Fondi in arrivo per i luoghi della cultura

Approvato l’elenco dei progetti per interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio siciliano, che potranno essere finanziati con risorse europee

di Giulio Giallombardo

Nuovi percorsi di fruizione nella Galleria di arte moderna di Palermo, lavori di restauro nel chiostro della basilica di San Francesco d’Assisi, la creazione di un museo multimediale nel Castello di Nelson a Bronte, ed anche una videoinstallazione immersiva sulla Venere Ericina. Questi sono solo alcuni dei tanti progetti che potranno essere oggetto di interventi di valorizzazione da finanziare con i fondi europei del Po Fesr 2014-2020. L’elenco è stato approvato pochi giorni fa dal Dipartimento regionale dei Beni culturali, attraverso due distinti decreti firmati dal dirigente generale, Sergio Alessandro.

Il Museo Mandralisca di Cefalù

Nel primo elenco, si contano 26 progetti ammissibili per interventi di tutela, valorizzazione e messa in rete del patrimonio culturale; nel secondo, invece, i progetti selezionati sono 21 e rientrano nell’azione per la diffusione della conoscenza, con la creazione di sistemi innovativi e l’uso di tecnologie avanzate. Entrambi i decreti fanno riferimento a quei siti classificati come “luoghi della cultura”: un elenco approvato dalla Regione, che contiene tutti quei beni di proprietà statale, di enti locali ed ecclesiastici o di fondazioni, oggetto di progetti di valorizzazione da finanziare tramite la partecipazione a bandi per le operazioni a regia sulle risorse del Po Fesr. Tutti i progetti ammessi, ma anche quelli giudicati non ricevibili o non ammissibili, saranno sottoposti al successivo esame da parte della Commissione di valutazione, per il definitivo via libera alla concessione dei finanziamenti che ammontano complessivamente a oltre 5 milioni e mezzo di euro.

I progetti presi in esame spaziano da un capo all’altro della Sicilia. A Palermo, riflettori accesi sulla Gam, la Galleria d’arte moderna, che punta a nuovi percorsi di fruizione per un museo diffuso e accessibile, anche attraverso nuove illuminazioni a risparmio energetico. Poi ci sono i lavori di recupero e valorizzazione del chiostro di San Francesco d’Assisi, interventi di miglioramento a Villa Malfitano e di salvaguardia per il patrimonio geopaleontologico del Museo Gemmellaro. A Catania, protagonista Castello Ursino, con un tour di suggestioni storiche nel fossato, attraverso un nuovo percorso espositivo. Ammessi, inoltre, progetti per la valorizzazione multimediale delle terrazze del Museo Diocesano, per un’inedita fruizione del Monastero dei Benedettini e del suo Museo della Fabbrica, ed anche per il Museo dello Sbarco e per quello del cinema.

Il chiostro della chiesa di San Francesco d’Assisi a Palermo

E ancora, tra gli altri progetti ritenuti ammissibili, previsti lavori e acquisti per migliorare l’esperienza di visita al Museo Whitaker di Mozia, anche con un’app, e l’ampliamento degli spazi espositivi con un nuovo percorso al Mandralisca di Cefalù. A Erice, spazio anche ad una videoinstallazione immersiva dal titolo “La Venere Ericina dal sogno al mito” ed altri interventi all’interno del polo museale Cordici. C’è poi il progetto per realizzare un museo virtuale diffuso sugli itinerari francescani in Sicilia; quello di ristrutturazione dell’ex Carcere borbonico di Caltagirone, sede del museo civico e di valorizzazione del complesso monumentale di San Francesco dell’Immacolata a Trapani.

