Bandiere Blu 2022, ecco le spiagge siciliane premiate

Sono in tutto undici i lidi dell’Isola scelti dalla Foundation for enviromental education. Unica nuova arrivata Furci Siculo nel Messinese

di Marco Russo

Una nuova Bandiera Blu sventola in Sicilia. È quella di Furci Siculo, nel Messinese, che va ad arricchire l’elenco dei lidi più belli dell’Isola. Sono in tutto undici le spiagge siciliane premiate dalla Foundation for enviromental education nel 2022, una in più rispetto all’anno scorso.

La spiaggia di Castel di Tusa

Tante sono le conferme, a partire dal Messinese che guida la classifica siciliana con sei spiagge. Oltre al nuova arrivata Furci Siculo, hanno ottenuto il riconoscimento Roccalumera, con la sua lunga distesa di ciottoli e ghiaia bagnata da un mare azzurrissimo; la spiaggia Lampare a Tusa, Acquacalda a Lipari, Alì Terme e Santa Teresa di Riva, oltre al titolo assegnato per l’approdo turistico a Capo d’Orlando.

Marina di Ragusa (foto Giorgio Leggio, Wikipedia)

Nel Ragusano, confermata anche la spiaggia Marina di Ragusa, un vasto arenile di sabbia dorata molto frequentato e ricco di stabilimenti balneari; c’è poi Raganzino a Pozzallo, il primo tratto di Ciriga a Ispica e Marina di Modica, con la sua sabbia fine e dorata. Non poteva mancare, nell’Agrigentino, il Lido Fiori di Menfi, tra le più selvagge e incontaminate spiagge siciliane.

La Bandiera Blu del Fee

La Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale, istituito nel 1987 Anno europeo dell’Ambiente, che viene assegnato ogni anno in 49 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei, con il supporto e la partecipazione delle due agenzie dell’Obu: Unep (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e Unwto (Organizzazione mondiale del Turismo) con cui la Fee ha sottoscritto un protocollo di partnership globale e riconosciuta dall’Unesco come leader mondiale nel campo dell’educazione ambientale e dell’educazione allo sviluppo sostenibile.

(Nella prima foto in alto la spiaggia di Menfi)

Condividi
Tags

In evidenza

Dal Castello della baronessa alle chiese preziose, Carini fa il bis con Le Vie dei Tesori

Il festival torna per il secondo anno consecutivo nella cittadina del Palermitano per tre weekend dall'1 al 16 ottobre. In programma sette luoghi e un'esperienza da non perdere: si ascolterà un organo “bandistico” scoprendone il meccanismo

Porta Nuova presa d’assalto dal popolo delle Vie dei Tesori

Porta Nuova apre per la prima volta in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Già nel primo weekend tanti visitatori hanno salito gli ottanta alti gradini che dal piano di Palazzo Reale conducono fino al corridoio scoperto di collegamento tra la residenza normanna e la Porta costruita nel 1460, riedificata un secolo dopo dal viceré di Sicilia Marcantonio Colonna per celebrare l’arrivo di Carlo V

L’assessorato al Centro storico si apre ai palermitani

In tanti hanno partecipato all’esperienza del festival Le Vie dei Tesori al Noviziato dei Crociferi, guidata dall’assessore Maurizio Carta. Un’occasione per capire come funziona la macchina comunale con visite agli uffici, al cortile e alla terrazza affacciata sul mare

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Articoli correlati