Alla scoperta del Castello, il belvedere segreto di Agrigento

Un tesoro quasi sconosciuto nel colle di Girgenti, che regala un panorama mozzafiato. Un tempo destinato a carcere, adesso è in attesa di rinascere

di Beniamino Biondi

La fisionomia di Agrigento come città doppia – cioè pirandelliana, singolare e multipla – non si esplicita solamente nel rapporto di alterità speculare tra Akragas – in cui si estendevano l’abitato e i monumenti pubblici antichi – e Agrigento, tra la città greca e la città medievale, ma anche nella relazione di frontalità assoluta tra le due colline della città, la Rupe Atenea con la sua acropoli quasi certamente del periodo greco, e il colle di Girgenti. E però, a ben vedere, il rapporto di specularità fotografica tra i due luoghi pone la misteriosa Rupe non di fronte alla Cattedrale ma al Castello. Senza sbavature, lungo un asse perfetto, come due manti di tufo cauti e prudenti nel loro secolare immobilismo.

Castello di Agrigento

Ad Agrigento, in pochissimi conoscono il Castello; i più non ne hanno mai nemmeno sentito parlare, e le notizie scarse e incidentali vi conducono pochi turisti, isolati e smarriti, su un luogo che quasi non esiste. Se questo Castello ha un mistero, la sua natura appartata lo tiene ben custodito. Ubicato al vertice del tessuto urbano, fu costruito dagli arabi nel X secolo e ripreso da Ruggero per assicurare il controllo della città musulmana appena conquistata, servendo da base per completare la conquista della zona. Com’è naturale, il Castello sfruttava la posizione favorevole del sito, un rilievo naturalmente difeso, e purtroppo oggi ne rimangono pochissimi avanzi, le cui rovine – di proprietà comunale – sono state ulteriormente stravolte dalla costruzione di un serbatoio idrico.

Il vicolo che conduce al Castello

Per arrivarci esistono due differenti strade, l’una chiara e l’altra occulta. Quest’ultima è una porticina che si apre dal museo di Sant’Alfonso, fra scale e corridoi, attraversando numerosi ambienti e nicchie, con il consenso di chi accoglie al museo stesso. L’altra, pubblica, si trova immediatamente all’imbocco della via Duomo, sulla destra. È una curva perfettamente angolare, e dunque poco visibile, che pare quasi si spenga all’accesso di un cortiletto con un pugno di case intorno, ma in realtà si comprime poi a una ripidissima salita che prosegua con una sterzata a gomito fino alla cima, dove si oltrepassa un cancello sempre aperto che immette a un pianoro desolato e incolto.

 

 

Ecco che la vista domina il centro storico, i suoi tetti scomposti, i terrazzamenti di una meravigliosa villa con giardino abbandonata, e soprattutto – lontana – la Rupe Atenea, incastrata allo sguardo da una florida palma. È un’Agrigento insolita dal suo angolo più riposto, nell’idea curiosa che i luoghi meglio nascosti sono proprio quelli più esposti. Del Castello sono visibili le ultime tracce, mortificate da un’orrenda casupola in cemento che in tempi lontani servì da piccolo ufficio per gli impiegati del servizio idrico. Uno scempio inutile, atrocemente disturbante, il residuo di un paese che ha ceduto alla bruttezza chiamandola modernità.

Chiesa di Sant’Alfonso

Ma per converso, è proprio questo tugurio quadrato che fa risaltare la bellezza del posto, che continua per un piccolo corridoio a due brevi rampe di scale che conducono sul punto più alto del Castello, una vasta area pianeggiante con un lungo muretto basso di tufo che la recinta per ogni suo lato. Uno spettacolo della natura e della storia, non soltanto per la vista che abbraccia il mare con le due città, ma per il senso di altitudine che dona questa sommità a confronto con il precipizio che da un lato si staglia a vuoto sul dorso della collina. Il campanile di Sant’Alfonso è lì a due passi, quasi a toccarlo con le dita, e Agrigento emerge al ristoro di un silenzio senza eguali. Se la città volesse dotarsi di un belvedere, è questo il posto; ideale, nella misura in cui è perfettamente naturale. E andrebbe recuperato senza ulteriori attese, abbisognando solo di qualche pulizia e della sistemazione dei gradini sbrecciati, un presidio minimo di sicurezza e una tavola di notizie per i turisti.

