Annod-Omini Fest fa tappa a Contessa Entellina: musica e teatro in piazza

Prosegue il progetto itinerante ispirato a tre donne del passato in altrettanti paesi per tre weekend. Il Teatro alla Guilla e Le Vie dei Tesori portano in scena spettacoli, concerti e narrazione. Dopo Palazzo Adriano, tocca al borgo arbëreshë. Si chiuderà con Carini

di Redazione

Contessa Entellina

Seconda settimana per l’Annod-Omini Fest, il nuovo progetto di narrazione e spettacolo che si sta srotolando in tre borghi legati ad altrettante figure femminili: è iniziato a Palazzo Adriano che leggenda vuole sia legato a Santa Rosalia; e prosegue il prossimo weekend (da venerdì 4 a domenica 6 novembre) a Contessa Entellina, il comune che ospita Santa Maria del Bosco, l’abbazia misteriosa da dove proviene il busto candido di donna Eleonora scolpito dal Laurana e conservato al Museo Abatellis; il programma si chiuderà infine a Carini, dall’11 al 13 novembre, il borgo con il maniero dove ogni pietra racconta l’ “amaru casu” della baronessa, divenuta suo malgrado simbolo ante-litteram di un femminicidio.

Valerio Strati

Annod-Omini è un unico progetto itinerante con la direzione artistica di Valerio Strati, nato dalla sinergia tra il Teatro alla Guilla, Le Vie dei Tesori e i tre comuni coinvolti, con il supporto del Ministero dei Beni culturali e della Città metropolitana di Palermo nell’ambito del Bando periferie: un unico percorso che attraversa i tesori dei borghi e che a ogni tappa si arricchisce di performance musicali e teatrali. Al termine del percorso, uno spettacolo in piazza chiude la giornata, coinvolgendo la comunità in una “restituzione” finale. La formula è unica: nel pomeriggio un narratore condurrà tra i tesori del borgo, con tappe e soste affidate a musicisti, attori, performer. E, accanto alle attività in strada, i laboratori dei bambini con Circ’Opificio. Tutto a ingresso e partecipazione gratuita.

Eletta Del Castillo

A Contessa Entellina, Annod-Omini si interseca e si annoda a Kuntisa, il portale di promozione turistica della comunità. In piazza Umberto I, gli artisti circensi di Circ’Opificio coinvolgeranno (ogni giorno, tra le 16,30 e le 18,30) i più piccoli in giocolerie, piccole acrobazie, magie leggere. Venerdì 4 novembre alle 17 inizia il percorso alla scoperta delle vie storiche del borgo, condotto da Marco Coico, con le performance di Luigi Rausa e Alessandra Falanga sulle note di Gioele Incandela; le improvvisazioni musicali sono di Angelo Adamo, la narrazione di Maria Grazia Saccaro, le incursioni canore di Margherita Riotta, per condurre fino alla performance a cura di Eletta Del Castillo.

L’inaugurazione della statua di Scanderbeg

Questo programma si ripeterà per ciascuno dei tre giorni, mentre la sera sono previsti spettacoli diversi e in via Alessio e sulla scalinata dello Spazio Greco, proprio dove sabato scorso è stata inaugurata la nuova statua dedicata al patriota albanese Scanderbeg, firmata da Vincenzo Muratore e promossa dal Comune: venerdì alle 19, reading a cura dei giovani del laboratorio teatrale; sabato alle 21, il concerto di Angelo Daddelli & i Picciotti; domenica infine alle 19 al cortile via Alessio, “L’ultima notte di Caligola”, radiodramma teatrale ispirato all’opera di Albert Camus, con Anton Giulio Pandolfo, sulle musiche ed effetti sonori di Maurizio Curcio.

Il terzo e ultimo weekend di Annod-Omini sarà tra l’11 e il 13 novembre tra i vicoli antichi e le cappelle istoriate di Carini. Tutti e tre i comuni fanno parte del circuito delle Vie dei Tesori, il più grande progetto dedicato alla valorizzazione del patrimonio della Sicilia.

Condividi
Tags

In evidenza

Piazza Duomo a Cefalù cambia volto, partono i lavori per la nuova pavimentazione

Le opere di manutenzione di uno dei luoghi più fotografati al mondo vedranno la messa in posa di un nuovo basolato in marmo di Billiemi, come come approvato dalla Soprintendenza ai Beni culturali

Dall’inferno al paradiso per la biodiversità: viaggio nel Museo del Mare di Milazzo

Un polo espositivo unico che nasce attorno allo scheletro di un capodoglio rimasto impigliato in una rete da pesca illegale. Un percorso educativo ambientale lungo tre livelli che richiamano i gironi danteschi

L’avventura di un alpinista siciliano sul vulcano più alto del mondo

Il messinese Nunzio Bruno ha raggiunto la vetta dell'Ojos del Salado, a quasi settemila metri tra Cile e Argentina, una delle tappe di un progetto dedicato alla madre che soffre di Sla. Adesso punta all’Himalaya

Ultimi articoli

Si vota per il concorso Art Bonus 2023: ecco i progetti siciliani in gara

Si potrà scegliere tra i beneficiari dei fondi donati dai mecenati a sostegno della cultura. Nell’Isola selezionati gli interventi per il Teatro Greco di Siracusa, il Massimo di Palermo e l’Accademia Filarmonica di Messina

Palermo, Sorgenti del Gabriele

Un piacevole senso di frescura e il gorgoglio dell’acqua accolgono il visitatore che, a Palermo,  raggiunge le sorgenti naturali ai piedi della “conigliera”, oggi...

Acireale, una mostra racchiude le opere dei Gagini nel territorio etneo

Nel Palazzo Comunale un percorso espositivo che unisce Sicilia, Calabria e Bissone, terra di origine di Domenico Gagini, capostipite della famiglia di artisti e protagonista di un “approdo” che favorì l'interscambio tra sperimentazioni d'arte nel Rinascimento

Articoli correlati