Corredi funerari dell’antica Adranon tornano a Sambuca di Sicilia

Inaugurata la mostra “Doni oltre la morte” a Palazzo Panitteri. Un allestimento che valorizza reperti provenienti dal museo archeologico di Agrigento, tra cui due preziosi vasi trovati in una delle tombe su Monte Adranone

di Lilia Ricca

Correva l’anno 1886 quando tra i resti dell’antica città di Adranon, a Sambuca di Sicilia, a mille metri d’altezza, viene rinvenuto il tesoro della Tomba della Regina. Un ricco e pregiato corredo funerario nascosto in una sepoltura a camera ipogeica lunga oltre due metri, scoperta casualmente da un gruppo di contadini, il cui nome altisonante “della Regina” rimanda alla sua imponente architettura. Un tesoro in parte trafugato che viene recuperato e acquistato in quel periodo, sfuggendo ai tombaroli, dall’archeologo Antonio Salinas, appassionato di antichità e allora direttore del museo archeologico di Palermo.

La tomba della Regina

Adesso, parte di quel vasto corredo funerario è visibile nella mostra “Doni oltre la morte”, inaugurata ieri a Sambuca al museo di Palazzo Panitteri, curata dal Parco archeologico della Valle dei Templi di Agrigento, di cui il museo fa parte e dal Comune di Sambuca. L’allestimento valorizza, in particolare, il corredo della cosiddetta Tomba 3, che custodisce anche importanti reperti e notevoli testimonianze del territorio. Tra i pezzi esposti, provenienti dal museo archeologico “Pietro Griffo” di Agrigento, c’è un “cratere”, un vaso dove si mescolava acqua e vino, simbolo della classe maschile utilizzato nel simposio, e “un’idria attica”, un vaso tipicamente femminile con due sposi raffigurati davanti alla porta degli inferi uniti in una promessa d’amore oltre la morte.

Cratere (foto Franco Lo Vecchio)

“I due vasi della tomba a due camere, chiamata anche tomba gemella, si pensa contenessero le ceneri della coppia defunta, ma è una suggestione”, spiega l’archeologa e curatrice della mostra Valentina Caminneci. “Non si sa chi vi era sepolto dato che non sono stati rinvenuti resti ossei – prosegue l’archeologa – . Oltre ai due vasi, nelle tre sale dedicate alla necropoli, sono esposti dei reperti bronzei di importazione magnogreca ed etrusca tra cui la famosa ‘patera’, con manico antropomorfo a forma di giovane di figura maschile, configurato ‘kouros’, l’elemento più pregiato e reperto-simbolo del sito di Adranone nell’immaginario dei sambucesi”.

Reperti esposti in Cina nel 2006 (foto Franco Lo Vecchio)

Reperti di Adranone, ceramiche, terrecotte e sculture sono stati oggetto della grande mostra “I fenici” del 1988, a cura dell’archeologo, studioso del mondo fenicio e punico Sabatino Moscati, a Palazzo Grassi a Venezia. Il colino bronzeo, lo strigile bronzeo, l’anfora e l’olpe bronzea sono stati esposti ad una mostra al National Museum di Pechino, in Cina, nel 2006, nella sezione “Continente Sicilia: 5000 anni di storia”, a cura dell’assessorato regionale ai Beni Culturali.

La patera e altri reperti (foto Lilia Ricca)

Un’attenzione lunga più di mezzo secolo che ha visto avvicendarsi diverse campagne di studio, mostre come quella allestita per la prima volta a Sambuca nel 1998 in occasione del convegno internazionale “Frontiere e influenze nel mondo punico mediterraneo”, l’istituzione di un Antiquarium nel 2003 e del museo archeologico di Palazzo Panitteri nel 2013. Negli ultimi anni, una rassegna del Teatro L’Idea, che la prossima estate porterà in scena “ad alta quota” ben quattro spettacoli, due dei quali in collaborazione con il Parco di Agrigento.

Testa di Demetra (foto Franco Lo Vecchio)

Secondo il direttore del Parco della Valle dei Templi di Agrigento, Roberto Sciarratta: “La dislocazione dei reperti è un’occasione per potenziare la fruizione dei beni archeologici attraverso la circolazione dei reperti tra i musei del territorio. Il Griffo e il Panitteri fanno parte del Parco di Agrigento, un ricco museo diffuso che coinvolge le comunità locali”. Per l’amministrazione di Sambuca la mostra è un motivo in più per visitare il borgo agrigentino, un valore aggiunto nel suo percorso storico-archeologico. “Per questo motivo ci impegneremo – commenta il vicesindaco e assessore alla cultura Giuseppe Cacioppo – perché tutto il corredo funerario rimanga a Sambuca, nel suo luogo di origine”.

Condividi
Tags

In evidenza

Dalle masserie ai mulini, in arrivo 76 milioni per il paesaggio rurale siciliano

Pubblicato l’elenco dei progetti ammessi al finanziamento con fondi provenienti dal Pnrr per la valorizzazione di un patrimonio edilizio per lo più degradato e spesso poco accessibile

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Ultimi articoli

Palermo paradiso dello smartworking? Luci e ombre di una città che cambia volto

Il National Geographic lancia il capoluogo siciliano in testa alle mete preferite nel mondo per il lavoro da remoto. Un riconoscimento di prestigio, ma parziale, secondo Elena Militello, ricercatrice e presidente di South Working

Quel ponte medievale demolito tra alluvioni e cantieri infiniti

Infuria la polemica dopo l’abbattimento dell’architettura trecentesca durante i lavori per il raddoppio della Statale Palermo-Agrigento. L’intervento richiesto dall’Anas è stato autorizzato dalla Soprintendenza per scongiurare il rischio di esondazioni

Dalle masserie ai mulini, in arrivo 76 milioni per il paesaggio rurale siciliano

Pubblicato l’elenco dei progetti ammessi al finanziamento con fondi provenienti dal Pnrr per la valorizzazione di un patrimonio edilizio per lo più degradato e spesso poco accessibile

Articoli correlati