Corpi umani in mostra sospesi tra arte e scienza

Arriva a Palermo Body Worlds Vital, l’esposizione ideata dall’anatomista Gunther Von Hagen. Un allestimento di 150 cadaveri trattati con la plastinazione

di Antonio Schembri

Entrare nel corpo umano per osservarlo nei particolari della sua complessità, nelle sue fragilità, nelle sue enormi capacità di autoripararsi. Uno dei più grandi sogni dell’uomo da sempre, che cominciò a essere realizzato soprattutto a partire dal periodo tra la fine del 15esimo e l’inizio del 16esimo secolo, quando si afferma il cosiddetto Rinascimento anatomico, ovvero il cambio di rotta metodologico che rivoluzionò la medicina e anticipò, segnandone la strada, il Rinascimento artistico a partire dalle ricerche, le scoperte e le realizzazioni di un genio come Leonardo e le sperimentazioni di Andrea Vesalio, il primo medico a praticare la dissezione dei cadaveri con intento scientifico. Un desiderio rappresentato nel cinema. In particolare da uno spettacolare film di fantascienza di poco più di 50 anni fa, “Viaggio allucinante”, che racconta l’odissea di un sottomarino miniaturizzato, inoculato attraverso la carotide all’interno del corpo di un malato.

Angelina Whalley

Adesso l’emozione di penetrare e comprendere il corpo umano passa dall’armonica unione tra arte e scienza offerta dalla plastinazione, tecnica che permette di conservare i cadaveri mediante la sostituzione dei loro liquidi con polimeri di silicone, così da rendere ossa e muscoli, organi e tessuti nervosi rigidi, inodori e inalterati nei colori. Un connubio che è possibile ammirare a Body Worlds Vital, l’esposizione ideata nel 1995 dall’anatomista Gunther Von Hagen, approdata ieri a Palermo nei locali dell’Albergo delle Povere e in programma fino al 31 marzo.

Il funzionamento dei muscoli

La mostra, curata sin dal suo inizio e portata in giro per il mondo da Angelina Whalley, medico, designer concettuale nonché moglie dello scienziato tedesco, si presenta con un allestimento di 150 plastinazioni: un’alternanza di corpi a figura intera, singoli organi e sezioni corporee trasparenti. Una nuova concezione d’arte con un focus preciso: la salvaguardia della salute, il buon funzionamento del nostro organismo e la prevenzione dalle malattie. Organizzata da Nimphea, in collaborazione con la Regione Siciliana e Culturitaly, la mostra invita a visualizzare, in maniera chiara e diretta, le posizioni degli organi all’interno del corpo umano e le intricate configurazioni dei vasi sanguigni, mostrando dal vero la complessità della rete capillare che alimenta tutto il nostro corpo.

La Ballerina

“Attraverso un confronto diretto tra organi sani e affetti da patologie riconoscibili, diviene immediato comprendere che cosa accade quando il corpo si ammala e come invece sia possibile, attraverso uno stile di vita sano, poter prevenire pericolosi problemi di salute”, illustra Angelina Whalley. Quando la mostra partì a metà degli anni Novanta si trattò di una esposizione di anatomia ancora freddamente scientifica. “Oggi è accessibile e più comprensibile al pubblico, grazie alla maniera di spiegare l’anatomia anche attraverso posizioni plastiche, dinamiche che, dal momento che i corpi esposti sono reali, appartenuti a persone che hanno già vissuto la propria vita, annullano di fatto il significato tetro della morte. Il risultato è un riscontro internazionale sempre più entusiastico”, aggiunge Fabio Di Gioia, organizzatore di Body Worlds in Italia.

La Donna che fa Yoga

Tutti i corpi esposti in Body Worlds Vital – suggestivi quelli dell’ostacolista mentre valica la barriera in corsa, dei ballerini che si piegano stando sulle punte dei piedi, della donna mentre pratica lo yoga – sono stati resi disponibili grazie a un programma certificato di donazione: “Ad oggi oltre 19mila donatori in tutto il mondo, a partire dalla Germania, hanno lasciato post vitam i loro corpi all’Istituto per la plastinbazione di Von Hagens presso l’Università di Heidelberg”, spiega Angelina Whalley, che sottolinea il valore educativo di questa operazione: “Dalle ricerche successive alle ormai tante tappe nel modo di questa mostra è emerso che importanti percentuali di visitatori si siano convinte a rivedere del tutto il loro atteggiamento verso la propria salute, a cominciare dall’alimentazione, una migliore igiene di vita e l’incremento dell’attività sportiva”.

Il Giocatore di scacchi

Un appuntamento che mancava a una città come Palermo, storicamente legata alla ricerca medica attraverso la dissezione dei corpi dei morti, introdotta dal medico cinquecentesco Gian Filippo Ingrassia; e alla mummificazione dei cadaveri, come dimostra l’esposizione delle Catacombe dei Cappuccini, a poca distanza dall’Albergo delle Povere, che impressionarono nei secoli passati anche scrittori come Alexandre Dumas e Guy de Maupassant e che tutt’oggi sono censite tra i luoghi più raccapriccianti da visitare al mondo.

Alessandro Cecchi Paone

“In Body World però non c’è nulla di macabro, anzi si tratta di una autentica avventura conoscitiva, dal valore altamente educativo e scientificamente inattaccabile quindi adatta alle scuole, ai bambini, alle famiglie, da venire a visitare in compagnia perché fa discutere e ragionare soprattutto con i messaggi che diffonde sugli stili di vita”, sostiene Alessandro Cecchi Paone, presente all’inaugurazione. “È infatti possibile osservare nei più minuti dettagli cosa succede ai polmoni quando si fuma o agli organi dell’apparato digerente quando ci si alimenta scorrettamente”. Il tutto grazie alla dimensione dinamica di questi corpi e organi, che permette di vedere cosa ci succede davvero quando saltiamo, corriamo, solleviamo pesi e svolgiamo attività da seduti.

La mostra è visitabile fino al 31 marzo 2020, da mercoledì a lunedì, dalle 10 alle 20 (ultimo ingresso alle 19). Giorno di chiusura: martedì ad eccezione di gruppi e scuole su prenotazione e per eventi privati.Serale: tutti i sabati fino alle 23 (ultimo ingresso alle 22). Gli orari possono essere soggetti a variazioni. Per altre informazioni visitare il sito www.bodyworlds.it.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend