Da Porta Nuova all’aula bunker, Le Vie dei Tesori torna a Palermo con tante novità

Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Dal 30 settembre al 30 ottobre, si potrà entrare nel carcere Ucciardone e si scoprirà il gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini.  E ancora teatralizzazioni, mostre negli antichi palazzi e passeggiate

di Redazione

Porta Nuova

Sarà un’edizione memorabile, con Porta Nuova che apre per la prima volta e mostra la sua alcova e la sua terrazza spettacolare, con luoghi come il carcere dell’Ucciardone e l’aula bunker del Maxiprocesso che svelano la loro storia,  con spazi che ridiventano dei cittadini, con luoghi rigenerati nel segno della partecipazione. E sarà l’anno dei giardini urbani, degli orti di specie tropicali; delle raccolte universitarie e dei musei gioiello, dei personaggi dimenticati che raccontano storie bellissime. Un museo diffuso che mette a rete, racconta, apre, anima oltre 150 tesori di tutte le istituzioni, enti, associazioni della città attraverso visite guidate ed esperienze.

 

È pronta a partire la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo, che torna da venerdì 30 settembre al 30 ottobre, per cinque weekend, in contemporanea a Catania, dove il festival partirà sabato 1; e, fino al 16 ottobre, anche a Carini e Cefalù, Ragusa e Scicli e per la prima volta anche ad Alcamo.

Un momento della conferenza stampa a Palazzo delle Aquile

“Siamo tutti alla riscoperta della città, dalla bellezza un po’ sfiorita – dice il sindaco Roberto Lagalla, intervenuto questa mattina alla conferenza stampa di presentazione a Palazzo delle Aquile – . Una manifestazione che è diventata un brand che segna il percorso culturale di rinascita della città”. Al fianco del sindaco, gli assessori Maurizio Carta e Giampiero Cannella hanno sottolineato l’importanza di una manifestazione che parla al territorio e racconta, in maniera assolutamente nuova, luoghi della città. “Abbiamo intenzione di avviare un percorso parallelo all’anno accademico – dice il rettore Massimo Midiri -: Palermo capofila di un forum internazionale con dieci Paesi con cui ci confronteremo su valorizzazione del patrimonio culturale e strategie comuni. Stiamo pensando anche ad un piano di crediti formativi per i nostri ragazzi che ‘devono’ restare a Palermo”. Coinvolti un centinaio di esperti del patrimonio (archeologi, storici dell’arte, architetti), affiancati da 400 studenti di nove licei e istituti superiori della città (in tutto sono 800 di 23 istituti su tutto il territorio regionale, informa Anna Prizzi dell’Ufficio Scolastico Regionale) che hanno risposto alla chiamata dell’Ufficio scolastico regionale. “È veramente difficile raccontare il festival: Vie dei Tesori non apre i luoghi ma li racconta, apre un laboratorio collettivo in cui ciascuno narra un pezzo di storia. È un atto collettivo di amore per la città, per questa terra che può offrire straordinarie opportunità a chi decide di restare” dice il presidente della Fondazione Le Vie dei Tesori, Laura Anello.

Porta Nuova

A partire dal “tesoro” in assoluto, quella Porta Nuova che segnava l’entrata nella città, che un vicerè trasformò in alcova e che ospitò Garibaldi: per la prima volta si potrà percorrere la terrazza scoperta che la collega a Palazzo Reale e salire alla prima balaustra da cui ammirare da un lato Monreale e dall’altro il mare, passando a volo d’uccello sulle cupole del centro storico. “Abbiamo una responsabilità bellissima come Comando Militare Esercito Sicilia, quella di custodire Porta Nuova: per noi aprirla è una vera emozione. Lo desideravamo da anni e finalmente ci siamo riusciti” dice il tenente colonnello Carlo Uberto Massimo.  Ritornano le visite al carcere Ucciardone, emblema di anni bui ma oggi pieno di attività produttive e artistiche, si aggiunge l’aula bunker dove la visita sarà arricchita dal racconto dei cronisti che seguirono il maxiprocesso, e, soltanto nel primo weekend, anche la sede della Prefettura a Villa Whitaker.

Aprono le porte tre chiese dimenticate del centro storico, colme di stucchi e di memorie. “Condividere bellezza vuol dire camminare su una via comune di amore per la città” dice padre Giuseppe Bucaro, direttore dell’ufficio Beni culturali dell’Arcidiocesi; le dimore disegnate da architetti affacciate sul golfo, i palazzi storici che ricamano mostre contemporanee. Coinvolti, affascinati, innamorati di una città che cambia a ogni angolo. E che continua a offrire inediti e sorprese.

Le Vie dei Tesori numero 16 a Palermo, dunque, dove tutto è cominciato: il festival che mette in rete il grande e il piccolo, il mare e il cielo, il giardino e la cappella, che si tuffa in mare con i sub e sale sui Piper per abbracciare le nuvole, ascolterà cortigiane e nobildonne raccontarsi tra rovine e salotti, porterà i sax tra i reperti archeologici e il teatro d’autore nel Castello sul mare. Le Vie dei Tesori dunque, seconda tranche (anzi verrebbe da dire terza, visto che anche quest’anno i Borghi dei Tesori hanno fatto da apripista con la loro folla festante a fine estate) che segue la prima parte del festival ancora in corso fino a domenica 25 settembre, ma che ha già sfiorato le 26mila presenze in soli due weekend nelle prime otto città, Bagheria, Termini Imerese, Messina, Enna, Caltanissetta e nelle tre città del Trapanese.

La conferenza stampa

A Palermo, 15 giorni in tutto srotolati su cinque weekend: ai sabato e domenica si aggiunge di nuovo, dopo tre anni, il venerdì, quando alcuni siti apriranno in particolare per le scuole ma saranno fruibili da tutti. Un movimento di “riappropriazione della bellezza”, che riesce a scrollarsi di dosso le restrizioni del covid –  l’anno scorso ha comunque sfiorato le 130mila presenze solo a Palermo che sono diventati 195mila con le altre città coinvolte, con un indice di gradimento quasi al 90 per cento e un indotto di 5 milioni di euro – e riabbraccia felicemente lo storytelling nei luoghi, le visite condotte dai giovani, la gioia di ritrovarsi, il racconto delle comunità che si riappropriano degli spazi.

Per questa edizione Federalberghi Palermo regalerà 500 visite ai turisti – “Iniziative come questa producono turismo: le Vie dei Tesori e poche altre manifestazioni devono diventare patrimonio di questa città” dice il presidente Nicola Farruggio, Gesap distribuirà materiali promozionali in aeroporto, Confcommercio Palermo coinvolgerà i commercianti in un progetto di allestimento delle vetrine in chiave Vie dei Tesori, perché “Palermo deve puntare sull’economia della bellezza: è giunto il momento di fare rete, prendersi cura della città” dice il presidente Patrizia Di Dio. Anche Fastweb darà il suo contributo attivando un’operazione innovativa di volontariato culturale tra i suoi dipendenti. Insomma, sarà una grande festa collettiva.

