Ottoni animati, un viaggio musicale lungo 10 anni

Si chiama “Ten years experience” il nuovo album della band nata da un’idea di Alessandro Mancuso e Alberto Anguzza

di Redazione

Un viaggio musicale che è il frutto di oltre dieci anni di esperienze, contaminazioni, incontri. Si chiama “Ten years experience” il nuovo album della band Ottoni animati, che viene presentato sabato 30 marzo alle 21, a Palermo, al Teatro tenda Franco Zappalà, con la partecipazione di Marcello Mazzarella.

Ne ha fatta di strada, questo gruppo nato nel 2008 da un’idea di Alessandro Mancuso e Alberto Anguzza. Con un progetto ambizioso: quello di riportare le sonorità e il coinvolgimento delle bande siciliane di nuovo in mezzo alla gente, di rivivere quei momenti di festa anche attraverso contaminazioni e sperimentazioni. Un mix che rimanda a musiche esplosive e coinvolgenti proprie di certe aree d’Europa, ma non solo, e che allo stesso tempo conserva una sua fortissima specificità: non potrebbe che essere nato in Sicilia.

“In questo nostro nuovo lavoro, abbiamo voluto ricreare un vero e proprio viaggio sonoro, in cui tanta influenza hanno avuto gli incontri artistici e umani che abbiamo fatto in questi dieci anni. Insomma – dice Alberto Anguzza, leader del gruppo – vogliamo condurre per mano chi ascolta, alla scoperta di un e proprio nuovo mondo ottoniano, che amalgama tradizione e avanguardia. In più, ci avvaliamo di collaborazioni con artisti nazionali”.

Il continuo lavoro di ricerca degli Ottoni animati ha dato i suoi frutti negli anni, attraverso collaborazioni con artisti del calibro di Vinicio Capossela e Nick the Nightfly e concerti in tutto il mondo: da Londra a Bilbao, da Sofia a Valencia fino ad arrivare negli States. Nel 2018, gli Ottoni sono stati scelti come band rappresentativa siciliana al Columbus Day di Chicago. Non sono mancate le partecipazioni in tv: da Linea Blu a Festa Italiana, passando anche per Italia’s got talent. Un talento, quello della band siciliana, già ben visibile nel primo cd, La marcia del Sud – uscito nel 2010 e prodotto da Nova Terra Srl – in cui la musica si fa globale e locale ed un tempo. Nel 2018, anno del loro decimo anniversario, gli Ottoni animati hanno dato avvio al tour “Street Life 2018”, con esibizioni in tutta Europa.

Si chiama “Ten years experience” il nuovo album della band nata da un’idea di Alessandro Mancuso e Alberto Anguzza

di Redazione

Un viaggio musicale che è il frutto di oltre dieci anni di esperienze, contaminazioni, incontri. Si chiama “Ten years experience” il nuovo album della band Ottoni animati, che viene presentato sabato 30 marzo alle 21, a Palermo, al Teatro tenda Franco Zappalà, con la partecipazione di Marcello Mazzarella.

Ne ha fatta di strada, questo gruppo nato nel 2008 da un’idea di Alessandro Mancuso e Alberto Anguzza. Con un progetto ambizioso: quello di riportare le sonorità e il coinvolgimento delle bande siciliane di nuovo in mezzo alla gente, di rivivere quei momenti di festa anche attraverso contaminazioni e sperimentazioni. Un mix che rimanda a musiche esplosive e coinvolgenti proprie di certe aree d’Europa, ma non solo, e che allo stesso tempo conserva una sua fortissima specificità: non potrebbe che essere nato in Sicilia.

“In questo nostro nuovo lavoro, abbiamo voluto ricreare un vero e proprio viaggio sonoro, in cui tanta influenza hanno avuto gli incontri artistici e umani che abbiamo fatto in questi dieci anni. Insomma – dice Alberto Anguzza, leader del gruppo – vogliamo condurre per mano chi ascolta, alla scoperta di un e proprio nuovo mondo ottoniano, che amalgama tradizione e avanguardia. In più, ci avvaliamo di collaborazioni con artisti nazionali”.

Il continuo lavoro di ricerca degli Ottoni animati ha dato i suoi frutti negli anni, attraverso collaborazioni con artisti del calibro di Vinicio Capossela e Nick the Nightfly e concerti in tutto il mondo: da Londra a Bilbao, da Sofia a Valencia fino ad arrivare negli States. Nel 2018, gli Ottoni sono stati scelti come band rappresentativa siciliana al Columbus Day di Chicago. Non sono mancate le partecipazioni in tv: da Linea Blu a Festa Italiana, passando anche per Italia’s got talent. Un talento, quello della band siciliana, già ben visibile nel primo cd, La marcia del Sud – uscito nel 2010 e prodotto da Nova Terra Srl – in cui la musica si fa globale e locale ed un tempo. Nel 2018, anno del loro decimo anniversario, gli Ottoni animati hanno dato avvio al tour “Street Life 2018”, con esibizioni in tutta Europa.

Hai letto questi articoli?

Al via il secondo Ecoforum di Legambiente Sicilia

Una giornata di confronto tra istituzioni, operatori economici ed esperti sulle proposte in campo e sulle soluzioni per la gestione sostenibile dei rifiuti

di Redazione

È tutto pronto per il secondo Ecoforum regionale sui rifiuti e l’economia circolare, organizzato da Legambiente Sicilia. Una giornata di confronto tra istituzioni, operatori economici ed esperti sulle proposte in campo e sulle soluzioni anche industriali per la gestione sostenibile dei rifiuti. L’appuntamento è nello Spazio Mediterraneo dei Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo, venerdì 29 marzo dalle 9,30 alle 13,30 e dalle 15 alle 18.

Tanti gli argomenti che saranno affrontati: dalla gestione industriale del ciclo virtuoso dei rifiuti in Sicilia, ai distretti dell’economia circolare; dalle novità in campo in Sicilia in tema di rifiuti, alla premiazione delle buone pratiche. Tanto spazio sarà dedicato alle criticità ambientali causate dall’abbandono della plastica e alla campagna “plastic free”. Al centro del dibattito la necessità della realizzazione di impianti a servizio della raccolta differenziata e il recupero e riuso delle materie prime seconde, ovvero quelle costituite da sfridi di lavorazione delle materie prime oppure da materiali derivati dal recupero e dal riciclaggio dei rifiuti.

Tra gli ospiti che parteciperanno alla giornata, saranno presenti il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci; l’assessore regionale all’Energia, Alberto Pierobon; l’assessore regionale al Territorio e Ambiente, Salvatore Cordaro; il dirigente generale del Dipartimento Rifiuti della Regione, Salvo Cocina; il componente della Commissione Ambiente all’Ars, Giampiero Trizzino, e il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. Presente, inoltre, il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani; il presidente di Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna, e il presidente regionale del Wwf Sicilia, Franco Andaloro.

