In volo sulle Madonie: nasce la prima zipline siciliana

Tutto pronto per l’inaugurazione dell’impianto a San Mauro Castelverde, un cavo lungo 1650 metri per volare tra monti e valli

di Giulio Giallombardo

Volare a cento chilometri orari tra le valli delle Madonie. Un minuto e mezzo di pura adrenalina sospesi nel vuoto a trecento metri d’altezza. Sono emozioni forti quelle che promette la prima zipline siciliana, un cavo lungo 1650 metri che farà di San Mauro Castelverde, borgo delle esperienze estreme. Si spiccherà il volo da una postazione installata vicino all’ex convento dei Benedettini, alla periferia del paese, per “atterrare” lungo la strada provinciale che dal centro abitato conduce alla frazione di Borrello, in contrada Pero.

La partenza sulla zipline

Dopo anni di annunci e attese, l’impianto – costato circa un milione di euro – è pronto a essere inaugurato. “Stiamo predisponendo il bando di gara che sarà ultimato entro il 15 giugno, così da affidare la zipline intorno alla metà luglio, per inaugurarla alla fine dello stesso mese”, ha assicurato il sindaco di San Mauro, Giuseppe Minutilla, a Le Vie dei Tesori News. Il “volo dell’angelo” sarà, dunque, l’attrattiva dell’estate del piccolo centro madonita. Una teleferica d’acciaio, con una pendenza del 16 per cento, tirata tra due punti diversi a cui ci si aggancia su una carrucola fornita di dispositivi frenanti. Una corsa tra le nuvole in tutta sicurezza, che – spiega il sindaco – “potranno fare anche i diversamente abili con una speciale imbracatura”.

San Mauro Castelverde

La zip-line di San Mauro, infatti, offre tre modalità di volo: la prima, quella classica a pancia in giù; poi si potrà scegliere di stare seduti, aggrappati alla carrucola e, infine, previsto anche un sistema di sicurezza dedicato ai disabili. “La nostra zip-line è stata realizzata da una ditta di Belluno specializzata in impianti di questo tipo – aggiunge il sindaco Minutilla – è una tecnologia tutta italiana con un sistema di frenaggio magnetico, molto efficiente. Il cavo d’acciaio è stato realizzato in un’unica fusione in Austria e poi intrecciato in Italia. Siamo davanti a un impianto sicuro al cento per cento, che quando entrerà a regime farà volare circa 10mila persone all’anno”.

Gole di Tiberio (foto Rosario Vecchio, Wikipedia)

I “voli” partiranno dalle 9 fino alle 20 durante la stagione estiva, anche se la fruibilità sarà legata alle condizioni meteorologiche: in presenza di vento, infatti, l’impianto sarà chiuso. Inoltre, nella postazione d’arrivo, è previsto un servizio di navetta che porterà i visitatori fino al punto di partenza. “Abbiamo scommesso molto su quest’impianto, che darà lavoro a una dozzina di persone, più l’indotto – sottolinea il sindaco – . Un investimento che darà una mano ai nostri i giovani e diventerà volano dello sviluppo del territorio. Insieme alle Gole di Tiberio, la zip-line sarà l’attrattiva di punta del nostro borgo, anche se abbiamo in cantiere la realizzazione di un ‘villaggio delle fate’, ovvero alcune case sugli alberi che nasceranno su un colle vicino al paese. Vogliamo che San Mauro diventi luogo di attrattiva turistica per una vacanza fuori dagli schemi, tra natura, cibo e cultura”.

Condividi
Tags

In evidenza

Cefalù fa il bis con Le Vie dei Tesori tra chiese inedite e studi d’artista

Il festival torna per il secondo anno consecutivo nella cittadina normanna. Aprono le porte sei luoghi, si aggiungono quattro esperienze e una passeggiata. Percorsi tra arte e natura, antiche vestigia e sentieri verdi che si arrampicano fin sulla Rocca

Le Vie dei Tesori 2022, presentato il festival a Palermo

Presentata la sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori a Palermo. Oltre 150 tra visite nei luoghi ed esperienze, 90 passeggiate d’autore e 10 fuoriporta. Si potrà salire su Porta Nuova, si entrerà nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker che ospitò il maxiprocesso, si scoprirà il Gasometro. Tour in chiese inedite del centro, in luoghi strappati alla mafia e rigenerati con i cittadini. Teatralizzazioni e mostre negli antichi palazzi, sassofoni tra i reperti archeologici, teatro al Castello a mare e un forum internazionale con l’Università.

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Ultimi articoli

Dalla Prefettura all’aula bunker fino all’Ucciardone, porte aperte ai tesori della legalità

Tre luoghi normalmente chiusi al pubblico, dove è viva la presenza dello Stato, si potranno visitare in occasione della sedicesima edizione del festival Le Vie dei Tesori, che torna a Palermo dal 30 settembre al 30 ottobre

Le Vie dei Tesori debutta a Alcamo tra castelli, chiese e cisterne arabe

Il festival arriva per la prima volta nella cittadina trapanese nei tre weekend dall’1 al 16 ottobre. Si sale fino al Castello di Calatubo, quasi inaccessibile, e si visita quello dei Conti di Modica. Aprono sette luoghi tra cui chiese, musei, torri e un’antichissima cuba

Le Vie dei Tesori saluta le prime otto città, ecco le passeggiate dell’ultimo weekend

Da Messina a Enna, da Caltanissetta a Trapani e Mazara del Vallo, fino a Termini Imerese, sono tanti gli itinerari in programma per l'ultimo fine settimana del festival di settembre, tra grotte, cripte, antichi villaggi e reperti preistorici

Articoli correlati