Gasometro di Amg

Un festival che è nato nel cuore dell’Università di Palermo nel 2006 con l’obiettivo di disseminare cultura e conoscenza fuori dalle aule accademiche; che ha sperimentato, cercato, scoperto percorsi e siti, restituito luoghi; ed è cresciuto ogni anno. Ma è soprattutto una manifestazione che costruisce reti: scelto quest’anno dall’assessorato regionale al Turismo tra le manifestazioni che promuovono SeeSicily, Le Vie dei Tesori, con il supporto del main sponsor Unicredit (per Roberto Cassata, responsabile relazioni per il territorio, “Una bellissima iniziativa che supportiamo con gioia, considerando ogni azione di sostegno alla cultura come un volano per la crescita economica e sostenibile di un territorio”), ha saputo creare sinergie e dialogo, e attivato un progetto che si compie grazie alla collaborazione di oltre 200 partner: Regione, Atenei, Comuni, Diocesi, gestori privati, istituzioni dello Stato, proprietari di palazzi nobiliari, col sostegno di Poste Italiane (“Il supporto alle Vie dei Tesori rientra nel più ampio piano di Poste Italiane, grazie al programma “Presenti sul territorio, vicini alle comunità”. L’azienda, con i suoi 160 anni di storia, è impegnata in azioni di sostegno verso iniziative di valore culturale, sociale e ambientale”) e di Amg Gas (“Siamo un’azienda del territorio e non potevano non sostenere un festival che indaga la città” dice l’ad Vitale Muia). In sinergia con Monopoly sono statecostruite tappe tematiche di avvicinamento verso lo svelamento del famoso tabellone per la versione del gioco dedicata a Palermo, di cui Vie dei Tesori è partner culturale.

IL FESTIVAL 2022

Le Vie dei Tesori 2022

Lo staff del festival ha lavorato a lungo per cucire un nuovo programma che regala parecchie suggestioni, spulcia la città, mette a rete attrattori e luoghi sconosciuti. Ne troverete il racconto, le immagini e gli innumerevoli spunti sul magazine delle Vie dei Tesori, aggiornato con le info pratiche per partecipare a un festival smart, veloce, sicuro, calibrato sul Terzo Millennio. Che rinnova il suo marchio distintivo, ovvero lo storytelling perché un luogo non raccontato è un luogo muto. Una grandissima voglia di riscoperta, ascolto, condivisione, come si legge nelle “facce” scelte da Alessandro Fiore per l’immagine del Festival 2022. Grande novità dell’anno, una app agile e funzionale, scaricabile gratuitamente, dove avere tutte le informazioni, acquistare i coupon, avere in tempo reale le notifiche sull’ultim’ora. La prima app che rende fruibile in modo innovativo il patrimonio di Palermo.

I LUOGHI

Villa La Pompeiana a Mondello

Sono complessivamente 88 i luoghi del festival e spesso si intersecano con le esperienze: alcuni noti, altri inediti. Tra fornaci, cripte, camere dello scirocco, si scoprirà il sottosuolo della città; e si cercherà il cielo dal piper o sulle porte della città (Porta Nuova, straordinaria con quella sua guglia di ceramiche su cui svetta l’aquila cittadina; e Porta Felice, un tempo baluardo sul mare); in mezzo resta la città. Le ville e i palazzi storici: a partire da Palazzo Francavilla, affacciato sul Teatro Massimo, un tempo primo avamposto “di campagna” fuori le mura: ci lavorò il Basile, ma anche Civiletti, Ugo e Rutelli;  il trecentesco Palazzo Galletti di Santamarina che sorse su un tratto delle mura del Cassaro, possiede ancora un ricco impianto di bifore, archi e mensole intagliate: oggi è un luxury hotel e nel rifugio antiaereo è stata realizzata una Spa (che è una delle esperienze del festival). Villa La Pompeiana di Mondello che è rinata dopo essere stata considerata per decenni casa dei fantasmi; Villa Lituania, affacciata sull’Addaura; Villa Magnisi con la sua collezione di piante officinali.

E ancora, la chiesa degli “aromatari”, i farmacisti di un tempo; Santa Maria di Portosalvo, “mutilata” dal prolungamento del Cassaro a metà ‘500; San Gregorio Papa che sembra sbucare fuori dalle bancarelle del Capo; e la piccola Sant’Agnese, cuore pulsante del rinnovamento del quartiere Danisinni; e (gradito ritorno dopo tempo) la Cripta delle Repentite, con le tombe segrete delle prostitute diventate monache. Il Convitto Nazionale dove studiò Giovanni Falcone, con il suo spettacolare refettorio che sembra uscito da un libro di Harry Potter.

