C’era una volta Cefalù: online un archivio di foto storiche

Un gruppo su Facebook e un sito internet per raccontare vita quotidiana di un tempo, personaggi, eventi e tradizioni della cittadina normanna

di Marco Russo

Un archivio della memoria frutto di un lavoro corale. È la storia di Cefalù raccontata da vecchie fotografie tirate fuori dai cassetti. A ricomporre tutto, come pezzi di un puzzle, sono stati gli stessi cefaludesi, attraverso il gruppo di Facebook “Foto storiche di Cefalù”, nato dieci anni fa, e un sito internet da poco rinnovato.

La spiaggia di Cefalù

Amministratore del gruppo, che oggi conta 8.600 membri, è Serge Rajmondi, che nel 2011, cercando tra le vecchie foto del padre, decise di condividerle con la rete. “Ebbi così l’idea – racconta – di creare un gruppo su Facebook che potesse riportare alla memoria, vecchie tradizioni popolari e di famiglia attraverso le foto, concentrandomi soprattutto nel dare visibilità alla Cefalù di ieri, con tutti i particolari che la caratterizzavano. Subito la cosa piacque a tanti cefaludesi, in poco tempo ho avuto la disponibilità di altre persone pronte a collaborare; ciò ha reso il gruppo un punto di riferimento della città”.

L’abside del Duomo

Tra i cefaludesi innamorati della propria città, c’è Domenico Brocato, da molti anni residente nella provincia di Lecco. Nel 2012 realizza il sito internet “Foto storiche cefalù” (www.fotostorichecefalu.it) che adesso è stato ricostruito con nuovi contenuti e veste grafica. Diviso per sezioni, il sito raccoglie fotografie legate a avvenimenti storici, vita quotidiana di un tempo, tradizioni, luoghi, personaggi e panorami. “Un archivio della vita cefaludese, – conclude Rajmondi – in cui la nostra città potrà riconoscersi, trovando i fondamenti della propria identità sociale e culturale”.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori svela Catania e Acireale per cinque weekend

Diciannove luoghi nel capoluogo più altri sette nella vicina città alle pendici dell'Etna. Tantissime esperienze fuoriporta, quattro imperdibili passeggiate. Dalle chiese alla luce delle candele alle tombe romane, dai mastri d’ascia alle artiste della cartapesta, dai tour rurali ai giardini tropicali

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Dal Castello della baronessa alle chiese preziose, Carini fa il bis con Le Vie dei Tesori

Il festival torna per il secondo anno consecutivo nella cittadina del Palermitano per tre weekend dall'1 al 16 ottobre. In programma sette luoghi e un'esperienza da non perdere: si ascolterà un organo “bandistico” scoprendone il meccanismo

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Articoli correlati