L’estate dei grandi eventi nei luoghi della cultura

Concerti, spettacoli e rassegne in parchi archeologici e teatri antichi, tra Taormina, Siracusa, Selinunte, Segesta e Marsala

di Redazione

Un’estate di spettacoli, concerti ed eventi tra i parchi archeologici e i teatri antichi di Sicilia. La stagione 2019 ha offerto, e continua ad offrire fino al mese di settembre, un ricco e variegato ventaglio di proposte che la Regione Siciliana, con gli assessorati dei Beni culturali e del Turismo, ha programmato già da un anno. In prima fila, il Teatro Antico di Taormina, il Teatro di Siracusa, Selinunte e Segesta, ma anche realtà come il Parco delle Isole Eolie, Lilibeo e Catania ospitano cartelloni in contesti archeologici straordinari. Un mix tra visite tradizionali e offerte culturali al di fuori degli orari di visita.

Il Teatro antico di Taormina

Così, la stagione del sito archeologico considerato il più esclusivo per bellezza e importanza storica – il Teatro Antico di Taormina – è iniziata l’11 aprile con la mostra “Arte Sicilia Contemporanea” di Francesco Messina. Un evento conclusosi il 17 giugno, che ha celebrato il famoso artista siciliano proponendo le sue opere più significative e facendo registrare un notevole successo di pubblico. Nei mesi di giugno e di luglio il cartellone di Taormina ha offerto i concerti di Francesco Renga, Francesco De Gregori, degli Earth Wind & Fire. Tra gli eventi legati al cinema internazionale, la 74esima edizione dei Nastri d’Argento e il Taormina Film Festival. E, ancora, l’esibizione dello storico gruppo degli America, di Caetano Veloso, de Il Volo oltre a Pagliacci, alla Cavalleria Rusticana, alla Traviata e alla Tosca. A portare alla ribalta le bellezze naturali e storiche della perla dello Ionio hanno contribuito il Premio Cinematografico delle Nazioni e Tao Moda. La prima settimana di Agosto ha avuto, invece, come protagonisti Massimo Ranieri ed Eros Ramazzotti.

Il 17 agosto sarà Fiorella Mannoia a salire sul palco del Teatro e il 27 toccherà ad Antonello Venditti. Il 30 e il 31 agosto l’evento più atteso del cartellone estivo: Andrea Bocelli. Il mese di settembre si aprirà al Parco di Giardini Naxos con la II edizione della rassegna “Comunicare l’antico”, a cura di Naxoslegge. Continuano gli spettacoli al Teatro Antico con Turandot il 2 settembre e in chiusura, l’8 e il 15, due eventi per il cinema e la moda: “Una ragazza per il cinema” e “The look of the Year”. La stagione si concluderà a Palazzo Ciampoli con la VI edizione del Convegno Internazionale di Archeologia Subacquea dal 10 al 12 ottobre. Una serie di eventi, dunque, che confermano l’internazionalità del teatro greco, icona della Sicilia nel mondo.

La Tomba di Archimede a Siracusa

A Siracusa, sede storica delle rappresentazioni classiche dell’Inda, “Elena”, “Le Troiane” di Euripde e “Lisistrata” di Aristofane, con le 48 repliche hanno registrato numeri record di pubblico. Un percorso a tutto tondo quello del capoluogo aretuseo: Luca Zingaretti e Ludovico Einaudi al Teatro Greco, incontri culturali nel magico luogo dell’Orecchio di Dionisio all’interno del Parco della Neapolis, le mostre al Museo Paolo Orsi. E torna dopo anni la lirica al Teatro Greco con la Tosca di Giacomo Puccini e la Turandot. Ma non solo: a Palazzolo Acreide, nel Teatro Akrai, la manifestazione “Il teatro del cielo” con migliaia di studenti provenienti da tutto il mondo che si sono esibiti confrontandosi con i grandi classici.