L’Ecoforum, inoltre, sarà occasione di rilancio della campagna “Sicilia Munnizza Free” per continuare a coinvolgere tutti i soggetti (istituzionali, economici, sociali) con l’obiettivo, quanto ambizioso tanto necessario, di liberare la Sicilia dai rifiuti per un’economia circolare.

“Quando quasi un anno fa abbiamo iniziato a pensare alla Campagna Sicilia Munnizza Free, – fanno sapere da Legambiente Sicilia – l’80 per cento dei rifiuti veniva conferito in discarica ed erano solo qualche decina i comuni che avevano avviato la raccolta differenziata con percentuali superiori al 50 per cento, mentre del tutto assente era l’impiantistica a servizio della raccolta differenziata. La situazione da allora, purtroppo, non è molto cambiata. I rifiuti portati in discarica sono ancora troppi (oltre il 70 per cento), le grande città sono ancora il fanalino di coda nella raccolta differenziata, e non sono stati autorizzati nuovi impianti per il trattamento dell’organico. Eppure, con le nostre iniziative abbiamo dimostrato che i siciliani vogliono fare la differenziata e la sanno fare bene, che ci sono comuni e aziende che hanno messo in campo efficienti servizi di gestione della differenziata con sistemi innovativi e puntuali, che anche in Sicilia si possono realizzare impianti per il recupero e riciclo della frazione organica da trasformare in compost di qualità”.

Una giornata di confronto tra istituzioni, operatori economici ed esperti sulle proposte in campo e sulle soluzioni per la gestione sostenibile dei rifiuti

di Redazione

È tutto pronto per il secondo Ecoforum regionale sui rifiuti e l’economia circolare, organizzato da Legambiente Sicilia. Una giornata di confronto tra istituzioni, operatori economici ed esperti sulle proposte in campo e sulle soluzioni anche industriali per la gestione sostenibile dei rifiuti. L’appuntamento è nello Spazio Mediterraneo dei Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo, venerdì 29 marzo dalle 9,30 alle 13,30 e dalle 15 alle 18.

Tanti gli argomenti che saranno affrontati: dalla gestione industriale del ciclo virtuoso dei rifiuti in Sicilia, ai distretti dell’economia circolare; dalle novità in campo in Sicilia in tema di rifiuti, alla premiazione delle buone pratiche. Tanto spazio sarà dedicato alle criticità ambientali causate dall’abbandono della plastica e alla campagna “plastic free”. Al centro del dibattito la necessità della realizzazione di impianti a servizio della raccolta differenziata e il recupero e riuso delle materie prime seconde, ovvero quelle costituite da sfridi di lavorazione delle materie prime oppure da materiali derivati dal recupero e dal riciclaggio dei rifiuti.

Tra gli ospiti che parteciperanno alla giornata, saranno presenti il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci; l’assessore regionale all’Energia, Alberto Pierobon; l’assessore regionale al Territorio e Ambiente, Salvatore Cordaro; il dirigente generale del Dipartimento Rifiuti della Regione, Salvo Cocina; il componente della Commissione Ambiente all’Ars, Giampiero Trizzino, e il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. Presente, inoltre, il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani; il presidente di Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna, e il presidente regionale del Wwf Sicilia, Franco Andaloro.

L’Ecoforum, inoltre, sarà occasione di rilancio della campagna “Sicilia Munnizza Free” per continuare a coinvolgere tutti i soggetti (istituzionali, economici, sociali) con l’obiettivo, quanto ambizioso tanto necessario, di liberare la Sicilia dai rifiuti per un’economia circolare.

“Quando quasi un anno fa abbiamo iniziato a pensare alla Campagna Sicilia Munnizza Free, – fanno sapere da Legambiente Sicilia – l’80 per cento dei rifiuti veniva conferito in discarica ed erano solo qualche decina i comuni che avevano avviato la raccolta differenziata con percentuali superiori al 50 per cento, mentre del tutto assente era l’impiantistica a servizio della raccolta differenziata. La situazione da allora, purtroppo, non è molto cambiata. I rifiuti portati in discarica sono ancora troppi (oltre il 70 per cento), le grande città sono ancora il fanalino di coda nella raccolta differenziata, e non sono stati autorizzati nuovi impianti per il trattamento dell’organico. Eppure, con le nostre iniziative abbiamo dimostrato che i siciliani vogliono fare la differenziata e la sanno fare bene, che ci sono comuni e aziende che hanno messo in campo efficienti servizi di gestione della differenziata con sistemi innovativi e puntuali, che anche in Sicilia si possono realizzare impianti per il recupero e riciclo della frazione organica da trasformare in compost di qualità”.

Hai letto questi articoli?

Viaggio nella Sicilia dell’incompiuto con Andrea Masu

Prosegue “Sguardi di luce”, rassegna dedicata ai grandi temi e maestri dell’architettura. Il secondo incontro prevede la visione di alcune opere del collettivo Alterazioni video

di Redazione

Un viaggio tra l’architettura dell’incompiuto in Sicilia. È il secondo appuntamento della rassegna “Sguardi di luce”, curata da Chiara Andrich, Andrea Mura con il coordinamento di Monica Cosenza, un progetto di Sole Luna Doc Film Festival per la Fondazione Sicilia. Dopo il primo incontro dedicato all’architetto canadese Frank Gehry, nella Sala 99 di Palazzo Branciforte, a Palermo, giovedì 28 marzo, alle 20,30, si svolgerà “Incompiuto”, con la partecipazione dell’artista Andrea Masu, del collettivo Alterazioni video. La serata è interamente dedicate alle tante opere incompiute sparse per la Sicilia, raccontate attraverso quattro video.

Si comincia con “Intervallo”, viaggio nel paesaggio siciliano alla scoperta delle bellezze architettoniche dell’incompiuto; poi tocca a “An invitation for a dream”, le “rovine contemporanee” in un dialogo tra Marc Augé e Robert Storr; e ancora “Troppo amore”, una soap opera psichedelica ambientata nel “Parco dell’incompiuto siciliano” di Giarre; per finire con “Unfinished Italy”.

Masu e il collettivo Alterazioni Video, notato anche da New York Times, hanno attraversato l’Italia, documentando quasi mille opere iniziate e mai portate a termine. Si tratta spesso di costruzioni edificate nel secondo dopoguerra, quando il governo italiano voleva sviluppare opere pubbliche per risvegliare l’economia locale. Le iniezioni di capitali, statali ed europei, hanno provocato un boom di infrastrutture che non sono mai state completate. Quasi un migliaio di opere in tutta Italia, finanziate con soldi pubblici e rimaste interrotte per i più svariati motivi (errori progettuali, bancarotta, valutazioni economiche inaccurate, drenaggio di fondi) ma che oggi rappresentano un patrimonio culturale e artistico utile a una comprensione più ampia dei rapporti tra il territorio e coloro che lo abitano.

