Dai rifiuti all’arte: studenti dell’Accademia creativi per la differenziata

Concorso di idee per realizzare quattro copricapo di carta, vetro, plastica e metalli per una campagna di comunicazione della Srr Palermo

di Redazione

Riciclo creativo per sensibilizzare al rispetto dell’ambiente. Gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Palermo saranno i protagonisti di un concorso di idee promosso dalla Srr Palermo Area Metropolitana, la società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti. I giovani, singolarmente o in gruppo, dovranno realizzare quattro originali copricapo nelle diverse tipologie di rifiuti: carta-cartone, vetro, plastica e metalli. Saranno poi indossati da testimonial prescelti per la campagna di comunicazione nel territorio di Palermo, promossa dal bando Anci-Conai.

L’Accademia di Belle arti di Palermo

“Fai la raccolta differenziata. Mettitelo in testa!” è il titolo del progetto articolato in una serie di attività di informazione e comunicazione rivolte alle scuole in modo che i ragazzi diventino “attori del cambiamento di prospettiva rispetto ai temi ambientali”. Il rispetto e quindi la difesa dell’eco-sistema passa anche da una corretta raccolta differenziata quotidiana sia a scuola che a casa, dal riuso, anche creativo di materiali e oggetti, limitandone lo spreco. Al progetto primo classificato la Srr Palermo attribuirà un premio di mille euro. L’idea vincitrice dovrà essere realizzata dall’autore entro il 6 aprile. La partecipazione al concorso è gratuita e i candidati dovranno presentare una breve relazione descrittiva dell’idea progettata che indichi la tecnica, le caratteristiche dei materiali e spieghi la logica e gli intenti comunicativi, quattro elaborati dei copricapo a colori, una presentazione su cd.

Lattine

Le domande di partecipazione dovranno essere inviate o consegnate entro il 12 marzo. Una commissione giudicatrice valuterà la qualità degli elaborati anche ai fini della realizzabilità ed efficacia della comunicazione dell’idea. Saranno selezionate tre proposte, che verranno presentate pubblicamente in occasione della premiazione dell’opera prescelta. La graduatoria definitiva dei concorrenti sarà pubblicata sul sito della Srr e dell’Accademia delle Belle Arti entro due giorni lavorativi dalla conclusione dei lavori della commissione, il prossimo 19 marzo. “Questa iniziativa dimostra ancora una volta l’attenzione nei confronti di una istituzione che forma non solo artisti, ma anche professionisti dell’arte – dice Umberto De Paola, direttore dell’Accademia – e testimonia la presenza sempre più radicata nel territorio di una delle accademie storiche d’Italia”.

Condividi
Tags

In evidenza

Capolavori dell’arte rivivono in digitale a Palazzo Reale

Al via Meta Experience con due esempi di cloni: un Satiro danzante d’argento scintillante e un Giovinetto di Mozia in rosso di sapore pop. Poi c’è un opera autentica, il busto di Ottaviano Augusto che si confronta con il suo doppio tecnologico

Cefalù fa il bis con Le Vie dei Tesori tra chiese inedite e studi d’artista

Il festival torna per il secondo anno consecutivo nella cittadina normanna. Aprono le porte sei luoghi, si aggiungono quattro esperienze e una passeggiata. Percorsi tra arte e natura, antiche vestigia e sentieri verdi che si arrampicano fin sulla Rocca

Da Porta Nuova all’aula bunker, Le Vie dei Tesori torna a Palermo con tante novità

Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Dal 30 settembre al 30 ottobre, si potrà entrare nel carcere Ucciardone e si scoprirà il gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini.  E ancora teatralizzazioni, mostre negli antichi palazzi e passeggiate

Ultimi articoli

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Articoli correlati