Arriva il Rito della Luce nel segno dell’eresia

Torna in Sicilia, dopo un anno di pausa, l’evento ideato da Antonio Presti. Parteciperanno oltre 300 artisti, tra l’Atelier sul Mare di Castel di Tusa e la Piramide di Motta d’Affermo

di Redazione

Dopo un anno di “silenzio” torna in Sicilia il Rito della Luce di Antonio Presti. L’appuntamento, che vedrà protagonisti oltre 300 artisti, è in programma dal 21 al 23 giugno nei luoghi che da sempre hanno contraddistinto la Fiumara d’Arte in provincia di Messina: l’Atelier sul Mare di Castel di Tusa, che con le sue stanze d’arte incanta visitatori di tutto il mondo e la Piramide del 38esimo Parallelo di Motta d’Affermo, il luogo in cui si svolge il Rito della Luce al solstizio d’estate.

Il Rito della Luce

Dopo il silenzio, dettato dalla necessità di un momento di riflessione per alcune scomparse che hanno scalfito l’animo dell’artista siciliano – la morte della madre e degli artisti Mario Staccioli (che è autore della Piramide) e di Hidetoshi Nagasawa (che ha firmato Stanza di Barca d’Oro all’intero della fiumara) – adesso l’evento torna nel segno dell’”eresia”.

“Eretico – spiega Antonio Presti – è oggi chi ha il coraggio di avere più coraggio, di chi crede che solo nel noi l’io possa trovare realizzazione e di chi sostiene la bellezza della diversità. Si tratta di un’eresia laica, dei fatti prima che delle parole, quella che sta nell’etica prima che nei discorsi. L’eresia della coerenza, del coraggio, della gratuità, della responsabilità, dell’impegno e dell’esempio di ognuno di noi”.

Un momento del Rito della Luce

Il Rito della Luce ritorna dunque quest’anno nei giorni del solstizio d’estate con l’Eresia della Bellezza, sotto la direzione artistica della regista Linda Ferrante. “Non vi è realtà rivelata – aggiunge ancora Presti – se non quella della bellezza, insostenibile, differente, sovversiva e invisibile”. Una nuova forma di esaltazione della giustizia dopo un anno di silenzio che ha anche avuto a che fare con quelle che Antonio Presti definisce “ferite interiori e civili”. Durante la tre giorni ci sarà occasione di assorbire l’energia delle opere che contraddistinguono la Fiumara d’Arte, di visitare le stanze dell’Atelier sul Mare che hanno reso famoso ed unico l’albergo che si affaccia sulle acque di Castel di Tusa, di vivere per tre giorni immersi in performance e mostre e di partecipare alla magia del rito stesso tra le pareti di una piramide che si apre come un cuore immobile, dentro il quale penetra la luce che è insieme simbolo di conoscenza e rinascita interiore.

Tra gli eventi in programma, sabato 22 giugno alle 21, l’inaugurazione della mostra sculture-design a cura di Umberto Leone e Ute Pyka nell’Atelier sul Mare, a seguire esibizioni di un artisti con musiche, canti e reading di poesia. Il 23 dalle 15 in poi ha inizio il Rito della Luce alla Piramide, con danze e performance fino al tramonto.

Hai letto questi articoli?
Articolo PrecedenteProssimo Articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le vie dei Tesori News

Send this to a friend