Al via lavori di riqualificazione nei siti del Parco archeologico di Gela

Previsti nuovi impianti d’illuminazione, interventi di rifacimento energetico con fonti rinnovabili e pulitura per una migliore fruizione dei beni

di Redazione

Nuova illuminazione e fonti rinnovabili e a basso impatto per gli impianti. E ancora interventi di pulitura e diserbo per una migliore fruizione e potenziamento della videosorveglianza. Avviati i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria e di efficientamento energetico nei siti del Parco archeologico di Gela, diretto dall’architetto Luigi Maria Gattuso.

Vista panoramica dalle mura di Gela (foto fab. gela, Wikipedia, licenza CC BY 2.0)

Gli interventi saranno effettuati, in particolare, – fanno sapere dalla Regione – al museo interdisciplinare di Caltanissetta dove saranno definitivamente risolti problemi di tipo strutturale con interventi anche alle coperture dell’edificio. Significativi lavori di manutenzione straordinaria anche al museo delle Solfare di Trabia Tallarita, al museo regionale di Marianopoli, nell’area archeologica Palmintelli e nelle aree archeologiche di Sabucina, Vassallaggi, nonché alle Mura Timoleontee di Capo Soprano a Gela.

Gli interventi riguarderanno, in particolare, il rifacimento energetico con l’utilizzazione di fonti rinnovabili e a basso impatto e consumo che consentiranno di fornire i siti del Parco di un’illuminazione più adeguata e, soprattutto, permetteranno il potenziamento degli impianti di videosorveglianza, necessari a proteggere i siti durante le ore notturne, quando risultano più esposti a rischi. Con la collaborazione del Dipartimento Regionale dello sviluppo rurale e territoriale sono in corso, inoltre, le operazioni di ripulitura e diserbamento necessari a prevenire il rischio di incendi e rendere i siti ad agevolare la visita dei luoghi.

Tombe a grotticelle di Sabucina (foto Clemensfranz, Wikipedia, licenza CC BY 2.5)

I lavori realizzati sulla base di diversi progetti predisposti dal Parco di Gela e deliberati dal governo regionale, sono realizzati dalla ditta Ati M.B. costruzioni s.r.l. e dalla Conpat Scarl di Catania di per un importo di 1 milione e 700mila euro. Direttore dei Lavori è l’architetto Pedro Angelo Spinnato, mentre la gara è stata curata dal Dipartimento Regionale Tecnico. Gli interventi di efficientamento energetico sono realizzati dal Dipartimento Energia e rientrano nel progetto di complessiva revisione dei sistemi energetici regionali che interessa oltre 90 siti culturali in tutta la Sicilia.

“Un intervento complesso – sottolinea l’assessore regionale ai Beni culturali, Alberto Samonà – che affronta le problematiche legate alla sicurezza, all’accessibilità e alla fruizione dei siti del Parco archeologico, migliorando complessivamente l’offerta di una significativa parte della Sicilia centrale”.

Condividi
Tags

In evidenza

Dall’inferno al paradiso per la biodiversità: viaggio nel Museo del Mare di Milazzo

Un polo espositivo unico che nasce attorno allo scheletro di un capodoglio rimasto impigliato in una rete da pesca illegale. Un percorso educativo ambientale lungo tre livelli che richiamano i gironi danteschi

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Ho scelto il Sud, comprano un mulino a pietra e tornano alla terra: la scommessa di due giovani agricoltori

Mauro Calvagna e Rosario Claudio La Placa sono due quarantenni di Belpasso che hanno fondato una società agricola, puntando sugli insegnamenti e l’esperienza delle rispettive famiglie

Ultimi articoli

L’ex “fabbrica della luce” di Palermo diventa bene d’interesse culturale

Il complesso che un tempo ospitava la centrale elettrica Enel di via Cusmano, progettata dall’architetto Salvatore Li Volsi Palmigiano nel 1912, è stata sottoposta a vincolo poiché rappresenta “pregevole esempio di architettura industriale novecentesca legato alla storia della città”

Ho scelto il Sud, comprano un mulino a pietra e tornano alla terra: la scommessa di due giovani agricoltori

Mauro Calvagna e Rosario Claudio La Placa sono due quarantenni di Belpasso che hanno fondato una società agricola, puntando sugli insegnamenti e l’esperienza delle rispettive famiglie

Tutto pronto a Taormina per il restauro della tomba romana La Guardiola

Consegnati i lavori per gli interventi di recupero del monumento sepolcrale all’interno del giardino dell’hotel Villa Fiorita. La sepoltura fa parte di un vasto complesso che risale al Primo secolo dopo Cristo 

Articoli correlati