Droni sottomarini alla scoperta dei tesori sommersi

Si è conclusa nel mare di Gela una prima campagna di ricerche e mappatura del sito archeologico davanti al litorale di contrada Bubala

di Marco Russo

Occhi ipertecnologici scrutano i fondali di Gela. L’area archeologica sottomarina davanti al litorale di contrada Bulala è stata scandagliata da un drone di nuova generazione, a conclusione di una prima campagna di ricerche avviata lo scorso novembre. Si tratta del “Gela Project – Underwater Archaeology Research”, voluto dall’allora assessore regionale del Beni culturali, Sebastiano Tusa, e reso possibile grazie a una convenzione stipulata dallo stesso assessorato, con la Soprintendenza del Mare guidata da Adriana Fresina, l’Unité d’Archéologie classique dell’Università di Ginevra e la Hublot Explorations.

Campagna di ricerca a Gela

Così, dopo tre anni di lavoro, il drone subacqueo “Bubblot”, uno dei tre brevettati dalla “Hublot Xplorations” si è immerso per la prima volta in acqua, nel mare di Gela. Questa prima campagna, che ha rappresentato soltanto un vero e proprio test delle apparecchiature e un primo approccio diretto al sito – spiegano dalla Soprintendenza del Mare – ha consentito di avviare la mappatura dell’area archeologica. Durante questi primi 12 giorni di ricerca, è stata collocata una griglia sottomarina, realizzata con paletti in ferro, a cui se ne aggiungeranno altre fino alla copertura di un’area più ampia nel corso della prossima campagna. Il progressivo inserimento all’interno delle griglie, dei reperti già noti e recuperati nel corso degli ultimi dieci anni, contribuirà a definire il relativo contesto storico-archeologico di rinvenimento.

Il drone Bubblot in mare

“L’inserimento dei punti Gps nella piattaforma Gis del ‘Gela_Project’ – aggiungono dalla Soprintendenza del Mare – è stato realizzato tramite trasmissione vocale diretta tra l’archeologa responsabile Alessia Mistretta, che ha curato in tempo reale il loro posizionamento, e l’operatore subacqueo Alexandros Sotiriou, impiegando due cuffie trasmettici”.

Un altro obiettivo della campagna è stato quello di avviare la documentazione grafica e fotografica dei reperti rinvenuti nel mare di contrada Bulala, dove sono stati rinvenuti elmi corinzi, numerosi lingotti di oricalco, pezzi di ancora e altri oggetti che facevano parte del carico di tre navi affondate durante una tempesta. Si tratta dei tesori scoperti nel corso degli ultimi dieci anni e conservati nel Museo archeologico regionale di Gela. In questo caso, il gruppo di lavoro è stato composto, oltre che dalla stessa archeologa Alessia Mistretta, dal maestro d’arte Antonino Cellura e dal fotografo Jürg Zbinden.

Condividi
Tags

In evidenza

Capolavori dell’arte rivivono in digitale a Palazzo Reale

Al via Meta Experience con due esempi di cloni: un Satiro danzante d’argento scintillante e un Giovinetto di Mozia in rosso di sapore pop. Poi c’è un opera autentica, il busto di Ottaviano Augusto che si confronta con il suo doppio tecnologico

Le Vie dei Tesori 2022, presentato il festival a Palermo

Presentata la sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Si potrà salire su Porta Nuova, si entrerà nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker che ospitò il maxiprocesso, si scoprirà il Gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini. Teatralizzazioni e mostre negli antichi palazzi, sassofoni tra i reperti archeologici, teatro al Castello a mare e un forum internazionale con l’Università.

Le Vie dei Tesori all’ultimo weekend nelle otto città di settembre

A Enna apre le porte il giardino segreto della ex Banca d’Italia, a Caltanissetta la casa museo voluta dai residenti e una nuova opera al Museo Diocesano. Messina sale a Forza d’Agrò, Termini Imerese si muove tra teatro e musica, Bagheria ascolta una voce lirica in una dimora irriverente. A Trapani si mostrano le “ciaccole” dei Misteri; Marsala parte per Mozia e Mazara si muove tra laboratori e visite teatralizzate

Ultimi articoli

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Articoli correlati