Convitto Nazionale

Ci si potrà affacciare dai balconi di Palazzo Valguarnera dove l’artista Marco Papa continua il suo lavoro legato alla ricomposizione di miti e storie contemporanee.  Alla chiesa Anglicana si cercheranno le tracce dei Whitaker e degli Ingham, lo Steri si aprirà come un unico complesso monumentale dove seguire percorsi diversi; ritorna la Casa Massonica con le sue stanze segrete, la collezione di Anatomia dell’Università tra i manichini su cui un tempo si studiava; si scopre che la città possiede cave sotterranee, le antiche Fornaci di nuovo visitabili.

Aprono le porte i teatri (Massimo, Biondo, Politeama), i luoghi della Fondazione Sicilia (Palazzo Branciforte e Villa Zito, con percorsi di visita pensati per il festival) e i musei: solo per Le Vie dei Tesori l’Abatellis cuce, in due sale dell’ala nuova, un unico percorso dedicato alla pittura siciliana di ‘600 e ‘700 che farà arrivare sulla terrazza da cui si ha una bellissima prospettiva sulla città (“Camminare da soli non fa andare da nessuna parte: eccoci in rete, felici di esserlo a parlare oggi di riaperture” dice la direttrice del Museo, Evelina De Castro); l’Oratorio dei Bianchi apre tre sale meravigliose del primo piano, tra cui anche la sala del Fumagalli; e Palazzo Mirto, con gli appartamenti del secondo piano.

Il carcere Ucciardone

I luoghi della legalità: sono tanti, a partire dall’aula Bunker del Maxiprocesso (sempre dentro l’Ucciardone, ma con un altro ingresso) dove di solito sono ammessi solo avvocati, giudici e imputati e dove le visite saranno arricchite dal racconto dei cronisti che da tempo seguono i fatti di mafia; poi la Casa dove visse Padre Pino Puglisi, ucciso esattamente trent’anni fa; la Questura che ha ideato un percorso-memoriale sulle vittime di mafia e dove la scrittrice Alessia Franco ha pensato un itinerario per i più piccoli.

LE ESPERIENZE

Museo della Guerra alla Caserma Ruggero Settimo

Quasi cinquanta le esperienze davvero speciali. Si scenderà di nuovo (dopo tempo) nei qanat arabi, si potrà andare in barca tra grotte e ninfei sconosciuti, o cercare i contorni della famosa “Sicilia” nell’isola che un tempo era al centro del lago di Maredolce; dagli ormai abituali (e sempre sold out in poche ore) voli in piper alle visite in notturna all’Orto Botanico allo yoga al centro buddista Muni Gyana a Pizzo Sella; si potrà seguire il lavoro delle restauratrici a Palazzo Montalbo, imparare a dipingere il vetro con gli artigiani o scoprire gli affreschi ritrovati nella caserma Ruggero Settimo dove è anche possibile visitare un piccolo museo della guerra; salire dai frati di Santa Maria del Gesù o cercare i nomi celebri sulle tombe del cimitero monumentale; scoprire costumi d’epoca nelle collezioni private – l’abitazione della giornalista e scrittrice Marcella Croce è un viaggio in Paesi lontani restando a casa -, raccolte di maioliche dal tratto squisito, un focus sulle prime edizioni dei “Beati Paoli” allo Spazio Flaccovio.

Raggiungere il luogo preferito dai vedutisti di metà Ottocento, scoprire i segreti della “maramma” della Cattedrale o delle tante Rosalie della città, con Giovanni Travagliato, e capire come si possa “rigenerare” la città con l’assessore e professore globetrotter Maurizio Carta; grandi e piccini entreranno in quel cuore nuovo che è Radici nato in una cartiera dimenticata o da Terra Franca, simbolo del Sacco di Palermo, oggi sede del primo apiario olistico siciliano.