Il Tempio C di Selinunte

Selinunte, con il ciclo “Teatri di Pietra”, ha proposto cinque spettacoli classici. Il 17 Agosto ci sarà il grande evento rivolto al pubblico più giovane: “Musica e legalità” con il concerto della star internazionale Michael Cox. I “Cantieri della conoscenza” e i “Cantieri del gusto” si sono rivelati una formula riuscita che ha coinvolto sia il territorio che i tanti turisti presenti nel Parco, dove spettacoli serali e concerti hanno completato l’offerta del luogo della cultura più esteso dell’Isola.

Anche il Parco archeologico delle Isole Eolie, sito strategico ai vertici del turismo per numero di visite, ha proposto eventi culturali, sia all’interno dello storico Museo Eoliano che al teatro all’aperto del Castello. La XVIII rassegna “Le maschere di Dioniso” ha presentato dal 19 luglio, e con rappresentazioni previste fino al 5 settembre, opere teatrali nella splendida cornice del Castello di Lipari. E ancora, incontri, conferenze e visite guidate al Museo, anche in notturna, fino alla fine di settembre.

L’ingresso dell’Anfiteatro romano di Catania

Il teatro romano di Catania è stato protagonista dell’evento “Thysia il rito segreto”, esperienza multisensoriale che ha consentito al pubblico di vivere la quotidianità del mondo greco grazie all’incontro virtuale con i personaggi del tempo. E sempre il Parco archeologico di Catania proporrà, il 16 agosto, “La notte dei musei”, visite notturne guidate al Teatro Antico romano di Catania.

Al Parco archeologico di Segesta, in provincia di Trapani, le “Dionisiache” hanno caratterizzato il cartellone estivo. Dal 19 luglio fino all’8 settembre una vasta rassegna di spettacoli teatrali nel suggestivo scenario del teatro antico: “Ecuba” di Euripide, “Anfitrione” di Plauto, “Dyskolos” di Menandro, e nelle prossime settimane, “La casa del fantasma” di Plauto e “Lysistrata” di Aristofane. Spazio anche musica d’autore con numerosi concerti sulla Collina del Tempio sempre all’interno dell’area archeologica. E, ancora, le “Notti Bianche” con incontri a tema e osservazioni astronomiche. Il 17 agosto una serata dedicata alla luna con spettacolari proiezioni sulla facciata del Tempio. In programma, poi, le suggestive albe al teatro per tutto il mese di agosto con spettacoli alle 5 del mattino: il 18 agosto “Satyricon” di Petronio e il 25 “Penelope”. Completa la ricca offerta del Parco, il ciclo di “Conversazioni d’Autore” sulla Collina del Tempio con incontri a tema sulla Zoologia della Sicilia Araba (17 agosto), un incontro con l’ex procuratore Pietro Grasso (giorno 22), sul Medio Oriente (giorno 24) e sull’Arte rupestre in Sicilia (28 agosto). Interessante anche un ciclo di spettacoli teatrali per dare voce alle compagnie del territorio.

Il teatro greco di Segesta

Il Parco archeologico di Lilibeo, a Marsala, dal mese di luglio ha proposto spettacoli teatrali e serate a tema nell’ambito del ciclo “Tramonti d’autore”. E fino al 20 settembre, spettacoli, incontri, conferenze. Il 24 agosto Giovanni Sollima in concerto, il 6 settembre un dibattito su problemi e prospettive sul “fine vita”, il 7 la proiezione del documentario sulla spedizione Polarquest, il 13 settembre un concerto dell’Orchestra Sinfonica Siciliana e il 20 la conferenza sulle prospettive del Parco di Lilibeo, un sito ancora “giovane” ma dalle grandi potenzialità.

Hai letto questi articoli?

