Edipo dalla peste alla pandemia: si torna in scena a Segesta

Al via la seconda edizione della rassegna ideata da Lina Prosa, che unisce drammaturgia classica e sensibilità contemporanea. Eventi al tempio e teatro antico, all’ex convento di San Francesco di Calatafimi-Segesta e anche un cammino tra la natura alla ricerca del mito

di Guido Fiorito

Il teatro di Sofocle, la peste nell’antica Atene e la pandemia contemporanea, questo il tema centrale della seconda edizione dello Scena Segesta Festival 2021. Apertura sabato prossimo al tempio di Segesta, con Edipo a Colono/lontano nel bosco di Lina Prosa, ideatrice della manifestazione. “La tragedia di Edipo – dice Prosa – riporta immediatamente a noi. Nella peste come nella pandemia di Covid, c’è la ricerca della colpa individuale di una catastrofe collettiva, l’esperienza umana della separazione, le variazioni culturali del caso e del destino”.

Al via Scena Segesta Festival

Al centro del festival è l’Edipo di Sofocle, indagando su ciò che sta dietro il testo, unendo la drammaturgia classica e lo sguardo contemporaneo. All’interno lavori scenici nati dal progetto Generazione Edipo, sviluppato da Arlenika-Centro Amazzone di Palermo e l’AsKéné-LeLabò di Losanna. La regista svizzera Simone Audemars terrà una lezione laboratorio su Sofocle, il testo e l’attore, e poi curerà due Inventari su Edipo re nell’ex Convento di San Francesco a Calatafimi-Segesta. Lina Prosa si è dedicata, invece, alla figura di Giocasta, la madre di Edipo. “Giocasta Flash” è un “sopralluogo drammaturgico” al teatro antico di Segesta. Gli attori leggeranno testi in teatro durante la giornata interagendo con i turisti. Giocasta/inventario di una vita chiuderà il festival il 18 luglio. “Giocasta – dice Prosa – è un personaggio meno approfondito di Edipo. Qui chiede il suo posto in scena e  di raccontare la sua storia”.

Le prove di uno spettacolo

Ci sarà un balletto di Silvia Giuffrè, creazioni musicali per voce e suono di Fabrizio Malerba e Alba Sofia Vella e un incontro con Rino Marino, drammaturgo e psichiatra. Coinvolti diversi luoghi di Calatafimi, tra cui la biblioteca comunale e l’esterno della chiesa del Carmine dove Marina Turco e Marta Occhipinti parleranno di libri. Infine, un cammino nella natura segestana alla ricerca del mito, intitolato La strada di Edipo. “È il momento di sublimare attraverso il teatro le sofferenze che abbiamo provato- dice Alberto Samonà, assessore regionale ai Beni culturali -. La pandemia può servire a fare una rilettura della nostra esistenza. Segesta rappresenta bene con  il suo territorio la dimensione plurale dell’identità siciliana”.

Il tempio di Segesta

Nel mese di agosto, il teatro di Segesta sarà protagonista delle rappresentazioni inserite nel cartellone delle Dionisiache, il cui programma sarà presentato il prossimo 20 luglio. “Speriamo – ha detto Rossella Giglio, direttrice del Parco archeologico segestano – di poter ampliare la capienza del teatro, fissata lo scorso anno in 400 spettatori”.

SCENA SEGESTA FESTIVAL 2021, QUI IL PROGRAMMA COMPLETO

Condividi
Tags

In evidenza

Tutto pronto a Taormina per il restauro della tomba romana La Guardiola

Consegnati i lavori per gli interventi di recupero del monumento sepolcrale all’interno del giardino dell’hotel Villa Fiorita. La sepoltura fa parte di un vasto complesso che risale al Primo secolo dopo Cristo 

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

L’avventura di un alpinista siciliano sul vulcano più alto del mondo

Il messinese Nunzio Bruno ha raggiunto la vetta dell'Ojos del Salado, a quasi settemila metri tra Cile e Argentina, una delle tappe di un progetto dedicato alla madre che soffre di Sla. Adesso punta all’Himalaya

Ultimi articoli

Tele in cerca d’autore: a Salemi svelato il mistero del “pittore senza opere”

Nella chiesa della Madonna degli Angeli custodita una preziosa pala d’altare dell'artista seicentesco Gabriele Cabrera e Cardona, finora attribuita ad un anonimo. Adesso sono due i dipinti firmati da questo maestro originario di Naro di cui poco si conosce

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Ho scelto il Sud, comprano un mulino a pietra e tornano alla terra: la scommessa di due giovani agricoltori

Mauro Calvagna e Rosario Claudio La Placa sono due quarantenni di Belpasso che hanno fondato una società agricola, puntando sugli insegnamenti e l’esperienza delle rispettive famiglie

Articoli correlati