L’ARTE CONTEMPORANEA

Palazzo Costantino

Del diruto Palazzo Costantino, sotto l’affresco superstite del Velasco, si è innamorata la francese Juliette Minchin, che qui ha rintracciato numerose connessioni materiche e concettuali con il suo lavoro. Scelta tra gli artisti di Atelier Panormo – selezionati da Chiara Parisi, direttrice del Centre Pompidou-Metz, e Andrea Lissoni, a capo della Haus der Kunst di Monaco di Baviera – ha immaginato un dialogo con cera, ceramica, terra, materiali naturali, che contengono nella forma e nella sostanza il processo alchemico della trasformazione, testimoniando il passaggio del tempo. Il progetto – curato da Paola Nicita all’interno dell’Itinerario Contemporaneonato per il festival – è realizzato con Institut Française Palermo Palazzo Costantino è stato messo a disposizione da Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona e Cesira Palmeri di Villalba.

Palazzo Isnello

Palazzo Isnello, affacciato sul Cassaro, invece, nasconde due segreti: l’unico Genio di Palermo in una dimora privata; e lo studio dell’artista Fabrice de Nola che al Genio ha dedicato la sua più recente ricerca. Tanto che, per Le Vie dei Tesori, Fabrice de Nola presenta “À faire de nouveau”, mostra a cura di Desirée Maida che racconta il suo lavoro sul barbuto nume tutelare della città. Opere note e inedite che cuciono un percorso, uno vero studio-visit che diventa anche scoperta dell’antico palazzo nobiliare che i de Nola hanno conservato nel tempo come un tesoro. La mostra presenta opere pittoriche che sono implementate da codici QR che approfondiscono il racconto sul Genio, e stereografie fruibili dal pubblico attraverso uno speciale visore stereoscopico.

Molto interessante anche il sito dell’ex Gasometro – vero reticolo industriale dimenticato, visibile da gran parte della città – che la AMG Energia ha riqualificato destinandolo alla sua collezione di artisti contemporanei. “Con gioia ci apriamo al festival e alla città – dichiara il vicepresidente di AMG Energia, Domenico Macchiarella – l’area dell’ex officina del gas rappresenta un pezzo importante della storia industriale di Palermo”.

LE ESPERIENZE FUORI PORTA

Palazzo d’Aumale

Palermo val bene una visita, ma i dintorni manco scherzano: ecco dieci esperienze fuori porta, a partire da Terrasini dove apriranno solo per i visitatori del Festival le collezioni e i depositi di Palazzo D’Aumale, spiegate da un entomologo; e sempre a Terrasini si potranno scoprire i fondali di Cala Rossa. Snorkeling a Capo Zafferano e giri in barca a vela dal borgo di Porticello dove si potrà anche scendere in immersione accompagnati dai sub. A Santa Flavia si visiterà sia la delicata Villa Filangeri con il suo parco storico, a San Mauro Castelverde bisognerà armarsi di coraggio per il percorso mozzafiato della zipline, ma anche la discesa nelle gole è da non dimenticare.

LE TEATRALIZZAZIONI E I CONCERTI

Stefania Blandeburgo nei panni di Dulciora

Stefania Blandeburgo si farà in tre, in quattro, in cinque, passerà dai velluti seicenteschi ai busti settecenteschi agli stracci della moglie di Peppe Schiera, dalla cortigiana sontuosa fino all’elegante signora Decò, dando vita a cinque straordinarie storie di donne. Sarà Dulciora, la donna che sfidò il Sant’Uffizio tra le carceri dello Steri: un’inquisita di riguardo, che però usò la sua posizione per sbertucciare il bigottismo degli uomini di Torquemada. Poi Lucie Henry, la moglie francese di Vincenzo Florio che lo seguì dagli sfarzi dei salotti alla caduta finanziaria, e racconta questo grande amore dai salotti della Palazzina Quattro Pizzi all’Arenella; dalla povera Margheritina che cerca il suo marito poetastro sotto le macerie delle bombe del ’43 (in scena nel rifugio antiaereo della biblioteca Bombace) a zia Mimmi, la marchesa Maria Concetta Giaconia, vedova del marchese Gaetano Pottino di Irosa, morta a 101 anni nel 2013 nella sua grande villa di via Notarbartolo, dove ora la pronipote, Geraldina Piazza, ne recupera la storia.