Approvato l’elenco dei progetti per interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio siciliano, che potranno essere finanziati con risorse europee

di Giulio Giallombardo

Nuovi percorsi di fruizione nella Galleria di arte moderna di Palermo, lavori di restauro nel chiostro della basilica di San Francesco d’Assisi, la creazione di un museo multimediale nel Castello di Nelson a Bronte, ed anche una videoinstallazione immersiva sulla Venere Ericina. Questi sono solo alcuni dei tanti progetti che potranno essere oggetto di interventi di valorizzazione da finanziare con i fondi europei del Po Fesr 2014-2020. L’elenco è stato approvato pochi giorni fa dal Dipartimento regionale dei Beni culturali, attraverso due distinti decreti firmati dal dirigente generale, Sergio Alessandro.

Il Museo Mandralisca di Cefalù

Nel primo elenco, si contano 26 progetti ammissibili per interventi di tutela, valorizzazione e messa in rete del patrimonio culturale; nel secondo, invece, i progetti selezionati sono 21 e rientrano nell’azione per la diffusione della conoscenza, con la creazione di sistemi innovativi e l’uso di tecnologie avanzate. Entrambi i decreti fanno riferimento a quei siti classificati come “luoghi della cultura”: un elenco approvato dalla Regione, che contiene tutti quei beni di proprietà statale, di enti locali ed ecclesiastici o di fondazioni, oggetto di progetti di valorizzazione da finanziare tramite la partecipazione a bandi per le operazioni a regia sulle risorse del Po Fesr. Tutti i progetti ammessi, ma anche quelli giudicati non ricevibili o non ammissibili, saranno sottoposti al successivo esame da parte della Commissione di valutazione, per il definitivo via libera alla concessione dei finanziamenti che ammontano complessivamente a oltre 5 milioni e mezzo di euro.

Il chiostro della chiesa di San Francesco d’Assisi a Palermo

I progetti presi in esame spaziano da un capo all’altro della Sicilia. A Palermo, riflettori accesi sulla Gam, la Galleria d’arte moderna, che punta a nuovi percorsi di fruizione per un museo diffuso e accessibile, anche attraverso nuove illuminazioni a risparmio energetico. Poi ci sono i lavori di recupero e valorizzazione del chiostro di San Francesco d’Assisi, interventi di miglioramento a Villa Malfitano e di salvaguardia per il patrimonio geopaleontologico del Museo Gemmellaro. A Catania, protagonista Castello Ursino, con un tour di suggestioni storiche nel fossato, attraverso un nuovo percorso espositivo. Ammessi, inoltre, progetti per la valorizzazione multimediale delle terrazze del Museo Diocesano, per un’inedita fruizione del Monastero dei Benedettini e del suo Museo della Fabbrica, ed anche per il Museo dello Sbarco e per quello del cinema.

E ancora, tra gli altri progetti ritenuti ammissibili, previsti lavori e acquisti per migliorare l’esperienza di visita al Museo Whitaker di Mozia, anche con un’app, e l’ampliamento degli spazi espositivi con un nuovo percorso al Mandralisca di Cefalù. A Erice, spazio anche ad una videoinstallazione immersiva dal titolo “La Venere Ericina dal sogno al mito” ed altri interventi all’interno del polo museale Cordici. C’è poi il progetto per realizzare un museo virtuale diffuso sugli itinerari francescani in Sicilia; quello di ristrutturazione dell’ex Carcere borbonico di Caltagirone, sede del museo civico e di valorizzazione del complesso monumentale di San Francesco dell’Immacolata a Trapani.

Condividi
Tags

In evidenza

Mazara del Vallo raccontata in un libro tra immagini e parole

Scorci, riti e tradizioni della città trapanese in un volume di Giovanni Franco e Nicola Cristaldi. Dai vicoli della Casbah al mercato del pesce, dalle spiagge ritrovate alle chiese

Le Vie dei Tesori svela Catania e Acireale per cinque weekend

Diciannove luoghi nel capoluogo più altri sette nella vicina città alle pendici dell'Etna. Tantissime esperienze fuoriporta, quattro imperdibili passeggiate. Dalle chiese alla luce delle candele alle tombe romane, dai mastri d’ascia alle artiste della cartapesta, dai tour rurali ai giardini tropicali

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Articoli correlati