Prosegue “Sguardi di luce”, rassegna dedicata ai grandi temi e maestri dell’architettura. Il secondo incontro prevede la visione di alcune opere del collettivo Alterazioni video

di Redazione

Un viaggio tra l’architettura dell’incompiuto in Sicilia. È il secondo appuntamento della rassegna “Sguardi di luce”, curata da Chiara Andrich, Andrea Mura con il coordinamento di Monica Cosenza, un progetto di Sole Luna Doc Film Festival per la Fondazione Sicilia. Dopo il primo incontro dedicato all’architetto canadese Frank Gehry, nella Sala 99 di Palazzo Branciforte, a Palermo, giovedì 28 marzo, alle 20,30, si svolgerà “Incompiuto”, con la partecipazione dell’artista Andrea Masu, del collettivo Alterazioni video. La serata è interamente dedicate alle tante opere incompiute sparse per la Sicilia, raccontate attraverso quattro video.

Si comincia con “Intervallo”, viaggio nel paesaggio siciliano alla scoperta delle bellezze architettoniche dell’incompiuto; poi tocca a “An invitation for a dream”, le “rovine contemporanee” in un dialogo tra Marc Augé e Robert Storr; e ancora “Troppo amore”, una soap opera psichedelica ambientata nel “Parco dell’incompiuto siciliano” di Giarre; per finire con “Unfinished Italy”.

Masu e il collettivo Alterazioni Video, notato anche da New York Times, hanno attraversato l’Italia, documentando quasi mille opere iniziate e mai portate a termine. Si tratta spesso di costruzioni edificate nel secondo dopoguerra, quando il governo italiano voleva sviluppare opere pubbliche per risvegliare l’economia locale. Le iniezioni di capitali, statali ed europei, hanno provocato un boom di infrastrutture che non sono mai state completate. Quasi un migliaio di opere in tutta Italia, finanziate con soldi pubblici e rimaste interrotte per i più svariati motivi (errori progettuali, bancarotta, valutazioni economiche inaccurate, drenaggio di fondi) ma che oggi rappresentano un patrimonio culturale e artistico utile a una comprensione più ampia dei rapporti tra il territorio e coloro che lo abitano.

Hai letto questi articoli?

Un progetto per la rinascita del centro storico di Salemi

L’amministrazione comunale ha firmato a Torino un accordo con il Politecnico e il Wish che punta al recupero di alcuni antichi quartieri

di Redazione

Prende corpo l’iniziativa di recupero di una parte del centro storico di Salemi, portata avanti dall’amministrazione comunale. Nei giorni scorsi il sindaco, Domenico Venuti, e l’assessore al Centro storico, Vito Scalisi, sono volati a Torino per la firma dell’accordo di collaborazione stipulato tra il Comune della cittadina trapanese, il Politecnico universitario e il Wish (World international sicilian heritage) che punta al recupero e alla riqualificazione dell’area di ‘Piano Cascio’ e di una parte del quartiere Misericordia: azioni che avverranno “nel rispetto delle linee guida del centro storico e dell’identità architettonica e storica di Salemi”. L’accordo, siglato a Torino dal direttore del dipartimento di Architettura e design del Politecnico Paolo Mellano e dal presidente di Wish Chiara Donà dalle Rose, rappresenta il secondo passo dopo l’intesa di massima firmata a Salemi nel dicembre scorso.

“Procediamo in maniera spedita verso la realizzazione di una idea che cambia l’impostazione della ricostruzione post-terremoto – afferma Venuti -. Per troppo tempo ci si è lasciati andare a una logica fatta di sterili rivendicazioni nei confronti delle risorse pubbliche, ma ora da Salemi parte un messaggio diverso: una sinergia tra il Comune e realtà affermate nel campo del recupero urbanistico con basi solide, date dalla serietà di tutti gli attori e dall’alta specializzazione di una Università con cui siamo felici di collaborare – aggiunge il sindaco di Salemi -. Andiamo avanti in un percorso fatto di piccoli ma decisi passi in avanti verso un’idea diversa di rilancio della città”.

Chiara Donà delle Rose, Paolo Mellano e Domenico Venuti

Le aree oggetto dell’accordo verranno quindi studiate con cura e attenzione dagli studenti del Politecnico, alcuni dei quali sono già stati in città per un workshop di sei giorni denominato ‘Architettura Salemi Entanglement’, che elaboreranno singoli progetti di recupero degli immobili: documenti che dovranno comunque superare il vaglio del consiglio comunale secondo le normali procedure e che, dopo l’ok, saranno attuati grazie all’attività di fundraising volta a ottenere risorse coinvolgendo istituti di finanziamento e singoli privati interessati alla riqualificazione e al rilancio del centro storico di Salemi. “L’accordo con il Comune di Salemi per il recupero di alcune aree distrutte dal terremoto rappresenta un modo per trasferire le conoscenze dell’Università al territorio, dando valore aggiunto alla comunità scientifica e alla società – evidenzia Mellano -. Oggi è necessario lavorare sul patrimonio esistente recuperando l’identità culturale delle nostre città”.

L’accordo prevede la concessione a titolo gratuito delle aree di proprietà comunale al Politecnico per una durata di dieci anni: questi si impegna “a recuperare e utilizzare” i beni concessi per attività culturali, formative e turistiche “senza fine di lucro” e rivolte al territorio di Salemi. Alla scadenza della concessione, rinnovabile per ulteriori dieci anni, il Comune rientrerà in pieno possesso degli immobili in buono stato di manutenzione. “Abbiamo creduto tanto in un accordo che rappresenta una grande chance – sottolinea Scalisi -. La collaborazione con il Politecnico e Wish guarda alla possibilità che l’esperienza di Salemi diventi una realtà di studio e confronto a livello accademico internazionale”.

Gli studenti del Politecnico di Torino, guidati da Roberto Dini e da altri sei docenti, torneranno a Salemi a fine marzo per una prima fase di studio dell’iniziativa. Soddisfatta anche Donà dalle Rose: “Per Salemi desidero che si sviluppi un luogo di ricerca e di altissima professionalità – afferma -, dove università e sostenitori possano trovare un terreno fertile e una occasione di vera riqualificazione del territorio”.

L’amministrazione comunale ha firmato a Torino un accordo con il Politecnico e il Wish che punta al recupero di alcuni antichi quartieri

di Redazione

Prende corpo l’iniziativa di recupero di una parte del centro storico di Salemi, portata avanti dall’amministrazione comunale. Nei giorni scorsi il sindaco, Domenico Venuti, e l’assessore al Centro storico, Vito Scalisi, sono volati a Torino per la firma dell’accordo di collaborazione stipulato tra il Comune della cittadina trapanese, il Politecnico universitario e il Wish (World international sicilian heritage) che punta al recupero e alla riqualificazione dell’area di ‘Piano Cascio’ e di una parte del quartiere Misericordia: azioni che avverranno “nel rispetto delle linee guida del centro storico e dell’identità architettonica e storica di Salemi”. L’accordo, siglato a Torino dal direttore del dipartimento di Architettura e design del Politecnico Paolo Mellano e dal presidente di Wish Chiara Donà dalle Rose, rappresenta il secondo passo dopo l’intesa di massima firmata a Salemi nel dicembre scorso.

“Procediamo in maniera spedita verso la realizzazione di una idea che cambia l’impostazione della ricostruzione post-terremoto – afferma Venuti -. Per troppo tempo ci si è lasciati andare a una logica fatta di sterili rivendicazioni nei confronti delle risorse pubbliche, ma ora da Salemi parte un messaggio diverso: una sinergia tra il Comune e realtà affermate nel campo del recupero urbanistico con basi solide, date dalla serietà di tutti gli attori e dall’alta specializzazione di una Università con cui siamo felici di collaborare – aggiunge il sindaco di Salemi -. Andiamo avanti in un percorso fatto di piccoli ma decisi passi in avanti verso un’idea diversa di rilancio della città”.

Chiara Donà delle Rose, Paolo Mellano e Domenico Venuti

Le aree oggetto dell’accordo verranno quindi studiate con cura e attenzione dagli studenti del Politecnico, alcuni dei quali sono già stati in città per un workshop di sei giorni denominato ‘Architettura Salemi Entanglement’, che elaboreranno singoli progetti di recupero degli immobili: documenti che dovranno comunque superare il vaglio del consiglio comunale secondo le normali procedure e che, dopo l’ok, saranno attuati grazie all’attività di fundraising volta a ottenere risorse coinvolgendo istituti di finanziamento e singoli privati interessati alla riqualificazione e al rilancio del centro storico di Salemi. “L’accordo con il Comune di Salemi per il recupero di alcune aree distrutte dal terremoto rappresenta un modo per trasferire le conoscenze dell’Università al territorio, dando valore aggiunto alla comunità scientifica e alla società – evidenzia Mellano -. Oggi è necessario lavorare sul patrimonio esistente recuperando l’identità culturale delle nostre città”.

L’accordo prevede la concessione a titolo gratuito delle aree di proprietà comunale al Politecnico per una durata di dieci anni: questi si impegna “a recuperare e utilizzare” i beni concessi per attività culturali, formative e turistiche “senza fine di lucro” e rivolte al territorio di Salemi. Alla scadenza della concessione, rinnovabile per ulteriori dieci anni, il Comune rientrerà in pieno possesso degli immobili in buono stato di manutenzione. “Abbiamo creduto tanto in un accordo che rappresenta una grande chance – sottolinea Scalisi -. La collaborazione con il Politecnico e Wish guarda alla possibilità che l’esperienza di Salemi diventi una realtà di studio e confronto a livello accademico internazionale”.

Gli studenti del Politecnico di Torino, guidati da Roberto Dini e da altri sei docenti, torneranno a Salemi a fine marzo per una prima fase di studio dell’iniziativa. Soddisfatta anche Donà dalle Rose: “Per Salemi desidero che si sviluppi un luogo di ricerca e di altissima professionalità – afferma -, dove università e sostenitori possano trovare un terreno fertile e una occasione di vera riqualificazione del territorio”.

Hai letto questi articoli?

“Antropologia della memoria”, a tu per tu con Carlo Severi

Lo studioso sarà a Palermo in occasione di un ciclo di incontri organizzati dal Museo delle Marionette Antonio Pasqualino

di Redazione

L’antropologo Carlo Severi, noto per i suoi studi sull’immagine e sulla memoria sociale, sarà a Palermo, dal 25 al 27 marzo per il ciclo di incontri “Antropologia della memoria”. Tre giorni, organizzati dal Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino, che vedono protagonista lo studioso, “directeur d’études” presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi.

Si comincia lunedì 25, alle 11, all’Accademia di Belle Arti, con una masterclass dal titolo “Rito, memoria, immagine”, mentre alle 17,30, al Museo Pasqualino, si terrà la presentazione del libro “L’oggetto-persona. Rito memoria immagine”, con la partecipazione di Ignazio Buttitta, Michele Cometa e Rosario Perricone. Martedì 26, alle 16, sarà la volta della “lectio magistralis” di Severi dal titolo “La vita degli oggetti. Itinerario di una ricerca”, che si svolgerà nell’aula multimediale del Dipartimento di Culture e Società dell’Università di Palermo. Infine, mercoledì 27 alle 17,30, la Sala Kounellis di Palazzo Riso ospiterà la presentazione del libro di Rosario Perricone “Oralità dell’immagine”, a cui parteciperanno Carlo Severi e Michele Cometa.

Tra gli eventi correlati, l’incontro con Gabriella Airenti sulle basi cognitive dell’antropomorfismo che si terrà mercoledì 27 marzo alle 10 alla Scuola delle Scienze umane dell’Università degli studi di Palermo. Gli incontri, ideati da Rosario Perricone, sono organizzati dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari, in collaborazione con il Dipartimento di Culture e Società e i dottorati in Scienze umane e in Studi del patrimonio culturale dell’Università di Palermo; il Dipartimento di comunicazione e Didattica dell’arte dell’Accademia di Belle Arti di Palermo e la Fondazione Ignazio Buttitta.

“Ciascuno di noi ha esperienza di una parola virtualmente rivolta ad oggetti inanimati, – si legge nella nota di presentazione degli incontri – ai quali attribuiamo, quasi senza volerlo, una personalità umana. Ma esistono relazioni umane con gli oggetti meno superficiali: è durante le azioni rituali che gli oggetti assumono, in modo più stabile, un certo numero di funzioni proprie degli esseri viventi. Nello spazio del rituale, sotto forma di statuette, immagini dipinte o di feticci, gli oggetti sono naturalmente tenuti a rappresentare degli esseri (spiriti, divinità, antenati) costruiti a immagine umana. Ma quando l’oggetto agisce, o prende la parola, non rappresenta più un essere soprannaturale, lo rimpiazza. Ne restituisce la presenza. Per comprendere la parola rituale bisogna dunque pensare lo statuto della rappresentazione iconica non più a partire dai suoi aspetti formali, ma attraverso l’analisi del suo contesto d’uso. Ed è necessario considerare anche quali trasformazioni l’atto verbale subisce, nelle premesse e negli effetti, quando è attribuito a un artefatto”.

Lo studioso sarà a Palermo in occasione di un ciclo di incontri organizzati dal Museo delle Marionette Antonio Pasqualino

di Redazione

L’antropologo Carlo Severi, noto per i suoi studi sull’immagine e sulla memoria sociale, sarà a Palermo, dal 25 al 27 marzo per il ciclo di incontri “Antropologia della memoria”. Tre giorni, organizzati dal Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino, che vedono protagonista lo studioso, “directeur d’études” presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi.

Si comincia lunedì 25, alle 11, all’Accademia di Belle Arti, con una masterclass dal titolo “Rito, memoria, immagine”, mentre alle 17,30, al Museo Pasqualino, si terrà la presentazione del libro “L’oggetto-persona. Rito memoria immagine”, con la partecipazione di Ignazio Buttitta, Michele Cometa e Rosario Perricone. Martedì 26, alle 16, sarà la volta della “lectio magistralis” di Severi dal titolo “La vita degli oggetti. Itinerario di una ricerca”, che si svolgerà nell’aula multimediale del Dipartimento di Culture e Società dell’Università di Palermo. Infine, mercoledì 27 alle 17,30, la Sala Kounellis di Palazzo Riso ospiterà la presentazione del libro di Rosario Perricone “Oralità dell’immagine”, a cui parteciperanno Carlo Severi e Michele Cometa.

Tra gli eventi correlati, l’incontro con Gabriella Airenti sulle basi cognitive dell’antropomorfismo che si terrà mercoledì 27 marzo alle 10 alla Scuola delle Scienze umane dell’Università degli studi di Palermo. Gli incontri, ideati da Rosario Perricone, sono organizzati dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari, in collaborazione con il Dipartimento di Culture e Società e i dottorati in Scienze umane e in Studi del patrimonio culturale dell’Università di Palermo; il Dipartimento di comunicazione e Didattica dell’arte dell’Accademia di Belle Arti di Palermo e la Fondazione Ignazio Buttitta.

“Ciascuno di noi ha esperienza di una parola virtualmente rivolta ad oggetti inanimati, – si legge nella nota di presentazione degli incontri – ai quali attribuiamo, quasi senza volerlo, una personalità umana. Ma esistono relazioni umane con gli oggetti meno superficiali: è durante le azioni rituali che gli oggetti assumono, in modo più stabile, un certo numero di funzioni proprie degli esseri viventi. Nello spazio del rituale, sotto forma di statuette, immagini dipinte o di feticci, gli oggetti sono naturalmente tenuti a rappresentare degli esseri (spiriti, divinità, antenati) costruiti a immagine umana. Ma quando l’oggetto agisce, o prende la parola, non rappresenta più un essere soprannaturale, lo rimpiazza. Ne restituisce la presenza. Per comprendere la parola rituale bisogna dunque pensare lo statuto della rappresentazione iconica non più a partire dai suoi aspetti formali, ma attraverso l’analisi del suo contesto d’uso. Ed è necessario considerare anche quali trasformazioni l’atto verbale subisce, nelle premesse e negli effetti, quando è attribuito a un artefatto”.

Hai letto questi articoli?

La storia del tenente Onorato rivive con la realtà virtuale

Il film “L’ultima Casetta Rossa”, realizzato da Laura Schimmenti, va visto attraverso speciali visori che danno allo spettatore la sensazione di trovarsi all’interno della pellicola

di Redazione

Una storia d’amore e attesa sullo sfondo della Seconda guerra mondiale. È il racconto del film “L’ultima Casetta Rossa”, realizzato da Laura Schimmenti e dedicato al nonno, il tenente della divisione Acqui, Carmelo Onorato, medaglia d’oro al valor militare, fucilato a Cefalonia il 24 settembre 1943. Il film, presentato questa mattina nello spazio Cre.Zi Plus ai Cantieri Culturali della Zisa, è interamente girato con la tecnica della realtà immersiva a 360 gradi e va visto attraverso speciali visori che danno allo spettatore la sensazione di trovarsi all’interno dell’opera.

Una scena del film

Il progetto prende spunto dal ritrovamento familiare dei diari e degli album fotografici, relativi agli anni di permanenza in Grecia di Carmelo Onorato. Lo stile letterario e poetico dei suoi scritti, evoca la storia di quei drammatici giorni e aiuta a ricostruire la vita dei soldati italiani nelle isole greche del Peloponneso dal 1940 al 1943. È la storia di un giovane ufficiale siciliano che si trova al fronte a Cefalonia, in Grecia, l’8 settembre 1943, nel momento in cui l’Italia firma l’armistizio e i soldati italiani della Divisione Acqui decidono di resistere all’ex alleato tedesco. Netty Bravo, la giovane moglie di Carmelo, rimasta a Palermo con la piccola Ina, aspetta la fine della guerra per rivedere il marito. Carmelo va incontro al suo tragico destino mentre Netty, con accorate lettere, cerca disperatamente notizie sulla sua sorte. Saranno, poi, i commilitoni di Carmelo, i sopravvissuti di Cefalonia, a raccontare, attraverso intense e struggenti lettere, i suoi ultimi giorni di vita.

Una scena del film

Il film, presentato al 21esimo Thessaloniki Documentary Festival in concorso nella sezione Virtual Reality, è prodotto da Playmaker ed è stato realizzato con il sostegno finanziario della Sicilia Film Commission della Regione Siciliana, nell’ambito del programma Sensi Contemporanei e con il patrocinio gratuito del Comune di Palermo. In scena un cast di attori siciliani: Claudio Collovà, Simona Malato, Marika Pugliatti, Enzo Vetrano e Stefano Randisi, Paolo La Bruna, Sandro Dieli e Giuseppe Massa. “L’Ultima Casetta Rossa” è stato interamente girato in Sicilia, con riprese al Cretto di Burri a Gibellina, Poggioreale, Montecofano, Borgo Schirò, e gli interni ai Cantieri culturali alla Zisa. Al Cre.Zi Plus, inoltre, sarà fruibile al pubblico anche un’installazione allestita in uno spazio fisico a 360 gradi, all’interno del quale si potranno ascoltare estratti audio del film e visionare le foto scattate da Carmelo Onorato durante la permanenza in Grecia.

All’interno del Cre.Zi Plus, inoltre, sarà fruibile al pubblico anche un’installazione allestita in uno spazio fisico a 360 gradi, all’interno del quale si potranno ascoltare estratti audio del film e visionare le foto scattate da Carmelo Onorato durante la permanenza in Grecia.

Giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 marzo in orario pomeridiano (proiezioni con prenotazione alle 16, 17 e 18) sarà possibile vedere il film all’interno della prima Virtual Room cittadina appositamente allestita presso Cre.zi. Plus. La prenotazione, obbligatoria per riservare i visori Vr, si può effettuare mandando una email con il proprio nominativo e l’orario di interesse all’indirizzo: 360playmaker@gmail.com.

