Dal bike sharing agli orti urbani: arriva l’ecomappa della Palermo sostenibile

Anche il capoluogo siciliano tra le città del progetto digitale lanciato da Greenpeace, che include tutti i servizi per ridurre l’impatto ambientale, dai trasporti ai consumi

di Redazione

Una mappa digitale per ripensare il modo in cui viviamo le nostre città e scoprire il loro lato più green. L’ecomappa di Greenpeace include anche Palermo tra le prime nove città censite e offre una guida navigabile da computer e smartphone per trovare le aree verdi e i servizi di bike sharing più vicini, trovare i punti vendita di prodotti sfusi o usati, i mercati contadini e gli orti urbani. Ma anche per scoprire sapere quali aree della città sono collegate da piste ciclabili, se ci sono ciclofficine nel proprio quartiere, dove trovare fontanelle ed erogatori di acqua potabile, e orientarsi tra parchi, giardini e negozi di artigianato. La nuova iniziativa di Greenpeace intende promuovere uno stile di vita più sostenibile e offrire a cittadine e cittadini uno strumento per ridurre il nostro impatto ambientale, dai trasporti ai consumi.

La nave Arctic Sunrise di Greenpeace

A Palermo i volontari di Greenpeace hanno mappato negozi di abiti usati, negozi di sfuso, fontanelle d’acqua potabile, mercati rionali, car sharing e bike sharing, colonnine di ricarica elettrica (qui per selezionare la mappa di Palermo). I punti censiti sulla mappa cittadina saranno periodicamente aggiornati grazie al continuo impegno del gruppo locale di Greenpeace e alle segnalazioni di tutti gli utenti che vorranno contribuire attivamente al progetto.

Pista ciclabile a Palermo

“Oggi 4,2 miliardi di persone, cioè circa il 55 per cento della popolazione mondiale, vive nelle città, centri nevralgici di molte attività economiche ma anche responsabili del 70 per cento delle emissioni globali di gas serra. I lockdown imposti dalla pandemia di Covid-19 ci hanno portato a riconoscere la necessità di ripensare le nostre città, renderle più verdi e sostenibili”, spiega Martina Borghi, portavoce del progetto Ecomappa di Greenpeace Italia. ”Grazie alle nostre volontarie e ai nostri volontari, abbiamo raccolto le soluzioni già esistenti per una vita più sostenibile nei centri urbani e speriamo che questo progetto cresca nel tempo, con la partecipazione di tutte e tutti, ispirando la nascita di nuove abitudini ed esperienze verso città sempre più vivibili”.

Uno scorcio della Favorita

L’ecomappa di Greenpeace, il primo progetto di questo tipo in Italia a raccogliere un così ampio numero di soluzioni e alternative ecosostenibili in unico strumento online, include oggi, oltre a Palermo, altre otto città pilota: Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Firenze, Lucca e Pisa e sarà via via esteso anche ad altre città italiane con l’obiettivo di promuovere una nuova visione dei centri urbani, più verde e a misura di persona.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend