Capolavori dell’arte rivivono in digitale a Palazzo Reale

Al via Meta Experience con due esempi di cloni: un Satiro danzante d’argento scintillante e un Giovinetto di Mozia in rosso di sapore pop. Poi c’è un opera autentica, il busto di Ottaviano Augusto che si confronta con il suo doppio tecnologico

di Guido Fiorito

L’arte antica sposa il futuro digitale. In un angolo di Palazzo Reale a Palermo è stato inaugurato un nuovo spazio: la μετα (meta) Experience, una zona in cui la fruizione dell’opera d’arte prende nuove strade e induce riflessioni nel visitatore sull’unicità e la riproducibilità dell’opera. Il cuore innovativo è uno scanner a luce strutturata capace di riprodurre in 3D, senza rischi per la salute, in un minuto tondo, un’opera d’arte così come una persona. Due esempi di cloni sono esposti: un Satiro danzante d’argento scintillante e un Giovinetto di Mozia in rosso di sapore pop. Poi c’è un’opera autentica, il busto di Ottaviano Augusto che si confronta con il suo doppio tecnologico. Con cadenza mensile saranno esposti altri capolavori del patrimonio artistico  siciliano, pubblico e privato, e le loro copie in 3D.

Proiezioni 3D

Il busto di Ottaviano è considerato la migliore effige ritrovata in Sicilia del fondatore dell’impero romano e ha una storia particolare. Fu scoperto nel 1938 da un operaio durante lo scavo  di fondazione di un pilone di un ponte vicino Centuripe. Questo e altri reperti ritrovati nel territorio ennese sono stati conservati per 83 anni al museo Orsi di Siracusa, prima di tornare nell’estate del 2021 a Centuripe, nei locali del museo archeologico. Il ritrovamento è spiegato dal fatto che la cittadina ennese aveva appoggiato Ottaviano Augusto nella guerra contro Sesto Pompeo in Sicilia, ottenendo poi uno status particolare che la sollevava dal pagare le tasse.

Il prospetto di Palazzo Reale

La μετα Experience (che richiede un biglietto specifico) è stata voluta dalla Fondazione Federico II che continua l’opera di rinnovamento dell’esperienza di visita a Palazzo Reale. “Si parla tanto di futuro ma il futuro deve essere realizzato nel presente – dice Patrizia Monterosso, presidente della Fondazione -. Il fine è adeguarsi al linguaggio della contemporaneità, comprendere la tecnologia e le nuove tecniche, per valorizzare le opere d’arte e coinvolgere nuovi visitatori. Due turisti inglesi dopo aver visto la copia del Satiro danzante hanno detto che andranno a Mazara per vedere l’originale”.

Cloni 3D

Si entra in un tunnel buio, si attraversa una saletta con una suggestiva fuga prospettica di infiniti cloni, si sta fermi e si guarda il lavoro dello scanner che ricostruisce la nostra forma con una nuvola di punti. L’esperienza dell’Infinity room è un assaggio del metaverso, di una realtà parallela in cui vivono avatar di persone reali. La scansione tridimensionale può essere conservata  e riprodotta nel mondo reale in materiale ecosostenibile con una stampante 3D. Il visitatore può scaricare il video della scansione attraverso la tecnologia quickscan.

L’iniziativa è realizzata nell’ambito di Cultura Crea, progetto del ministero dei Beni Culturali, che si propone  di allargare la fruizione del patrimonio culturale nel Sud d’Italia, con finanziamenti che hanno coinvolto Invitalia. La Fondazione Federico II opera in questo caso con l’associazione no profit Forma Rei, che digitalizza le opere da conservare e valorizzare. “Digitalizzare un’opera d’arte – dice Giorgio Gori, fondatore di Forma Rei – significa renderla eterna, immune al tempo, garantendole un posto nel futuro, preservandola per le future generazioni. Per esempio potrà essere realizzata una copia sulla Luna oppure su Marte, dove non è pensabile trasportare gli originali”. Gori è anche fondatore di Artificial, una startup che ha realizzato il più grande database digitale di opere d’arte, oltre duemila, del patrimonio culturale italiano.

Condividi
Tags

In evidenza

L’assessorato al Centro storico si apre ai palermitani

In tanti hanno partecipato all’esperienza del festival Le Vie dei Tesori al Noviziato dei Crociferi, guidata dall’assessore Maurizio Carta. Un’occasione per capire come funziona la macchina comunale con visite agli uffici, al cortile e alla terrazza affacciata sul mare

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori a Alcamo tra castelli e torri, tutto pronto per il secondo weekend

Preso d'assalto nel primo fine settimana, si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Dalla villa con i bozzetti di Zeffirelli alle terrazze sull’Etna, Catania e Acireale al secondo weekend

Si visita Villa Di Bella a Viagrande, dove il regista soggiornò e donò alla proprietaria i suoi disegni di scena per "Cavalleria Rustica". Apre Castello Ursino e si sale sul camminamento di San Nicolò l'Arena. A Acireale, tra chiese e palazzi sfarzosi

Le Vie dei Tesori a Ragusa e Scicli: secondo weekend tra cave, palazzi e chiese

Nel Duomo del capoluogo esposte le opere sopravvissute al sisma e si sale sul campanile di San Giovanni Battista. A Scicli, terza città più visitata del festival dopo Palermo e Catania, apre Palazzo Busacca e proseguono le visite al Municipio, set del Commissario Montalbano

Articoli correlati