E infine un ritorno, la cortigiana protetta dal vicerè Colonna: racconterà editti e bandi contro le donne come lei in quel luogo senza tempo che è la Cripta delle Repentite. A Palazzo Alliata dove, tra parrucche, scollature, nei e crinoline, si srotolerà una visita-happening in costume tra tanti personaggi dell’epoca che accoglieranno i visitatori. E uno storico innamorato come è Salvatore Savoia racconterà un vero Genio del male come l’abate Vella, autore della celebre “impostura” narrata da Sciascia.

Ha già avuto un successo straordinario su palcoscenici inediti ritagliati come appendice al festival dei Borghi dei Tesori; e prima ancora, in stagione al Teatro Biondo: ma il viaggio di “In nome della madre”, il bellissimo testo di Erri De Luca interpretato da Galatea Ranzi non è finito, anzi, andrà in scena sullo sfondo del Castello a Mare, il cui recupero è stato completato lo scorso anno. Il racconto laico e contemporaneo della gravidanza di Maria e la nascita di Gesù.

Ecomuseo Mare Memoria Viva

In collaborazione con Le Vie dei Tesori anche il festival Prima Onda che è in programma per un mese a partire dal 3 ottobre e che per un intero weekend (l’ultimo, dal 28 al 30 ottobre) innesterà i suoi spettacoli in alcuni luoghi del Festival. Teatro, musica, improvvisazioni e danza prenderanno vita in palcoscenico non usuali nella zona Sud della città, dall’Ecomuseo del Mare alla Casa di Padre Messina. Saranno questi a ospitare ensemble stranieri e giovani compagnie. l ricavato degli spettacoli di questo weekend sarà tutto devoluto da Prima Onda al restauro che Le Vie dei Tesori si è impegnato a fare in un bene dell’Esercito: la realizzazione di una struttura di protezione dalla caduta massi di un’area della Caserma Ruggero Settimo che consentirà di riaprire il teatro della caserma.

Al Museo Pasqualino ci si immergerà nell’Opra, tra cristiani, saraceni, paladini e figure fantastiche. A grande richiesta riecco i concerti jazz tra i reperti del Salinas che si lasceranno (virtualmente) invadere dai tre sassofoni L.Switters Sax Brotherhood (Gianni Gebbia, Davide Barbarino e Pierfrancesco Mucari, nascosti dietro nomi surreali): uno improvviserà davanti alla statua di Zeus, l’altro condurrà tra crateri dipinti, stele, vasi, il terzo dialogherà con la Pietra di Palermo. Poi tutti e tre faranno esplodere di note la Sala delle Metope.

IL FORUM INTERNAZIONALE

Le Vie dei Tesori diventano quest’anno anche una buona pratica da studiare e su cui confrontarsi. Nasce così il Forum che si svolgerà allo Steri il 21 e il 22 ottobre con la partecipazione di dieci delegazioni di Paesi del Mediterraneo, il supporto del Ministero della Cultura e la partnership dell’Università di Palermo. Che con le Vie dei Tesori celebrerà anche i 90 anni dalla morte di Ernesto Basile.

LE VIE DEI SAPORI

Il giardino di Casa San Francesco

Non si può dimenticare il gusto, che è cultura e scoperta. Le Vie dei Tesori ha cucito esperienze particolari e storytelling: con le Cuoche combattenti nella chiesa di san Gregorio Papa scoprendo che un barattolo può essere simbolo di rinascita; e che da dolci e biscotti può nascere il riscatto e il giardino fiorito di Cotti in Fraganza; che c’è un luogo a due passi dal centro di Palermo dove si coltivano avocado, mango e papaya; che a San Martino delle Scale si produce (e si degusta) ancora la birra dei monaci; e che in una Museo del caffè come quello creato da Morettino, la visita può essere gustosa, profumata, immersiva. Gli aperitivi o il brunch sono ancora più belli se ospitati in antiche residenze nobiliari come palazzo Asmundo o liberty come lo Stand Florio.

