Dieci artiste in mostra contro gli stereotipi di genere

Si inaugura “The Matilda Effect”, un progetto espositivo sui pregiudizi subiti dal sesso femminile nella pratica scientifica e nella cultura

di Redazione

Arte al femminile contro gli stereotipi. Dieci donne, artiste provenienti da otto città diverse, affrontano il tema della parità di genere partendo dalla scienza. Si inaugura il 5 marzo alla galleria La Piana Arte Contemporanea di Palermo, la mostra “The Matilda Effect”, a cura di Francesco Piazza, un progetto espositivo che prende spunto dalla “Giornata internazionale delle donne nella scienza”, che si celebra l’11 febbraio, istituita dall’Onu nel 2015 per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema degli stereotipi di genere nella scienza.

Opera di Ilaria Margutti

Una collettiva ispirata ai pregiudizi subiti dalle donne nella pratica scientifica e a quel processo di “cancellazione” delle loro ricerche, consumato tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento. Una prassi favorita anche dal fatto che, quasi sempre, per essere prese in considerazione le donne dovevano pubblicare col nome dei mariti o spesso firmare con degli pseudonimi maschili.

Particolari delle opere di Paola Sinatra e Evita Andujar

Nei paesi anglosassoni questa tendenza a negare il contributo femminile all’invenzione scientifica è stata studiata dalla storica Margareth Rossiter che l’ha chiamata “Effetto Matilda”, dal nome della scrittrice e saggista statunitense, Matilda Joslyn Gage. La mostra affronta proprio il tema dello squilibrio di opportunità a sfavore delle donne, che investe ogni ambito della società e del vivere quotidiano e che non si limita al solo settore scientifico. Nelle opere realizzate appositamente per questo progetto infatti, le dieci artiste – Evita Andujar, Simona Cavaglieri, Kali Jones, Sarah Ledda, Ilaria Margutti, Nelida Mendoza, Cetty Previtera, Paola Sinatra, Vania Elettra Tam e Samantha Torrisi – lontane da ogni forma retorica o celebrativa, hanno fatto una riflessione sul ruolo della donna anche attraverso la cronaca di una “genialità normale” frutto dell’esperienza, della memoria e di un confronto con il vissuto quotidiano, familiare e privato.

“Plastic Flower”, Sarah Ledda

Le artiste hanno voluto così intraprendere la strada non facile di una descrizione intima e personale del loro rapporto con un mondo declinato al maschile, instillando nei loro lavori il germe della passione e della conquista e rivendicando il ruolo fondamentale delle donne nella lotta contro un sistema, molto simile a quello raccontato dalla Gage, che vorrebbe ancora cancellarne lo spirito di intraprendenza e l’affermazione individuale.

La mostra è visitabile fino al prossimo 26 marzo alla Galleria La Piana, in via Isidoro La Lumia 79, a Palermo. Aperta da lunedì a sabato, escluso il mercoledì mattina, dalle 10.30 alle 13 e dalle 16.30 alle 20. Per informazioni telefonare allo 0916127213.

Condividi
Tags

In evidenza

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

La Palermo degli anni Trenta rivive in una mostra

All’Albergo delle Povere un allestimento racconta la città di un secolo fa attraverso oggetti originali, filmati storici, pannelli esplicativi e ricostruzioni tridimensionali

A lezione di felicità col maestro buddista Tsenshab Serkong Rinpoce

Il giovane lama sarà a Palermo per una tre giorni organizzata dal Centro Muni Gyana, preceduta da una conferenza aperta che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa

Ultimi articoli

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Articoli correlati