Il film “L’ultima Casetta Rossa”, realizzato da Laura Schimmenti, va visto attraverso speciali visori che danno allo spettatore la sensazione di trovarsi all’interno della pellicola

di Redazione

Una storia d’amore e attesa sullo sfondo della Seconda guerra mondiale. È il racconto del film “L’ultima Casetta Rossa”, realizzato da Laura Schimmenti e dedicato al nonno, il tenente della divisione Acqui, Carmelo Onorato, medaglia d’oro al valor militare, fucilato a Cefalonia il 24 settembre 1943. Il film, presentato questa mattina nello spazio Cre.Zi Plus ai Cantieri Culturali della Zisa, è interamente girato con la tecnica della realtà immersiva a 360 gradi e va visto attraverso speciali visori che danno allo spettatore la sensazione di trovarsi all’interno dell’opera.

Una scena del film

Il progetto prende spunto dal ritrovamento familiare dei diari e degli album fotografici, relativi agli anni di permanenza in Grecia di Carmelo Onorato. Lo stile letterario e poetico dei suoi scritti, evoca la storia di quei drammatici giorni e aiuta a ricostruire la vita dei soldati italiani nelle isole greche del Peloponneso dal 1940 al 1943. È la storia di un giovane ufficiale siciliano che si trova al fronte a Cefalonia, in Grecia, l’8 settembre 1943, nel momento in cui l’Italia firma l’armistizio e i soldati italiani della Divisione Acqui decidono di resistere all’ex alleato tedesco. Netty Bravo, la giovane moglie di Carmelo, rimasta a Palermo con la piccola Ina, aspetta la fine della guerra per rivedere il marito. Carmelo va incontro al suo tragico destino mentre Netty, con accorate lettere, cerca disperatamente notizie sulla sua sorte. Saranno, poi, i commilitoni di Carmelo, i sopravvissuti di Cefalonia, a raccontare, attraverso intense e struggenti lettere, i suoi ultimi giorni di vita.

Una scena del film

Il film, presentato al 21esimo Thessaloniki Documentary Festival in concorso nella sezione Virtual Reality, è prodotto da Playmaker ed è stato realizzato con il sostegno finanziario della Sicilia Film Commission della Regione Siciliana, nell’ambito del programma Sensi Contemporanei e con il patrocinio gratuito del Comune di Palermo. In scena un cast di attori siciliani: Claudio Collovà, Simona Malato, Marika Pugliatti, Enzo Vetrano e Stefano Randisi, Paolo La Bruna, Sandro Dieli e Giuseppe Massa. “L’Ultima Casetta Rossa” è stato interamente girato in Sicilia, con riprese al Cretto di Burri a Gibellina, Poggioreale, Montecofano, Borgo Schirò, e gli interni ai Cantieri culturali alla Zisa. Al Cre.Zi Plus, inoltre, sarà fruibile al pubblico anche un’installazione allestita in uno spazio fisico a 360 gradi, all’interno del quale si potranno ascoltare estratti audio del film e visionare le foto scattate da Carmelo Onorato durante la permanenza in Grecia.

All’interno del Cre.Zi Plus, inoltre, sarà fruibile al pubblico anche un’installazione allestita in uno spazio fisico a 360 gradi, all’interno del quale si potranno ascoltare estratti audio del film e visionare le foto scattate da Carmelo Onorato durante la permanenza in Grecia.

Giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 marzo in orario pomeridiano (proiezioni con prenotazione alle 16, 17 e 18) sarà possibile vedere il film all’interno della prima Virtual Room cittadina appositamente allestita presso Cre.zi. Plus. La prenotazione, obbligatoria per riservare i visori Vr, si può effettuare mandando una email con il proprio nominativo e l’orario di interesse all’indirizzo: 360playmaker@gmail.com.

Hai letto questi articoli?

Arte al femminile in mostra a Palazzo Ziino

Rita Casdia, Mirela Morreale, Francesca Polizzi e Linda Randazzo, giovani artiste che si sono formate all’Accademia di Belle Arti di Palermo, esporranno le loro opere

di Redazione

Quando la narrativa incontra la pittura. Una riflessione tratta dalle pagine della scrittrice inglese di metà Ottocento Emily Brontë presa a prestito per rintracciare quel filo emotivo, esistenziale ed estetico che attraversa e congiunge il lavoro di quattro artiste. Giovani donne di età differenti che si sono formate all’Accademia di Belle Arti di Palermo e che da giovedì 21 marzo (inaugurazione alle 17.30) esporranno sino al 17 maggio a Palazzo Ziino. Sono Rita Casdia, Mirela Morreale, Francesca Polizzi e Linda Randazzo.

Mirela Morreale, Surgery

“Solo gli inquieti sanno com’è difficile sopravvivere alla tempesta e non potere vivere senza” è il titolo della mostra curata da Alessandro Bazan e Gianna Di Piazza. Stimolando un confronto sui complessi risvolti del desiderio e dell’inquietudine, le opere delle quattro artiste restituiscono uno spaccato generazionale femminile volto ad indagare una profondità condivisa di territori carnali, viscerali, onirici, entro cui la riflessione sull’arte assume la struggente forza di una sfida irresistibile.

Rita Casdia, Skin Life

Costruito su una polifonia di linguaggi, il progetto si struttura intorno ad elementi narrativi tesi ad esplorare la radice dell’essere e la sua trasformazione nell’indicibile, invitandoci ad accogliere con empatia il sentire di quel desiderio che è schiavo della sua stessa irrequietudine. Il progetto espositivo è il nono appuntamento del programma triennale “Visual Startup – Progetti del contemporaneo / Contemporary Projects”, il programma di direzione artistica di Palazzo Ziino che il Comune di Palermo ha affidato all’Accademia di Belle Arti per promuovere la scena artistica giovanile con l’idea di trasformare uno dei più importanti spazi espositivi cittadini in un luogo di sperimentazione dedicato alle arti contemporanee a partire dalla vitalità ideativa e dall’energia progettuale dei più giovani.

Ingresso gratuito dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 18.30.

Rita Casdia, Mirela Morreale, Francesca Polizzi e Linda Randazzo, giovani artiste che si sono formate all’Accademia di Belle Arti di Palermo, esporranno le loro opere

di Redazione

Quando la narrativa incontra la pittura. Una riflessione tratta dalle pagine della scrittrice inglese di metà Ottocento Emily Brontë presa a prestito per rintracciare quel filo emotivo, esistenziale ed estetico che attraversa e congiunge il lavoro di quattro artiste. Giovani donne di età differenti che si sono formate all’Accademia di Belle Arti di Palermo e che da giovedì 21 marzo (inaugurazione alle 17.30) esporranno sino al 17 maggio a Palazzo Ziino. Sono Rita Casdia, Mirela Morreale, Francesca Polizzi e Linda Randazzo.

Mirela Morreale, Surgery

“Solo gli inquieti sanno com’è difficile sopravvivere alla tempesta e non potere vivere senza” è il titolo della mostra curata da Alessandro Bazan e Gianna Di Piazza. Stimolando un confronto sui complessi risvolti del desiderio e dell’inquietudine, le opere delle quattro artiste restituiscono uno spaccato generazionale femminile volto ad indagare una profondità condivisa di territori carnali, viscerali, onirici, entro cui la riflessione sull’arte assume la struggente forza di una sfida irresistibile.

Rita Casdia, Skin Life

Costruito su una polifonia di linguaggi, il progetto si struttura intorno ad elementi narrativi tesi ad esplorare la radice dell’essere e la sua trasformazione nell’indicibile, invitandoci ad accogliere con empatia il sentire di quel desiderio che è schiavo della sua stessa irrequietudine. Il progetto espositivo è il nono appuntamento del programma triennale “Visual Startup – Progetti del contemporaneo / Contemporary Projects”, il programma di direzione artistica di Palazzo Ziino che il Comune di Palermo ha affidato all’Accademia di Belle Arti per promuovere la scena artistica giovanile con l’idea di trasformare uno dei più importanti spazi espositivi cittadini in un luogo di sperimentazione dedicato alle arti contemporanee a partire dalla vitalità ideativa e dall’energia progettuale dei più giovani.

Ingresso gratuito dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 18.30.

Hai letto questi articoli?

Torna al Teatro Biondo la magia di “Slava’s Snowshow”

In scena il clown russo che ha saputo rinnovare la tradizione circense, arricchendola con invenzioni teatrali inedite

di Redazione

Torna al Teatro Biondo di Palermo, dal 20 al 31 marzo, uno degli spettacoli più amati dal pubblico di tutte le età: “Slava’s Snowshow”, considerato considerato – secondo il “Times” –  “un classico del teatro del XX secolo”, visto in decine di paesi, centinaia di città, migliaia di volte da milioni di spettatori. Il suo geniale inventore, Slava Polunin, è considerato “il miglior clown del mondo”, un clown che ha saputo rinnovare la tradizione arricchendola con invenzioni teatrali sorprendenti.

Ispirandosi alla raffinata filosofia della pantomima di Marcel Marceau e all’umana e comica amarezza dei grandi film di Charlie Chaplin, Slava ha creato il suo personale clown, meditabondo, gentile e poetico. “Slava’s Snowshow” è uno spettacolo emozionante, poetico, coinvolgente, che riesce a incantare gli spettatori di qualsiasi età: dai bambini (consigliato a partire dagli 8 anni) ai genitori, che ritornano anch’essi un po’ bambini lasciandosi trasportare dalla magia dei colori, delle musiche e delle invenzioni sceniche, fino all’attesissimo finale che diventa una grande festa per tutti, con i palloni variopinti che rimbalzano tra il palcoscenico e la platea, in un gioco che coinvolge i clown e il pubblico.

Lo stesso Slava definisce il suo show “un teatro rituale magico e festoso costruito sulla base delle immagini e dei movimenti, sui giochi e sulle fantasie, che sono le creazioni comuni al pubblico e alla gente di teatro; un teatro che nasce dai sogni e dalle fiabe, che crea un’unione epica e intimistica tra tragedia e commedia, assurdità e spontaneità, crudeltà e tenerezza; un teatro che sfugge a qualsiasi definizione, all’interpretazione univoca delle sue azioni e da qualsiasi tentativo di limitazione della sua libertà”.

In scena il clown russo che ha saputo rinnovare la tradizione circense, arricchendola con invenzioni teatrali inedite

di Redazione

Torna al Teatro Biondo di Palermo, dal 20 al 31 marzo, uno degli spettacoli più amati dal pubblico di tutte le età: “Slava’s Snowshow”, considerato considerato – secondo il “Times” –  “un classico del teatro del XX secolo”, visto in decine di paesi, centinaia di città, migliaia di volte da milioni di spettatori. Il suo geniale inventore, Slava Polunin, è considerato “il miglior clown del mondo”, un clown che ha saputo rinnovare la tradizione arricchendola con invenzioni teatrali sorprendenti.

Ispirandosi alla raffinata filosofia della pantomima di Marcel Marceau e all’umana e comica amarezza dei grandi film di Charlie Chaplin, Slava ha creato il suo personale clown, meditabondo, gentile e poetico. “Slava’s Snowshow” è uno spettacolo emozionante, poetico, coinvolgente, che riesce a incantare gli spettatori di qualsiasi età: dai bambini (consigliato a partire dagli 8 anni) ai genitori, che ritornano anch’essi un po’ bambini lasciandosi trasportare dalla magia dei colori, delle musiche e delle invenzioni sceniche, fino all’attesissimo finale che diventa una grande festa per tutti, con i palloni variopinti che rimbalzano tra il palcoscenico e la platea, in un gioco che coinvolge i clown e il pubblico.

Lo stesso Slava definisce il suo show “un teatro rituale magico e festoso costruito sulla base delle immagini e dei movimenti, sui giochi e sulle fantasie, che sono le creazioni comuni al pubblico e alla gente di teatro; un teatro che nasce dai sogni e dalle fiabe, che crea un’unione epica e intimistica tra tragedia e commedia, assurdità e spontaneità, crudeltà e tenerezza; un teatro che sfugge a qualsiasi definizione, all’interpretazione univoca delle sue azioni e da qualsiasi tentativo di limitazione della sua libertà”.

Hai letto questi articoli?

La giunta approva le ultime proposte di Tusa

Ricordato l’assessore in aula. Al via finanziamenti per il risanamento di alcuni edifici, dal Castello di Maredolce al Duomo di Monreale e due disegni di legge

di Redazione

La Regione ricorda Sebastiano Tusa. La giunta si è riunita oggi a Palazzo d’Orleans per la prima volta dopo la tragica scomparsa dell’assessore regionale ai Beni culturali, avvenuta nell’incidente aereo di domenica scorsa in Etiopia. In apertura della seduta – presieduta dal vicepresidente Gaetano Armao, vista l’assenza del presidente Nello Musumeci, ancora convalescente dopo un piccolo intervento chirurgico – l’archeologo è stato ricordato con un minuto di silenzio: al posto che l’assessore normalmente occupava nella sala Giunta è stato depositato un mazzo di fiori. Quindi il governo regionale ha deciso di approvare proprio le ultime proposte avanzate da Tusa nelle scorse settimane.

Con la prima delibera è stato deciso di finanziare – con cinque milioni di euro del Patto per il Sud – sei interventi di risanamento e valorizzazione di alcuni edifici dell’Isola. In particolare, circa 2,6 milioni di euro verranno utilizzati per il Castello di Maredolce a Palermo (restauro dell’edificio del Complesso, realizzazione di una piazza nell’area antistante e sistemazione del Parco). Gli altri 2,4 milioni di euro sono destinati per il completamento del rifacimento e la manutenzione straordinaria delle coperture, il restauro delle superficie decorate e il trattamento dei soffitti del Duomo di Monreale.

