Cuticchio, i pupi e un grido di pace a Roncisvalle

Una trasferta nei luoghi epici in cui si combatté la battaglia che portò alla morte del più celebre dei paladini: Orlando. Un luogo dell’anima in cui provare a trovare un senso al modo moderno

di Giulia De Agostino

I pellegrini e i pupi. In un luogo che praticamente non esiste come Roncisvalle o Roncesvalles, come è indicato in Navarra. Perché è un luogo dell’anima, una Collegiata, una chiesa romanica, due taverne. E il passaggio dei pellegrini: bastone in mano, conchiglia al collo, zaini, pronti ad affrontare il Cammino di Santiago di Compostela, che da qui prende le mosse. 

Si fermano, i pellegrini, per ascoltare la trombetta di Pulcinella, il narratore o il cunto antico di Mimmo Cuticchio. Che parla di pace, perché è questo il messaggio che gli artisti italiani – tanti, una compagnia nata qui, con arrivi da tutta la Penisola, dalla Sicilia, da Napoli, dal Nord – stanno portando verso il luogo in cui avvenne la battaglia tra paladini e saraceni, cantata dall’Ariosto. Una disfatta per i cristiani, una vittoria per i musulmani: caddero settanta paladini e con loro il prode Orlando che fino all’ultimo suonò il suo corno. Lo racconterà Mimmo Cuticchio, davanti alla lapide che – sempre in un luogo dell’anima, una piana brulla a cui gli artisti giungeranno oggi, domenica, in carovana, fermandosi per proporre narrazioni, piccoli morceaux di spettacolo – ricorda la morte di Orlando, più o meno 1240 anni fa. 

Il pellegrinaggio dell’arte e del teatro per dire no a tutte le guerre, la scena e i costumi per urlare “non voglio” a chi ti dice di scendere in battaglia contro qualcuno che, come te, ha due braccia, due gambe, due occhi. Roncisvalle aiuta: qui l’aria è rarefatta, il cielo limpido, tutto attorno è verde. Gli artisti camminano nella foresta e arrivano sul piano: c’è chi cerca il famoso Vallo, la gola dell’agguato cantata dall’Ariosto. Non c’è, in compenso vedi avanzare i pellegrini, con il loro bastone. Mimmo Cuticchio si è invece costruito una spada, con rami ed arbusti trovati per via: la brandirà per il cunto, dinanzi a pupo Orlando che, partito da Palermo nudo e crudo, si è “vestito” per strada, ad ogni tappa. Da Saint-Jean-Pied-de-Port – dove gli artisti hanno “assediato” la cittadina medievale, con spettacoli in ogni vicolo – verso Ibañeta, nella piana sui Pirenei, al confine tra Francia e Spagna: con una sosta alla Vergine di Biankorri, poi su, fino al Monastero Itzandegia per raggiungere poi il Puerto de Ibañeta in spagnolo o Col de Roncevaux in francese. Con il pubblico che segue in silenzio, e poi scoppia in un applauso: finora agli artisti si sono sommati i racconti dei  Pari, intellettuali che hanno accompagnato il cammino, ciascuno a  proprio modo.   Sono: Lara Albanese (astrofisica), Giuseppe Barbera (agronomo), Giuseppe Bucaro (sacerdote),  Corrado Bologna (filologo), Caterina Greco (archeologa), Valeria Patrizia Li Vigni (antropologa), Beatrice Monroy (scrittrice), Giuliano Scabia (poeta), Marino Sinibaldi (giornalista) e Sebastiano Tusa (archeologo del mare). 

“Qui avvenne la leggendaria battaglia di Roncisvalle, la cui realtà storica è stata trasfigurata in Occidente dalle Chansons des geste e trasmessa dalla tradizione orale – dice Mimmo Cuticchio che ha voluto questo ‘pellegrinaggio’ nell’anno in cui ha compiuto settant’anni – . Il nobile gesto del paladino Orlando, devoto al suo imperatore Carlo Magno, che decide di sacrificare la propria vita in una battaglia che non può vincere, ma che va combattuta comunque per senso del dovere: tutto questo rappresenta per noi l’ideale della “Straziante meravigliosa bellezza del creato”, sottotitolo preso in prestito da Pasolini per La Macchina dei Sogni, il festival di teatro di figura. Il senso profondo di questa esperienza, racchiuso nella fede di un ideale, coincide con la bellezza della natura, con il mistero dell’universo, della vita stessa e rifugge dai motivi che alimentano le guerre e da tutte le etichette, anche religiose, che limitano il benessere e la crescita spirituale degli uomini”. La Macchina dei Sogni è inserita nel cartellone di Palermo Capitale Italiana della Cultura. 