Riaperto il parco delle Terme di Sciacca

L’area sarà destinata ad attività culturali e sarà fruibile da cittadini e turisti grazie a lavori di manutenzione effettuati dalla Regione Siciliana

di Marco Russo

Un primo spiraglio verso la rinascita delle Terme di Sciacca, chiuse ormai da quattro anni. Con l’apertura del cancello che dà sul promontorio che si affaccia sul mare, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ha ufficialmente riconsegnato ieri pomeriggio al Comune in provincia di Agrigento il parco delle Terme, da anni abbandonato a incuria e degrado. Il governatore, accompagnato dall’assessore all’Economia Gaetano Armao, è stato accolto dal sindaco di Sciacca Francesca Valenti e ha percorso i viali del complesso termale, soffermandosi sullo scenografico anfiteatro.

Un momento della visita

L’area sarà destinata ad attività culturali e aggregative e sarà fruibile da cittadini e turisti grazie a importanti lavori di manutenzione straordinaria effettuati dalla Regione Siciliana d’intesa con il Comune. Il parco delle terme mette in relazione alcuni beni patrimoniali del complesso: lo stabilimento, il Grand Hotel delle Terme e l’impianto delle piscine coperte. Il parco è parte integrante dello stabilimento con percorsi pedonali interni che collegano le varie strutture. Al centro sorge l’imponente vasca-fontana, che nel progetto di sistemazione del parco funge da sorgente per percorsi d’acqua artificiali che vanno ad incrociarsi con i sentieri pedonali.

Le Terme di Sciacca

“Cominciamo da qui, dal parco delle Terme di Sciacca – ha detto Musumeci – perché è più facile per il Comune gestirlo e non diventa un onere insopportabile. E perché diventa un segnale di ripresa. Smettiamo di piangere sul solito muro del pianto e cominciamo a rimboccarci le maniche, dopo avere finalmente razionalizzato una procedura che per anni non era stata tra le priorità di chi ci ha preceduto”. Nel corso di un vertice, tenutosi nelle scorse settimane a Palazzo d’Orleans, su iniziativa del presidente Musumeci, era stato deciso che il parco verrà formalmente consegnato dalla Regione al Comune, che dovrà occuparsi delle attività di manutenzione ordinaria. Il dipartimento regionale dello Sviluppo Rurale, invece, ha curato le operazioni di discerbamento e sistemazione del verde.

Uno dei viali del parco

“Sciacca e Acireale – ha aggiunto il presidente della Regione – cammineranno di pari passo, anche se con qualche differenza perchè le realtà sono differenti. Riteniamo di potere pubblicare, già ai primi di settembre, il bando (elaborato dall’assessorato all’Economia, dopo una laboriosa ricostruzione dei dati catastali) per trovare il soggetto adeguato a rilanciare e gestire una struttura complessa che ha fatto la storia dell’economia di Sciacca e che può diventare uno straordinario punto di riferimento per l’economia del turismo termale in Sicilia”.

Hai letto questi articoli?

Pioggia di milioni in arrivo per le aree protette siciliane

I finanziamenti riguardano il recupero e la realizzazione di sentieri, vie e varchi di accesso, comprese reti ciclopedonali, orti botanici e punti di osservazione

di Redazione

Una boccata d’ossigeno per i polmoni verdi di Sicilia. In arrivo 27 milioni di euro da parte della Regione Siciliana per 25 aree protette dell’Isola. L’assessorato Territorio e Ambiente ha, infatti, dato il via libera alla graduatoria definitiva del bando relativo all’azione 6.6.1 del Po Fesr Sicilia 2014-2020. Previsti interventi per la tutela e la valorizzazione di zone in ambito terrestre, marino e paesaggi tutelati. Le risorse saranno destinate agli enti gestori delle riserve e dei Parchi naturali, alle associazioni ambientaliste e ai Comuni.