Il governo Musumeci ha dato il via libera anche a due disegni di legge proposti in precedenza da Tusa che modificano la precedente normativa sul “Consiglio regionale per i Beni culturali e paesaggistici” e sulla “Istituzione del sistema dei Parchi archeologici in Sicilia”.

Ricordato l’assessore in aula. Al via finanziamenti per il risanamento di alcuni edifici, dal Castello di Maredolce al Duomo di Monreale e due disegni di legge

di Redazione

La Regione ricorda Sebastiano Tusa. La giunta si è riunita oggi a Palazzo d’Orleans per la prima volta dopo la tragica scomparsa dell’assessore regionale ai Beni culturali, avvenuta nell’incidente aereo di domenica scorsa in Etiopia. In apertura della seduta – presieduta dal vicepresidente Gaetano Armao, vista l’assenza del presidente Nello Musumeci, ancora convalescente dopo un piccolo intervento chirurgico – l’archeologo è stato ricordato con un minuto di silenzio: al posto che l’assessore normalmente occupava nella sala Giunta è stato depositato un mazzo di fiori. Quindi il governo regionale ha deciso di approvare proprio le ultime proposte avanzate da Tusa nelle scorse settimane.

Con la prima delibera è stato deciso di finanziare – con cinque milioni di euro del Patto per il Sud – sei interventi di risanamento e valorizzazione di alcuni edifici dell’Isola. In particolare, circa 2,6 milioni di euro verranno utilizzati per il Castello di Maredolce a Palermo (restauro dell’edificio del Complesso, realizzazione di una piazza nell’area antistante e sistemazione del Parco). Gli altri 2,4 milioni di euro sono destinati per il completamento del rifacimento e la manutenzione straordinaria delle coperture, il restauro delle superficie decorate e il trattamento dei soffitti del Duomo di Monreale.

Il governo Musumeci ha dato il via libera anche a due disegni di legge proposti in precedenza da Tusa che modificano la precedente normativa sul “Consiglio regionale per i Beni culturali e paesaggistici” e sulla “Istituzione del sistema dei Parchi archeologici in Sicilia”.

Hai letto questi articoli?

Un’opera di Berta per la rassegna “Sacrosanctum”

Prosegue la rassegna d’arte contemporanea, a cura di Adalberto Abbate e Maria Luisa Montaperto, all’Oratorio di San Mercurio di Palermo

di Redazione

Prosegue la rassegna d’arte contemporanea Sacrosanctum all’Oratorio di San Mercurio di Palermo. L’opera numero 14 della manifestazione sarà creata da Filippo Berta e presentata al pubblico, venerdì 15 marzo alle 19, a San Mercurio, dove resterà visibile al pubblico fino al 22 aprile.

Protagonista dell’opera di Berta per Sacrosanctum.14 è una pecora priva del proprio manto. Spogliata del suo vello questa piccola unità di un gregge può mostrare ora ogni sua piccola specificità, allontanandosi da un’immagine collettiva tipizzata e uniformante. Ma la pecora possiede anche un importante valore simbolico. L’Agnus dei, la vittima sacrificale, ci parla di redenzione e di patimento, di sofferenza e di accettazione. Così Isaia descrive Cristo che si avvia al martirio: “Era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori” (Isaia 53,7). Filippo Berta ce ne offre una versione vivida e contemporanea.

La ricerca di Berta, focalizzata sul rapporto individuo-società, analizza le tensioni che intercorrono tra necessità di una ricerca identitaria e adesione a modelli condivisi, smascherando il falso potere generato dall’aderenza a schemi esistenziali codificati e standardizzati. Queste disarmonie sociali, generate dal rapporto fra perfezione e imperfezione, unicità e uniformità, idoli e idolatria, trovano la loro messa in forma in installazioni e performance dal sapore destabilizzante; atti performativi calati in scenari di estremo rigore visivo che si aprono spesso all’errore e alla rottura di uno stato imposto.

Giunta alla seconda edizione e al suo quinto anno di vita, Sacrosanctum è una rassegna d’arte contemporanea a cura di Adalberto Abbate e Maria Luisa Montaperto, sostenuta e organizzata dall’associazione Amici dei Musei Siciliani. Grazie al fondamentale apporto degli artisti è stato possibile valorizzare un patrimonio culturale unico, promuovendo all’interno di siti monumentali interventi di manutenzione e restauro.

La mostra è visitabile tutti i giorni dalle 10 alle 18. Per informazioni telefonare allo 0916118168.

Prosegue la rassegna d’arte contemporanea, a cura di Adalberto Abbate e Maria Luisa Montaperto, all’Oratorio di San Mercurio di Palermo

di Redazione

Prosegue la rassegna d’arte contemporanea Sacrosanctum all’Oratorio di San Mercurio di Palermo. L’opera numero 14 della manifestazione sarà creata da Filippo Berta e presentata al pubblico, venerdì 15 marzo alle 19, a San Mercurio, dove resterà visibile al pubblico fino al 22 aprile.

Protagonista dell’opera di Berta per Sacrosanctum.14 è una pecora priva del proprio manto. Spogliata del suo vello questa piccola unità di un gregge può mostrare ora ogni sua piccola specificità, allontanandosi da un’immagine collettiva tipizzata e uniformante. Ma la pecora possiede anche un importante valore simbolico. L’Agnus dei, la vittima sacrificale, ci parla di redenzione e di patimento, di sofferenza e di accettazione. Così Isaia descrive Cristo che si avvia al martirio: “Era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori” (Isaia 53,7). Filippo Berta ce ne offre una versione vivida e contemporanea.

La ricerca di Berta, focalizzata sul rapporto individuo-società, analizza le tensioni che intercorrono tra necessità di una ricerca identitaria e adesione a modelli condivisi, smascherando il falso potere generato dall’aderenza a schemi esistenziali codificati e standardizzati. Queste disarmonie sociali, generate dal rapporto fra perfezione e imperfezione, unicità e uniformità, idoli e idolatria, trovano la loro messa in forma in installazioni e performance dal sapore destabilizzante; atti performativi calati in scenari di estremo rigore visivo che si aprono spesso all’errore e alla rottura di uno stato imposto.

Giunta alla seconda edizione e al suo quinto anno di vita, Sacrosanctum è una rassegna d’arte contemporanea a cura di Adalberto Abbate e Maria Luisa Montaperto, sostenuta e organizzata dall’associazione Amici dei Musei Siciliani. Grazie al fondamentale apporto degli artisti è stato possibile valorizzare un patrimonio culturale unico, promuovendo all’interno di siti monumentali interventi di manutenzione e restauro.

La mostra è visitabile tutti i giorni dalle 10 alle 18. Per informazioni telefonare allo 0916118168.

Hai letto questi articoli?
Le vie dei Tesori News

Send this to a friend