Borgo dei Borghi 2022, Sutera in corsa per la Sicilia

Il paese del Nisseno rappresenta l’Isola al concorso nazionale targato Rai. Al via le votazioni online per eleggere il vincitore

di Marco Russo

L’anno scorso fu Geraci Siculo a sfiorare la vittoria, piazzandosi sul podio al terzo posto. Questa volta tocca a Sutera sognare il titolo di Borgo dei Borghi, il riconoscimento nazionale della trasmissione “Alle falde del Kilimangiaro”. Unico comune della provincia di Caltanissetta a far parte dell’esclusivo club dei Borghi più Belli d’Italia, Sutera ci crede e ha messo in moto la macchina della promozione per provare a vincere la sfida. L’obiettivo è arricchire il palmarès siciliano dopo le vittorie di Gangi nel 2014, Montalbano Elicona nel 2015, Sambuca di Sicilia nel 2016 e Petralia Soprana nel 2018.

Sutera e la sua rocca

C’è tempo fino a domenica 3 aprile per esprimere la propria preferenza sul sito della trasmissione (questo il link per votare). Si può votare una sola volta al giorno, esprimendo una sola preferenza sui 20 borghi italiani candidati. Chi è in possesso di credenziali Raiplay possono effettuare direttamente il login al sito e, dopo l’autenticazione, esprimere la propria preferenza di voto. Gli utenti non ancora registrati per votare dovranno creare un’utenza Raiplay indicando username, password e indirizzo e-mail di riferimento.

Pizzo San Marco

Votando nelle prossime due settimane, Sutera (e di conseguenza la Sicilia) avrà la possibilità di accedere alla serata finale di domenica 17 aprile, in prima serata su Raitre, con l’elezione del più bel borgo d’Italia di questa edizione. Vince chi ha ottenuto la percentuale più alta nella sommatoria tra i voti espressi direttamente dal pubblico da casa, attraverso il “web voting” e quelli della giuria di esperti.

Il Rabato di Sutera (foto Pequod76, Wikipedia, licenza CC BY-SA 3.0)

Considerato il “balcone” dei monti Sicani, da cui con uno sguardo si abbraccia la Sicilia intera, Sutera è uno scrigno di tesori tutto da scoprire. Inconfondibile la sua imponente rocca, dove si trova il santuario di San Paolino, un luogo pieno di leggende, che si raggiunge dopo aver salito una scalinata tra la roccia composta da 157 gradini. Su in cima, tradizione vuole che una campana debba essere suonata da chi vi giunge per avvertire del proprio arrivo.

Chiesa di Maria Santissima del Carmelo tra le stradine del Rabato (foto Davide Mauro, Wikipedia, licenza CC BY-SA 4.0)

Recentemente il borgo del Nisseno, che fa anche parte dell’associazione Borghi dei Tesori, ha ricevuto un finanziamento di circa un milione di euro, da parte del ministero della Cultura per interventi di riqualificazione del centro storico. E adesso è in attesa dell’esito del bando Borghi del Pnrr che potrebbe portare nelle casse dell’amministrazione comunale altri 1,6 milioni di euro.

Monastero di San Paolino (Foto Bocachete, Wikipedia)

“Crediamo moltissimo nel rilancio del nostro paese – dice a Le Vie dei Tesori il sindaco Giuseppe Grizzanti – per questo, accanto ai finanziamenti che possono aiutarci a rendere concreti i nostri progetti, stiamo puntando molto sulla gara Borgo dei Borghi 2022, coinvolgendo tutta la nostra comunità. Sutera è un piccolo centro, è come tutti quelli dell’entroterra siciliano, soffre per lo spopolamento e la mancanza di lavoro. Speriamo di invertire questa tendenza, grazie anche al rilancio turistico che questa competizione può innescare”.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori al via a Palermo, ecco il meglio del primo weekend

Apre per la prima volta al pubblico Porta Nuova, si entra nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker con i cronisti che seguirono il maxiprocesso, si scopre il Gasometro, ma anche tre chiese inedite con le loro storie. Tante passeggiate e visite teatralizzate tra nobili dame e cortigiane

L’assessorato al Centro storico si apre ai palermitani

In tanti hanno partecipato all’esperienza del festival Le Vie dei Tesori al Noviziato dei Crociferi, guidata dall’assessore Maurizio Carta. Un’occasione per capire come funziona la macchina comunale con visite agli uffici, al cortile e alla terrazza affacciata sul mare

Porta Nuova presa d’assalto dal popolo delle Vie dei Tesori

Porta Nuova apre per la prima volta in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Già nel primo weekend tanti visitatori hanno salito gli ottanta alti gradini che dal piano di Palazzo Reale conducono fino al corridoio scoperto di collegamento tra la residenza normanna e la Porta costruita nel 1460, riedificata un secolo dopo dal viceré di Sicilia Marcantonio Colonna per celebrare l’arrivo di Carlo V

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati