Conto alla rovescia per l’apertura del Museo del Mito

Dopo la quarantena causata dalla pandemia, sono ripresi i lavori per la realizzazione del sito espositivo, che avrà un allestimento multimediale e immersivo. L’inaugurazione prima della fine dell’estate

di Redazione

Sarà un museo interamente multimediale, destinato a essere uno spazio di incontro tra cultura, uomo e tecnologia. Dopo la quarantena causata dalla pandemia, sono ripresi i lavori per la realizzazione del Museo del Mito di Enna. Il Comune, a partire dal sindaco Maurizio Dipietro, e Sarterìa, la startup culturale incaricata della produzione e dell’allestimento, sono impegnati senza sosta nelle attività di preparazione dei contenuti e di progettazione esecutiva degli spazi del museo che, superata l’emergenza sanitaria dei mesi scorsi, vedrà la luce prima della fine dell’estate.

I Capannicoli, sede del Museo del Mito

L’intervento ha l’obiettivo di rivitalizzare l’area archeologica della città, trasformandola in modello museale dall’impronta fortemente innovativa; un sito espositivo costruito sull’arte multimediale e immersiva con i contenuti che da sempre sono la ricchezza di Enna: storia, archeologia, tradizioni popolari. Il progetto riporterà attenzione su un sito di alto valore patrimoniale, partendo dalla tradizionale vocazione dello stesso: il mito e il culto di Demetra e Kore – divinità legate ai cicli della natura – la sua universale fonte d’ispirazione filosofica e letteraria, la sua capacità comunicativa e aggregativa, la propria modernità.

La Rocca di Cerere

Il centro nevralgico del Museo multimediale del Mito, che comprende i Capannicoli, la Rocca di Cerere e il Castello di Lombardia, sarà l’importante componente tecnica. Grazie a proiezioni video immersive, all’audio spaziale e alla suggestione del video-racconto del mito, lo spettatore sarà avvolto in un’esperienza completa e appagante, in un ambiente virtuale che diviene concreto e tangibile. L’intervento mira a valorizzare il patrimonio storico e culturale della città nel cuore della Sicilia, innescando un processo di sviluppo eco-sistemico del sito. Ne deriveranno esternalità positive di lungo termine, in grado di rendere fruibile uno spazio multifunzionale destinato a ospitare incontri ed eventi, e divenire un luogo di riferimento per la vita culturale di Enna.

Uno scorcio di Enna

Nell’ambito delle attività relative alla realizzazione del Museo del Mito, il sindaco Dipietro, ha nominato un’equipe di professionisti composta da archeologi, architetti, docenti, ricercatori e guide naturalistiche che, a titolo gratuito, contribuiscono al progetto con funzione consultiva. “Sin dall’inizio di questa esperienza amministrativa – commenta il sindaco – abbiamo investito tempo e risorse nelle politiche culturali, per dare a Enna un’occasione di rilancio e di sviluppo. Per questa ragione ho voluto seguire personalmente le politiche culturali, curando i percorsi avviati in questa direzione. Abbiamo, quindi, lavorato con impegno per dare nuovo lustro alle nostre tradizioni e ai beni artistici e monumentali del territorio”.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend