Al via un bando per il recupero di ville e giardini storici siciliani

La Fondazione Sicilia mette a disposizione 100mila euro per il restauro e la valorizzazione di aree verdi che si trovano nei comuni capoluogo di provincia

di Ruggero Altavilla

Un bando per dare nuova vita a ville e giardini storici delle città siciliane. C’è tempo fino al 29 gennaio per presentare un progetto di riqualificazione “verde” alla Fondazione Sicilia, che mette a disposizione 100mila euro per interventi di recupero di ville, giardini e parchi pubblici di interesse storico-artistico dei capoluoghi dell’Isola. Dopo il bando per i borghi abbandonati, la Fondazione lancia un’altra iniziativa per la salvaguardia del patrimonio pubblico siciliano e la sua fruibilità da parte della collettività. I fondi saranno destinati a progetti, immediatamente eseguibili, per il recupero, il restauro e valorizzazione delle ville, dei parchi e dei giardini pubblici che si trovano nei comuni capoluogo di provincia.

Villa Zito, sede della Fondazione Sicilia

“I progetti – si legge nel bando – dovranno contenere una dettagliata descrizione del lavoro che si intende svolgere per l’attività di restauro e conservazione. Dovranno pure includere la descrizione delle modalità attraverso cui garantire la fruibilità del bene restaurato, in modo da promuovere lo sviluppo del territorio”.  A presentare i progetti – spiegano dalla Fondazione Sicilia – dovrà essere “una amministrazione comunale nella quale insiste il bene da restaurare o conservare. Sarà valutato positivamente il coinvolgimento di altri soggetti partner, con una particolare attenzione per le Associazioni territoriali che si occupano di promozione e tutela del territorio e di soggetti for profit”.

Raffaele Bonsignore

“Un anno fa, un altro bando promosso da Fondazione Sicilia è stato parte attiva nell’attenzione ai borghi abbandonati. Oggi – afferma il presidente della Fondazione, Raffaele Bonsignore – in continuità con la linea della valorizzazione del territorio, ci concentriamo sulla valorizzazione e il recupero di quegli spazi verdi che sono a un tempo i polmoni verdi dei territori e preziose testimonianze architettoniche. Riteniamo che anche da queste iniziative parta una rinascita sociale, economica e civile”. Il finanziamento di interventi di restauro e conservazione di ville, parchi, e giardini pubblici permetterà, infatti, di attivare processi capaci di rafforzare le opportunità di reddito e di occupazione del territorio.

Le richieste di ammissione al bando dovranno essere presentate esclusivamente attraverso il portale Rol a questo link

Condividi
Tags

In evidenza

Dal Castello della baronessa alle chiese preziose, Carini fa il bis con Le Vie dei Tesori

Il festival torna per il secondo anno consecutivo nella cittadina del Palermitano per tre weekend dall'1 al 16 ottobre. In programma sette luoghi e un'esperienza da non perdere: si ascolterà un organo “bandistico” scoprendone il meccanismo

Le Vie dei Tesori svela Catania e Acireale per cinque weekend

Diciannove luoghi nel capoluogo più altri sette nella vicina città alle pendici dell'Etna. Tantissime esperienze fuoriporta, quattro imperdibili passeggiate. Dalle chiese alla luce delle candele alle tombe romane, dai mastri d’ascia alle artiste della cartapesta, dai tour rurali ai giardini tropicali

L’assessorato al Centro storico si apre ai palermitani

In tanti hanno partecipato all’esperienza del festival Le Vie dei Tesori al Noviziato dei Crociferi, guidata dall’assessore Maurizio Carta. Un’occasione per capire come funziona la macchina comunale con visite agli uffici, al cortile e alla terrazza affacciata sul mare

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Stefania Blandeburgo si fa in cinque per Le Vie dei Tesori

Sono cinque i personaggi che l'attrice Stefania Blandeburgo interpreta per la sedicesima edizione delle Vie dei Tesori a Palermo: ognuno rivive nei suoi abiti d’epoca, con una storia da raccontare

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Articoli correlati