Il tetto della chiesa dell’Itria

Se le condizioni del Castello sono di disfacimento totale, sull’aspetto strutturale del fortilizio in epoca normanna, Malaterra utilizza le due parole “turres et propugnacula che evocano l’esistenza di una cinta munita di torri; mentre le rappresentazioni grafiche, elaborate a partire dal XVI secolo, raffigurano un complesso a pianta assimilabile a quella di un trapezio isoscele, con corte interna, due torri di cortina e vari corpi di fabbrica addossati alle mura perimetrali”. Di più, il Castello richiama alla memoria la funzione che più tardivamente ebbe come prigione di Girgenti – e difatti alcuni lo citano anche come carcere vecchio – fino all’anno 1866, con poche piccole stanze, alcuni cameroni e una grande corte per la vita comune dei detenuti.

Ruderi della chiesa dell’Itria

La vera sorpresa di questo luogo, soprattutto nel suo punto più alto, è la possibilità di osservare da vicino e pressoché per intero il corpo della chiesa dell’Itria: tetto cadente, balconi ammalorati, pertugi inselvatichiti, eppure tra le cose più belle che sia possibile vedere nel cuore antico di Agrigento. In origine nota come Madonna Odigitria, con annesso il convento dei Padri Redentoristi – altrettanto visibile -, la chiesa è a navata unica e di stile barocco con prospetto e portale manieristi. Edificata alla fine del ‘500, nel 1761 venne ceduta ai Padri Redentoristi che la tennero fino alla prima metà dell’800, ma, in seguito alla realizzazione della chiesa di Sant’Alfonso, fu venduta come casa in rovina insieme al giardino.

Il Castello di Agrigento è anche il racconto di questa storia – insieme agli arabi e a Ruggero, ai lamenti dei carcerati e agli aromi delle erbe spontanee, al vento tra le rovine e all’orgoglio di una città ideale – lontana, come un tragico mito, a un presente di devastazione e incuria che ci auguriamo presto venga risolto, se anche la bellezza è una scelta civile.

Articolo PrecedenteProssimo Articolo

10 Comments

  1. Solo chi conosce quei luoghi poteva descriverli così bene, Beniamino Biondi ci regala non solo dei bellissimi ricordi, ma lascia una speranza, rivalutare luoghi sacri alla vecchia Girgenti. Grazie

  2. Buongiorno Beniamino. Pur essendo io nato in questa magnifica e controversa città, non avevo mai sentito parlare del Castello di Girgenti. Che fascino! “Le vestigia degli antichi padri”. Spero davvero che INFORMAZIONI che con la tua passione regali ai tuoi concittadini, siano recepiti non solo dagli Agrigentini, ma anche dalle Autorità cittadine che davvero si concentrino sulle magnificenze della Città . Grazie di vero cuore per le tue ricerche e del modo in cui rappresenti le ricchezze di Agrigento.

  3. Una interessante visita, ben documentata e resa assai interessante nel racconto. Scrittura adeguata. Complimenti all’autore e alla testata

  4. La ricerca delle radici storiche aiuta la costruzione della nostra identità in un processo che non si esaurisce mai e da senso alla nostra stessa esistenza. La divulgaazione di articoli come questo dovrebbe essere un impegno e un dovere di ogni società che meriti questo nome.

  5. Concordo con Gabriella sacchi. Ma quando da Roma esce 1 euro, 90 centesimi vanno ai comuni del nord e 10 al sud. Come si fa? Dovrebbe la politica locale a battere i pugni per la città. Cmq è da notare come i resti di un antico passato, non sono mai stati conservati a fruiti in maniera doverosa. Almeno da quando siamo diventati per forza italiani

  6. Sono talmente innamorata della mia giurgenti che se mai qualcuno me lo chiedessi andrei personalmente a pulire e a dare una mano.

  7. La cecità delle azioni politiche in nome del progresso con un piano regolatore inadeguato ha prodotto. una rovinosa ideologia speculatori…scempio la morte della cultura ..
    Agrigento nn solo Templi….
    Ma ancora nessuno si occupa del recupero artistico del centro storico e propagandare a dovere per renderle giustizia
    Da villa Garibaldi .al Castello ed altre da noi dimenticate..questa è la nostra industria l’origine del nostro lavoro!

  8. Mai saputo di questo castello, sicuramente se ristrutturato attirerebbe molti turisti e darebbe un grande contributo alla storia della nostra Agrigento che merita certamente più attenzione da chi governa e anche da parte notra.

  9. La terra agrigentina è piena di luoghi simile, sta aigli abitanti sollecitare la valorizzazione o la perdita. Conosco luoghi che sono stati recuperati dalla volontà dei cittadini. Esempio piccolo ma significativo è il castello di Padernello nel bresciano, un gioiello recuperato dalla volontà degli abitanti della zona. La storia è in internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le Vie dei Tesori News

Send this to a friend