Uno scorcio di Isnello

I finanziamenti riguardano il recupero e la realizzazione di sentieri, vie e punti di accesso alle zone protette, comprese reti ciclopedonali di collegamento esterno. Ma anche la creazione di aree verdi, orti botanici, punti di osservazione. E ancora la produzione di attrezzature dirette al miglioramento della fruizione del patrimonio ambientale, anche mediante il recupero di strutture non utilizzate con caratteristiche legate alle tradizioni o alla storia del territorio (come edifici rurali o mulini) per l’allestimento di centri-visita, punti di informazione e piccole zone ricettive. Previsti anche progetti per la riqualificazione di aree di particolare valore paesaggistico, ambientale, naturale, funzionale e finalizzati allo sviluppo di un turismo eco-compatibile e sostenibile. La fase istruttoria e la graduatoria finale degli interventi sono state curate dal dipartimento dell’Ambiente diretto da Giuseppe Battaglia.

Grotta Carburangeli

Godranno dei finanziamenti le aree protette di quasi tutte le province siciliane. Nel territorio palermitano sono previsti sette interventi: a Isnello arriveranno 276mila euro recupero di un tratto del sentiero geologico urbano; 177mila euro per la riserva della Grotta di Carburangeli, gestita da Legambiente nel territorio di Carini; 442mila euro a Caccamo per realizzazione reti sentieristiche e di connessione esterna tra il borgo medioevale di Caccamo, per le Riserve Monte San Calogero, Pizzo Cane, Pizzo Trigna e Grotta Marramuto, per il Lago Rosamarina e per il Monte Rosamarina e Cozzo Famò; 100mila euro a Castellana Sicula per la tutela e valorizzazione del Mulino Petrolito e delle aree circostanti; a Pollina arriveranno 477mila euro per la realizzazione di un’area attrezzata e un parco per lo svolgimento di attività eco-sportive in contrada Serradaino; 823mila euro a Baucina per la riqualificazione della sentieristica, la realizzazione di aree verde attrezzate in siti della rete ecologica siciliana e, infine, 741mila euro a Geraci Siculo per la valorizzazione dei màrcati. Storici.

Grotta di Sant’Angelo Muxaro (foto Legambiente)

Nell’Agrigentino, 4,3 milioni di euro saranno destinati al progetto “Greenway Terre Sicane” tra Sambuca di Sicilia, Bisacquino e Caltabellotta. Alla riserva di Lampedusa andranno 566mila euro; a Bivona 1,1 milioni e 125mila euro per la Grotta di Sant’Angelo Muxaro gestita da Legambiente. Nel Messinese, 2 milioni andranno al Comune di Fiumedinisi, per il recupero e valorizzazione di un tratto del sentiero Italia; 480mila euro ad Alcara Li Fusi, per la riqualificazione dell’area delle Veliere dei Grifoni; e 1,3 milioni per i sentieri naturalistici di Patti. Quattro le aree del Siracusano, con Palazzolo Acreide dove arrivano 3,1 milioni per le piste ciclabili; 1,5 milioni di euro a Priolo Gargallo per la ristrutturazione del caseggiato ex Espesi che diventerà centro visite e foresteria della Riserva Saline di Priolo; 400mila euro saranno destinati alla riserva Grotta Palombara di Melilli e 370mila euro a Rosolini. Nel Trapanese, fondi per la Grotta Santa Ninfa (439mila euro), la porta del bosco a Buseto Palizzolo (975mila euro); a Marsala, dove sono previsti 1,2 milioni per la pista ciclabile nel lungomare dello Stagnone e a Salemi (360mila euro).

Nell’Ennese, 850mila euro a Nicosia per il restauro conservativo della Casa Comune in contrada Campanito e 337mila euro per il Polo diffuso per le identità e la valorizzazione ambientale di Piazza Armerina. Infine, nel Ragusano, 4,5 milioni di euro saranno destinati al progetto “Le antiche vie del Pino d’Aleppo” a Vittoria.

Hai letto questi articoli?
Le vie dei Tesori News

Send this to a friend