Fondi in arrivo per cinque dimore storiche siciliane

Da Palermo a Marzamemi, da Scopello a Santa Teresa di Riva, previste opere di manutenzione e abbellimento di palazzi e tonnare

di Redazione

Nuova tranche di contributi per interventi di riqualificazione su diversi palazzi storici siciliani. Lo prevede un decreto firmato dagli assessori regionali all’Economia, Gaetano Armao, e ai Beni Culturali, Alberto Samonà, con cui si autorizza la ripartizione delle risorse stanziate per opere di manutenzione e abbellimento delle dimore storiche, grazie alle quali verranno realizzati interventi di miglioramento di cinque storici palazzi siciliani.

Palazzo Villadorata a Marzamemi

Beneficiari dei contributi – si legge in una nota dell’assessorato regionale dei Beni culturali – sono proprietari, possessori o detentori di edifici a destinazione d’uso abitativo che siano stati, però, dichiarati di interesse culturale. Lo stanziamento, che per il 2020 ammonta a 736.980 euro, servirà a finanziari interventi a Villa dei Marchesi Carrozza, a Santa Teresa di Riva, nel Messinese, gioiello liberty immerso in un parco di circa tremila metri quadrati. Una parte dei fondi andrà al settecentesco Palazzo Valguarnera-Gangi a Palermo, set del “Gattopardo” di Luchino Visconti, e a Palazzo Villadorata, a Marzamemi, nel Siracusano. Contributi anche per le due tonnare storiche di Marzamemi e Scopello.

La tonnara di Scopello

“L’intervento – sottolinea l’assessore regionale ai Beni Culturali, Alberto Samonà – rientra nella politica conservativa di beni culturali prevista dal Codice del 2002 e costituisce una forma di concorso alla spesa sostenuta dai privati, proprietari di edifici storici, per la messa in sicurezza e il mantenimento del decoro di edifici che, con la loro presenza, testimoniano la storia dei territori e ne rafforzano la bellezza e l’attrattività”.

Il Teatro Garibaldi di Modica

“Contestualmente – prosegue Samonà – in corso le opere di realizzazione degli interventi di riqualificazione dei teatri e dei cineteatri della Sicilia, alcuni dei quali rappresentano preziose testimonianze di architettura, come il neoclassico Teatro Garibaldi di Modica che solo pochi giorni fa è stato restituito alla pubblica fruizione dopo un intervento di riqualificazione che ne ha restituito l’originale bellezza”.

Condividi
Tags

In evidenza

Dulciora, Agata e le altre: in scena nobildonne e cortigiane con Le Vie dei Tesori

A Palermo tornano le visite teatralizzate del festival. L’attrice Stefania Blandeburgo protagonista nella cripta delle Repentite, nelle carceri dell’Inquisizione dello Steri e a Villa Pottino. Francesca Picciurro tra i saloni di Palazzo Alliata di Villafranca

Mazara del Vallo raccontata in un libro tra immagini e parole

Scorci, riti e tradizioni della città trapanese in un volume di Giovanni Franco e Nicola Cristaldi. Dai vicoli della Casbah al mercato del pesce, dalle spiagge ritrovate alle chiese

L’assessorato al Centro storico si apre ai palermitani

In tanti hanno partecipato all’esperienza del festival Le Vie dei Tesori al Noviziato dei Crociferi, guidata dall’assessore Maurizio Carta. Un’occasione per capire come funziona la macchina comunale con visite agli uffici, al cortile e alla terrazza affacciata sul mare

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Articoli correlati