Una trasferta nei luoghi epici in cui si combatté la battaglia che portò alla morte del più celebre dei paladini: Orlando. Un luogo dell’anima in cui provare a trovare un senso al modo moderno

di Giulia De Agostino

http://magazine.leviedeitesori.com/wp-content/uploads/sites/4/2018/07/Mimmo-Cuticchio-a-Roncisvalle.jpg

I pellegrini e i pupi. In un luogo che praticamente non esiste come Roncisvalle o Roncesvalles, come è indicato in Navarra. Perché è un luogo dell’anima, una Collegiata, una chiesa romanica, due taverne. E il passaggio dei pellegrini: bastone in mano, conchiglia al collo, zaini, pronti ad affrontare il Cammino di Santiago di Compostela, che da qui prende le mosse.

Si fermano, i pellegrini, per ascoltare la trombetta di Pulcinella, il narratore o il cunto antico di Mimmo Cuticchio. Che parla di pace, perché è questo il messaggio che gli artisti italiani – tanti, una compagnia nata qui, con arrivi da tutta la Penisola, dalla Sicilia, da Napoli, dal Nord – stanno portando verso il luogo in cui avvenne la battaglia tra paladini e saraceni, cantata dall’Ariosto. Una disfatta per i cristiani, una vittoria per i musulmani: caddero settanta paladini e con loro il prode Orlando che fino all’ultimo suonò il suo corno. Lo racconterà Mimmo Cuticchio, davanti alla lapide che – sempre in un luogo dell’anima, una piana brulla a cui gli artisti giungeranno oggi, domenica, in carovana, fermandosi per proporre narrazioni, piccoli morceaux di spettacolo – ricorda la morte di Orlando, più o meno 1240 anni fa.

Il pellegrinaggio dell’arte e del teatro per dire no a tutte le guerre, la scena e i costumi per urlare “non voglio” a chi ti dice di scendere in battaglia contro qualcuno che, come te, ha due braccia, due gambe, due occhi. Roncisvalle aiuta: qui l’aria è rarefatta, il cielo limpido, tutto attorno è verde. Gli artisti camminano nella foresta e arrivano sul piano: c’è chi cerca il famoso Vallo, la gola dell’agguato cantata dall’Ariosto. Non c’è, in compenso vedi avanzare i pellegrini, con il loro bastone. Mimmo Cuticchio si è invece costruito una spada, con rami ed arbusti trovati per via: la brandirà per il cunto, dinanzi a pupo Orlando che, partito da Palermo nudo e crudo, si è “vestito” per strada, ad ogni tappa. Da Saint-Jean-Pied-de-Port – dove gli artisti hanno “assediato” la cittadina medievale, con spettacoli in ogni vicolo – verso Ibañeta, nella piana sui Pirenei, al confine tra Francia e Spagna: con una sosta alla Vergine di Biankorri, poi su, fino al Monastero Itzandegia per raggiungere poi il Puerto de Ibañeta in spagnolo o Col de Roncevaux in francese. Con il pubblico che segue in silenzio, e poi scoppia in un applauso: finora agli artisti si sono sommati i racconti dei  Pari, intellettuali che hanno accompagnato il cammino, ciascuno a  proprio modo.   Sono: Lara Albanese (astrofisica), Giuseppe Barbera (agronomo), Giuseppe Bucaro (sacerdote),  Corrado Bologna (filologo), Caterina Greco (archeologa), Valeria Patrizia Li Vigni (antropologa), Beatrice Monroy (scrittrice), Giuliano Scabia (poeta), Marino Sinibaldi (giornalista) e Sebastiano Tusa (archeologo del mare).

“Qui avvenne la leggendaria battaglia di Roncisvalle, la cui realtà storica è stata trasfigurata in Occidente dalle Chansons des geste e trasmessa dalla tradizione orale – dice Mimmo Cuticchio che ha voluto questo ‘pellegrinaggio’ nell’anno in cui ha compiuto settant’anni – . Il nobile gesto del paladino Orlando, devoto al suo imperatore Carlo Magno, che decide di sacrificare la propria vita in una battaglia che non può vincere, ma che va combattuta comunque per senso del dovere: tutto questo rappresenta per noi l’ideale della “Straziante meravigliosa bellezza del creato”, sottotitolo preso in prestito da Pasolini per La Macchina dei Sogni, il festival di teatro di figura. Il senso profondo di questa esperienza, racchiuso nella fede di un ideale, coincide con la bellezza della natura, con il mistero dell’universo, della vita stessa e rifugge dai motivi che alimentano le guerre e da tutte le etichette, anche religiose, che limitano il benessere e la crescita spirituale degli uomini”. La Macchina dei Sogni è inserita nel cartellone di Palermo Capitale Italiana della Cultura.

Hai letto questi articoli?
Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le vie dei Tesori News

Send this to a friend