IL FESTIVAL KIDS

Ritorna dopo tre anni una sezione del festival dedicata a bambini e ragazzi, da 3 a 12 anni. Da venerdì 30 settembre a venerdì 28 ottobre, ogni giorno, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13, saranno ospitati in tre gazebo nelle piazze principali di Palermo per conoscere e immaginare la città, tra esperienze e laboratori creativi. Al Politeama scopriranno i Florio, Basile e la Belle Époque; in piazza Verdi potranno sciorinare vicoli e piazze di un meraviglioso Monopoly, anticipando l’edizione del gioco tutta dedicata a Palermo; e nel gazebo Bellini recupereranno la memoria del Genio di Palermo, simbolo di inventiva, appartenenza e creatività: il laboratorio è stato ideato dall’artista Domenico Pellegrino.

LE PASSEGGIATE

Le passeggiate delle Vie dei Tesori

Condotte da botanici, guide naturalistiche, giornalisti, storici, appassionati,  sono una delle anime più seguite del festival. Sono ottanta, alcune replicate più volte, tante vengono proprio richieste ogni anno dagli appassionati: dai Quattro Mandamenti alle periferie – il progetto di alleanza creativa Sperone167 sta facendo rinascere un quartiere dei diritti negati nel segno dell’arte -, dentro e fuori le “mura”, di giorno e di notte, all’alba e al tramonto, dai Giardini d’Orleans che verranno visitati con la guida di un ornitologo, alla Palermo araba, ai tour sulle tracce dei Florio e sulle orme dei gattopardi, cercando Goethe o raggiungendo un borgo fantasma, o cercando un fiume sotterraneo, persino adocchiando un bosco dimenticato ai margini della Conca d’Oro; cercando le periferie che faticosamente rinascono, gli spazi “invisibili” censiti dai geografi contemporanei di Giulia De Spuches; tuffandosi nella Mondello Liberty delle ville eleganti, nel Parco della Favorita che è una sorpresa. Tante passeggiate green, soprattutto fuori porta, in montagna e in collina, tra ruscelli e cascate, sentieri e mulattiere, per scoprire che i dintorni della città (anche in prossimità) sono straordinari.

Il festival può anche contare sull’aiuto e la collaborazione degli Amici delle Vie dei Tesori, sostenitori che hanno deciso di restare al fianco della manifestazione tutto l’anno. Per loro è prevista la prelazione sulle prenotazioni di visite e eventi. Il sito www.leviedeitesori.com è una miniera dove trovare schede, fotografie, aneddoti e curiosità, sfogliare il magazine e programmare le proprie visite, sempre in modalità 4.0. Prenotazioni caldamente consigliate, distanziamento, acquisto dei coupon on line. I coupon sono sempre validi per tutte le città della stessa provincia: quindi quelli di Palermo sono validi a Cefalù, Carini, e viceversa; e si possono utilizzare anche quelli già acquistati per Bagheria e Termini Imerese.

I TOUR DI AUTOSERVICE

Durante il festival sarà possibile raggiungere alcune tra le città da Palermo tramite i bus navetta messi a disposizione da Autoservice: un modo per visitare i luoghi in tutta tranquillità, senza dover pensare al mezzo di trasporto o al posteggio sul posto, un’alternativa già offerta nelle passate edizioni che aveva riscontrato un ottimo successo. Sono già programmati i tour a Scicli (8 ottobre), Alcamo (9 ottobre), Cefalù (15 ottobre), Ragusa (16 ottobre), Catania (23 ottobre).

Per informazioni telefonare allo 091 8420004, tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Mazara del Vallo raccontata in un libro tra immagini e parole

Scorci, riti e tradizioni della città trapanese in un volume di Giovanni Franco e Nicola Cristaldi. Dai vicoli della Casbah al mercato del pesce, dalle spiagge ritrovate alle chiese

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Articoli correlati