono previsti due appuntamenti, sabato 29 febbraio e domenica 1 marzo, con visite alle 9,30, 10,30, 15 e 16, con appuntamento al pianoro della Chiesa Madre, davanti al Municipio. La passeggiata prevede la visita della Cammara picta, la sala con affreschi manieristi all’interno del palazzo municipale. Nei quattro fronti è possibile ammirare una sequenza di affreschi compiuti nel 1610 dal pittore termitano Vincenzo La Barbera. In queste pitture si illustrano gli avvenimenti principali di Himera e di Thermae Himeresenses. La giornata proseguirà con la visita al Duomo, alla Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria, ai resti dell’anfiteatro e della curia, per finire tra le sale del Museo civico.

La Cattedrale di Noto

Nel Trapanese, l’1 marzo alle 10,30 e alle 11,30, l’Associazione Guide turistiche Trapani e Sicilia occidentale condurrà alla scoperta di Segesta e Selinunte, con ingressi gratuiti ai parchi archeologici in coincidenza con la prima domenica del mese. Appuntamenti anche a Noto, venerdì 21, sabato 29 febbraio e domenica 1 marzo, con la manifestazione “Storie di… ordinaria aristocrazia netina”. Le guide turistiche condurranno visite al Museo del Barocco, a Palazzo Impellizzeri, nelle chiese della Santissima Annunziata e di Santa Caterina, nel quartiere Agliastrello, e per finire nei palazzi Astuto e Trigona. La partenze è al Museo del Barocco di via Garibaldi.

La Cattedrale di Catania

A Catania, l’Associazione regionale Guide Sicilia e il Rotary Club Catania Est offriranno – sabato 22 febbraio alle 10, con appuntamento in piazza Duomo – una visita guidata di un paio d’ore nel centro della città alla scoperta di edifici del XVIII e del XIX secolo, tra cui anche la sede dell’Arciconfraternita dei Bianchi. Un’attenzione speciale sarà dedicata alle famiglie con bambini.

Per informazioni sulle visite a Termini Imerese, scrivere una email a info@guidepalermo.it o contattare via Whatsapp il 3358111954. Per Segesta e Selinunte telefonare al 3518559345. Per Noto prenotazioni all’infopoint, chiamando il 3394816218 o all’Associazione guide turistiche Noto al 3333494488. Per Catania scrivere a info@guidesicilia.com.

Condividi
Tags

In evidenza

L’avventura di un alpinista siciliano sul vulcano più alto del mondo

Il messinese Nunzio Bruno ha raggiunto la vetta dell'Ojos del Salado, a quasi settemila metri tra Cile e Argentina, una delle tappe di un progetto dedicato alla madre che soffre di Sla. Adesso punta all’Himalaya

Acireale, una mostra racchiude le opere dei Gagini nel territorio etneo

Nel Palazzo Comunale un percorso espositivo che unisce Sicilia, Calabria e Bissone, terra di origine di Domenico Gagini, capostipite della famiglia di artisti e protagonista di un “approdo” che favorì l'interscambio tra sperimentazioni d'arte nel Rinascimento

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

Ultimi articoli

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Ho scelto il Sud, comprano un mulino a pietra e tornano alla terra: la scommessa di due giovani agricoltori

Mauro Calvagna e Rosario Claudio La Placa sono due quarantenni di Belpasso che hanno fondato una società agricola, puntando sugli insegnamenti e l’esperienza delle rispettive famiglie

Articoli correlati