Al via lavori di riqualificazione nei siti del Parco archeologico di Gela

Previsti nuovi impianti d’illuminazione, interventi di rifacimento energetico con fonti rinnovabili e pulitura per una migliore fruizione dei beni

di Redazione

Nuova illuminazione e fonti rinnovabili e a basso impatto per gli impianti. E ancora interventi di pulitura e diserbo per una migliore fruizione e potenziamento della videosorveglianza. Avviati i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria e di efficientamento energetico nei siti del Parco archeologico di Gela, diretto dall’architetto Luigi Maria Gattuso.

Vista panoramica dalle mura di Gela (foto fab. gela, Wikipedia, licenza CC BY 2.0)

Gli interventi saranno effettuati, in particolare, – fanno sapere dalla Regione – al museo interdisciplinare di Caltanissetta dove saranno definitivamente risolti problemi di tipo strutturale con interventi anche alle coperture dell’edificio. Significativi lavori di manutenzione straordinaria anche al museo delle Solfare di Trabia Tallarita, al museo regionale di Marianopoli, nell’area archeologica Palmintelli e nelle aree archeologiche di Sabucina, Vassallaggi, nonché alle Mura Timoleontee di Capo Soprano a Gela.

Gli interventi riguarderanno, in particolare, il rifacimento energetico con l’utilizzazione di fonti rinnovabili e a basso impatto e consumo che consentiranno di fornire i siti del Parco di un’illuminazione più adeguata e, soprattutto, permetteranno il potenziamento degli impianti di videosorveglianza, necessari a proteggere i siti durante le ore notturne, quando risultano più esposti a rischi. Con la collaborazione del Dipartimento Regionale dello sviluppo rurale e territoriale sono in corso, inoltre, le operazioni di ripulitura e diserbamento necessari a prevenire il rischio di incendi e rendere i siti ad agevolare la visita dei luoghi.

Tombe a grotticelle di Sabucina (foto Clemensfranz, Wikipedia, licenza CC BY 2.5)

I lavori realizzati sulla base di diversi progetti predisposti dal Parco di Gela e deliberati dal governo regionale, sono realizzati dalla ditta Ati M.B. costruzioni s.r.l. e dalla Conpat Scarl di Catania di per un importo di 1 milione e 700mila euro. Direttore dei Lavori è l’architetto Pedro Angelo Spinnato, mentre la gara è stata curata dal Dipartimento Regionale Tecnico. Gli interventi di efficientamento energetico sono realizzati dal Dipartimento Energia e rientrano nel progetto di complessiva revisione dei sistemi energetici regionali che interessa oltre 90 siti culturali in tutta la Sicilia.

“Un intervento complesso – sottolinea l’assessore regionale ai Beni culturali, Alberto Samonà – che affronta le problematiche legate alla sicurezza, all’accessibilità e alla fruizione dei siti del Parco archeologico, migliorando complessivamente l’offerta di una significativa parte della Sicilia centrale”.

Condividi
Tags

In evidenza

Le Vie dei Tesori svela Catania e Acireale per cinque weekend

Diciannove luoghi nel capoluogo più altri sette nella vicina città alle pendici dell'Etna. Tantissime esperienze fuoriporta, quattro imperdibili passeggiate. Dalle chiese alla luce delle candele alle tombe romane, dai mastri d’ascia alle artiste della cartapesta, dai tour rurali ai giardini tropicali

Nell’aula bunker il racconto del Maxiprocesso con cronisti e magistrati

Il Maxiprocesso dalla voce di chi c’era: i cronisti di mafia e i magistrati raccontano quei mesi. Apre al pubblico durante il festival Le Vie dei Tesori l'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Al primo weekend pieno di visitatori sono intervenuti: il giudice Giuseppe Ayala, il videomaker Giuseppe Di Lorenzo e l’allora cronista di giudiziaria Marcello Barbaro

Le Vie dei Tesori al via a Palermo, ecco il meglio del primo weekend

Apre per la prima volta al pubblico Porta Nuova, si entra nel carcere Ucciardone e nell’aula bunker con i cronisti che seguirono il maxiprocesso, si scopre il Gasometro, ma anche tre chiese inedite con le loro storie. Tante passeggiate e visite teatralizzate tra nobili dame e cortigiane

Ultimi articoli

Le Vie dei Tesori svelano Palermo, tutto il meglio del secondo weekend

Aprono la Banca d’Italia, le sorgenti del Gabriele e i serbatoi di San Ciro, la Specola astronomica, il Convitto Nazionale e la caserma Ruggero Settimo. Rivivono Margheritina nel rifugio Bombace e Margherita Biondo in una tela

Tornano i laboratori gratuiti di Mimmo Cuticchio, seconda tappa allo Stand Florio

In questo nuovo appuntamento si apprendono i primi rudimenti dell'arte dei Pupi, incrociando il pensiero dello scrittore Gianni Rodari

Le Vie dei Tesori sfiora trentamila visite nel primo weekend di ottobre

Ricco fine settimana del festival in dieci città. Palermo arriva quasi a 19mila visitatori mentre le altre insieme superano i 10mila. Santa Caterina il luogo più amato nel capoluogo, seguita dal Politeama. Il lavatoio medievale di Cefalù supera i 500 visitatori. In tanti anche a Trapani e Termini Imerese che hanno aggiunto due giorni in più

Articoli correlati