Arrivano i primi dissuasori a scomparsa in via Maqueda

Si trovano in corrispondenza dell’accesso all’isola pedonale, davanti al Teatro Massimo. A giorni entreranno in funzione

di Redazione

Spuntano i primi dissuasori a scomparsa nel centro storico di Palermo. Si trovano in via Maqueda, in corrispondenza dell’accesso all’isola pedonale, in piazza Verdi, davanti al Teatro Massimo. Le maestranze del Coime hanno ultimato i lavori e adesso si attende soltanto il via libera da parte dell’amministrazione comunale per l’entrata in funzione, che avverrà a giorni.

Lo scavo in via Maqueda

Così, a sei mesi dall’inizio del cantiere, anche Palermo avrà presto i primi “bollards”, le barriere mobili utilizzate per impedire il passaggio o la sosta ai veicoli – che andranno a sostituire i “new jersey”, gli antiestetici blocchi di cemento collocati a protezione delle isole pedonali in funzione antiterrorismo. I lavori sono stati rallentati prima da importanti scoperte di reperti di età islamica e di epoche successive fatte durante gli scavi (ne abbiamo parlato qui) e poi dall’emergenza sanitaria causata dal Covid-19. Ma adesso i “bollards” sono pronti a entrare in funzione.

Il progetto dei lavori

“Il completamento dei lavori di installazione dei dissuasori a scomparsa, – dichiarano il sindaco Leoluca Orlando ed il vicesindaco Fabio Giambrone – anche se in ritardo per il rinvenimento di reperti archeologici prima e per il blocco dei cantieri per il Covid-19 dopo, è un bel segnale per l’area pedonale di via Maqueda. Un intervento di decoro che contribuirà all’immagine dell’area, come faranno i dissuasori di prossima installazione alla Cattedrale e in piazza Marina. Nei prossimi giorni saranno definite le modalità di funzionamento e attivazione nel corso di un incontro tecnico cui prenderanno parte anche la Sispi e la polizia municipale. Siamo grati al Coime per questo nuovo segnale di attenzione e dedizione a servizio della città”.

Condividi
Tags

In evidenza

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Monete, sigilli e medaglie del Salinas rivivranno in digitale

Presentato il progetto di digitalizzazione della collezione numismatica custodita nel museo archeologico di Palermo. Un patrimonio che, oltre al nucleo greco, comprende pezzi islamici, bizantini e normanni

A lezione di felicità col maestro buddista Tsenshab Serkong Rinpoce

Il giovane lama sarà a Palermo per una tre giorni organizzata dal Centro Muni Gyana, preceduta da una conferenza aperta che si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa

Ultimi articoli

A Lentini è scontro per la gestione di Palazzo Beneventano

Monta la polemica tra il Comune e i privati per l’affidamento dell’ex residenza nobiliare diventata polo culturale. L’amministrazione ha invitato la cooperativa Badia Lost & Found a riconsegnare i locali del bene revocando la concessione

Il Duomo di Cefalù si prepara a rinascere, al via i lavori di restauro

Gli interventi finanziati con due milioni di euro dalla Regione Siciliana interesseranno le coperture, gli esterni e gli apparati decorativi del monumento normanno, che è parte del patrimonio Unesco. Le imprese avranno 365 giorni per ultimare le opere

Svelato il soffitto trecentesco del monastero di Santa Caterina

Nascosto al di sopra della volta della sacrestia, un prezioso tetto ligneo decorato simile a quello dello Steri. Si può ammirare attraverso una app realizzata dall’Università di Palermo. Esposto anche un raro affresco medievale scoperto durante il restauro

Articoli correlati